Scenari

Gas, tutte le incertezze del Mediterraneo orientale

gas

È possibile che come accaduto per il petrolio, anche i prezzi del gas possano finire in territorio negativo, complicando ancora di più la situazione.

Nonostante i miliardi di metri cubi di gas contenuti nelle sue profondità, le prospettive di sviluppo su larga scala del Mediterraneo orientale rimangono ancora incerte, tra piani di trivellazione in sospeso, la battuta d’arresto per il nascente programma di esplorazione del Libano e le ostinate sfide geopolitiche della regione.

Se a ciò si aggiunge la probabilità che entro un decennio – o forse anche prima – i consumatori europei saranno molto più esigenti per quanto riguarda le emissioni di Co2 del gas, alla fine si potrebbe arrivare a non sfruttare una parte del gas della regione che rimarrà inevitabilmente nel sottosuolo.

DOMANDA IN CALO ANCHE DA TAMAR E LEVIATHAN

LeviathanAl momento non è intervenuto alcun fattore che abbia consentito di migliorare le prospettive a breve termine, e i progetti esistenti stanno lottando contro l’impatto dell’epidemia di coronavirus sulla domanda di gas e sulla spesa delle aziende.

La domanda di gas dei colossi Tamar e Leviathan, che producono gas al largo di Israele, dovrebbe diminuire fino al 9% nei prossimi 18 mesi, mentre l’Egitto non esporta un carico di Gnl da marzo.

DA QUEST’ANNO DOVREBBERO RIPARTIRE LE TRIVELLAZIONI

Il 2020 dovrebbe anche segnare la ripresa delle trivellazioni al largo di Cipro, con decine di pozzi di esplorazione nell’agenda delle compagnie petrolifere che cercano di dimostrare la presenza di abbastanza gas da far emergere di un’industria cipriota di una certa rilevanza.

Ma l’attività è tutt’altro che ferma, con le trivellazioni di operatori come la francese Total, Eni e la statunitense ExxonMobil rinviate almeno al prossimo anno. Nel frattempo, il primo pozzo offshore libanese si è arenato, scatenando il timore che qualsiasi sviluppo di gas offshore in quel paese possa non avere inizio.

L’unica attività di trivellazione in corso, infatti, è quella della TPAO di proprietà turca nel Blocco 6 di Cipro, denunciata dalla comunità internazionale come una violazione dei confini marittimi, che minaccia ulteriormente il fragile equilibrio geopolitico della regione.

PREZZI GAS IN TERRITORIO NEGATIVO?

Tuttavia, come ha riportato Reuters la scorsa settimana citando una serie di trader e analisti, è possibile che come accaduto per il petrolio, anche i prezzi del gas possano finire in territorio negativo, complicando ancora di più la situazione. Non solo nel Mediterraneo Orientale. “Se accadrà oggi o la prossima settimana, è difficile dirlo”, ha detto a Reuters un trader europeo del gas.

I prezzi presso l’hub TTF olandese e quelli all’ingrosso nel Regno Unito sono recentemente crollati del 20-30 per cento e c’è il rischio che possano diventare negativi perché la domanda di gas in Europa è ancora molto debole mentre lo stoccaggio è vicino a raggiungere il culmine.

All’inizio di questo mese, ENN Energy Holdings, uno dei maggiori distributori cinesi di gas naturale, ha dichiarato di non escludere la possibilità che i prezzi del gas naturale possano seguire il greggio WTI. “Per il gas naturale, ho sentito parlare della possibilità di prezzi negativi. Penso possa accadere ”, ha dichiarato Wang Yusuo, presidente di ENN Energy Holdings, durante l’assemblea degli azionisti della società, senza specificare quale benchmark del gas naturale in quale regione potrebbe diventare negativo. gas

PREOCCUPAZIONI SULLA CO2

Gli analisti, tuttavia, restano scettici nei confronti dei principali nuovi sviluppi nella regione, viste le numerose sfide che deve ancora affrontare e il recente crollo dei prezzi globali del gas. “Ero molto dubbioso sul gas del Mediterraneo orientale anche a prezzi antecedenti al 2019. Ora lasciamo perdere”, ha dichiarato a S&P Global Platts il principale analista di gas Jonathan Stern dell’Oxford Institute for Energy Studies.

