Scenari

Gazprom: export gas in calo nel 2020

Gazprom

Per Gazprom segnerebbe un calo significativo rispetto ai volumi del 2019 e il picco minimo dal 2015

La russa Gazprom prevede che le sue esportazioni di gas verso i mercati internazionali raggiungeranno i 166,6 miliardi di metri cubi nel 2020, il che segnerà una significativa riduzione rispetto alle forniture dell’anno scorso di 199,3 miliardi di metri cubi. Lo ha dichiarato Alexander Ivannikov, il responsabile del dipartimento finanziario di Gazprom.

CAMBIO DI STRATEGIA

La previsione è la prima che Gazprom ha fornito per il 2020 e riflette l’estremo cambiamento delle dinamiche del mercato europeo del gas dall’inizio dell’anno. Ivannikov ha detto agli analisti in conference call che l’obiettivo di volume era, comunque, sotto continuo controllo dato il rapido cambiamento del mercato. “Il divario tra i volumi di quest’anno e quelli dello scorso anno è molto rilevante”, ha detto Ivannikov.

RECORD NEGATIVO DAL 2019

I 199,3 miliardi di metri cubi si riferiscono alle vendite di gas di Gazprom all’Estero – Europa più Turchia e Cina, ma meno i paesi dell’ex Unione Sovietica – e l’obiettivo fissato per il 2020 coprirà probabilmente gli stessi parametri.

Se le forniture di Gazprom dovessero arrivare al volume previsto, rappresenterebbero le vendite più basse dell’azienda all’estero dal 2015, quando ha registrato vendite per 158,6 miliardi di metri cubi.

TEMPESTA PERFETTA

Recentemente, nel mese di febbraio, Gazprom aveva dichiarato che l’ambizione dell’azienda era quella di mantenere le forniture all’estero intorno ai 200 miliardi di metri cubi all’anno fino al 2020.
Tuttavia, Ivannikov ha dichiarato che l’attuale contesto di mercato – con prezzi bassi record e domanda debole – è il risultato di una “tempesta perfetta” di fattori ribassisti, tra cui il secondo inverno mite consecutivo in Europa e lo scoppio del coronavirus.

IN CALO IL PREZZO MEDIO DI VENDITA

Sempre secondo Ivannikov, Gazprom sta attualmente mettendo a bilancio un prezzo medio di vendita realizzato nel 2020 di 133 dollari/1.000 mc — che segna un forte calo rispetto al prezzo medio realizzato di 211 dollari/1.000 mc dell’anno scorso. “Non siamo dogmatici su questi numeri, possono cambiare”, ha aggiunto.

Alla fine di marzo, l’amministratore delegato di Gazprom, Alexei Miller, aveva dichiarato che l’azienda era fiduciosa per le vendite sul mercato europeo nel terzo e quarto trimestre, dicendo che era “troppo presto” per trarre conclusioni sullo stato del mercato dai primi mesi dell’anno.

Tuttavia, l’azienda russa, ha riferito S&P Global Platts, ha anche smesso di pubblicare i dati mensili di produzione ed esportazione dall’inizio del 2020, avendo rilasciato brevi dichiarazioni all’inizio di ogni mese negli ultimi anni.

LA “RESILIENZA” DELL’AZIENDA

Nonostante le prospettive negative per volumi e prezzi per il 2020, Ivannikov ha dichiarato che l’azienda sta ancora dimostrando “resistenza” di fronte al difficile contesto di mercato.

Ivannikov ha dichiarato che il portafoglio di contratti a lungo termine di Gazprom ha mostrato una “dinamica più forte” rispetto agli hub del gas europei.

“L’attuale contesto di mercato è caduto ‘fuori equilibrio’ e tutte le compagnie petrolifere e del gas ne risentono”, ha ammesso. “Ma Gazprom mantiene la sua posizione a lungo termine grazie al suo vantaggio competitivo e alla sua capacità di adattamento”.

Gazprom, ha aggiunto Ivannikov , ha beneficiato dei bassi costi di produzione del gas e delle infrastrutture di trasporto ben sviluppate.
L’azienda russa ritiene inoltre che i prezzi del gas in Europa e in Asia possano aumentare di due o tre volte nei prossimi anni, a seconda del ritmo di recupero della domanda di gas dopo il coronavirus.