Stern ha detto che quando ogni nuovo gas del Mediterraneo orientale sarà teoricamente pronto per l’esportazione in Europa, forse solo alla fine del 2020, i limiti di CO2 aggiungeranno ulteriori costi e complessità. “I detentori di risorse del Mediterraneo orientale devono concentrarsi sulla fornitura alla regione: costi economici più bassi, meno preoccupazioni per la CO2”, ha detto Stern.

ALTRI ANALISTI SONO PIÙ OTTIMISTI

Constantinos Papalucas, fondatore della società di consulenza EastMed Energy Hub, ha dichiarato a S&P Global Platts che il recente rinvio delle perforazioni programmate ha offerto l’opportunità ai paesi della regione di raggrupparsi e muoversi insieme. “L’EastMed sta entrando in un periodo di verifica della realtà, ma non c’è modo di tornare indietro, solo un modo calcolato di procedere”, ha detto Papalucas aggiungendo che la creazione dell’East Mediterranean Gas Forum (EMGF) da parte di Cipro, Egitto, Grecia, Israele, Italia, Giordania e Autorità Nazionale Palestinese nel 2019 è la prova della volontà politica della regione di far funzionare l’industria del gas.

Non solo. Sempre secondo Papalucas la posizione politica della Turchia nei confronti del Mediterraneo orientale dovrebbe incentivare gli altri paesi della regione ad unire le forze per portare avanti progetti come il previsto gasdotto EastMed da 10 miliardi di metri cubi all’anno per collegare le risorse di gas al largo di Cipro e Israele alla Grecia. “Ovunque ci siano minacce, ci sono opportunità”.

Per quanto riguarda EastMed, ha aggiunto che se l’Egitto dovesse decidere di aderire con nuove scoperte nelle sue acque ciò aumenterebbe la probabilità che la capacità del progetto possa essere raddoppiata a 20 mld di mc/anno, migliorando la fattibilità del progetto. I blocchi inclusi negli accordi recentemente firmati con ExxonMobil, Shell, BP, Chevron e Total sono adiacenti a Creta, che è il punto di partenza del terzo tratto del gasdotto.

L’ENIGMA DI CIPRO

ciproCipro, intanto, rimane una sorta di enigma. È uno degli ultimi paesi dell’Ue rimasti a bruciare ancora gasolio per la produzione di energia elettrica, nonostante abbia fatto tre importanti scoperte di gas nell’ultimo decennio.

Gli sviluppatori di Aphrodite, si sono impegnati a inviare il gas in Egitto, mentre le altre due scoperte di Calypso e Glaucus non sono ancora state sviluppate.”La priorità dovrebbe essere la gassificazione dell’isola, ma nessuno vuole sentirselo dire”, ha detto Stern.

E addirittura Cipro – nonostante le sue vaste risorse di gas – ha in programma l’importazione di Gnl nel paese e prevede di costruire dei CCGT per bruciare gas per la produzione di energia.

LE POLEMICHE

In base ad un accordo di 289 milioni di euro firmato a dicembre con un consorzio guidato dai cinesi, un terminale galleggiante per l’importazione di Gnl sarà installato nel porto cipriota di Vassilikos alla fine del 2021 o all’inizio del 2022. Invece di affittare la FSRU, Cipro ne sarà proprietaria, il che dal punto di vista economico è strano in quanto limita la capacità del paese di disfarsi dell’impianto quando non ce ne sarà più bisogno.

Nicosia sta anche pianificando di bloccare un accordo di fornitura di Gnl di 10 anni per il suo terminal, quindi in un momento in cui la maggior parte del mondo si sta aprendo alla concorrenza del gas e del Gnl, Cipro sta facendo l’opposto.