Scenari

Gazprom “ottimista” sul mercato europeo del gas nel terzo e quarto trimestre

Gazprom

L’amministratore delegato di Gazprom Alexei Miller ha aggiunto che il mercato potrebbe riprendersi in vista del prossimo inverno

Il gigante russo del gas Gazprom è “ottimista” sul mercato europeo nel terzo e quarto trimestre. Lo ha dichiarato il suo amministratore delegato Alexei Miller al presidente russo Vladimir Putin, dicendo che tuttavia è “troppo presto” per trarre conclusioni sullo stato del mercato fin dai primi mesi dell’anno.

A GENNAIO E FEBBRAIO CALO DEL 25% DELL’EXPORT IN EUROPA

Le esportazioni di gas russo verso l’Europa hanno subito un forte calo dall’inizio dell’anno, con forniture a gennaio e febbraio in calo di circa il 25% rispetto all’anno precedente a 20,4 miliardi di metri cubi, secondo un’analisi dei dati di S&P Global Platts Analytics.

Il calo delle forniture è dovuto alla debolezza della domanda di gas in Europa, causata in primo luogo da un inverno molto mite e da stoccaggi di gas record, ma anche dai blocchi legati ai coronavirus in tutta Europa che hanno ridotto la domanda di gas industriale.

“Se parliamo delle tendenze che stanno prendendo forma nel mercato, il mercato è leggermente in calo”, ha detto Miller in un incontro con Putin al Cremlino.

LA RIPRESA IL PROSSIMO INVERNO

Miller ha aggiunto che il mercato potrebbe riprendersi in vista del prossimo inverno. “Siamo ottimisti per il terzo e quarto trimestre. Probabilmente è troppo presto per trarre conclusioni preliminari dai primi mesi dell’anno”, ha detto Miller.

L’OBIETTIVO È MANTENERE UNA QUOTA DI MERCATO DEL 25%

Gazprom ha anche smesso di pubblicare i dati mensili di produzione ed esportazione dall’inizio del 2020. Il mese scorso, però, ha detto di aver pianificato di esportare circa 200 miliardi di metri cubi all’anno in Europa e in Turchia nel prossimo decennio, con l’intenzione di voler mantenere una quota di circa il 35% del mercato europeo.

Le sue forniture all’Estero – Europa più Turchia, ma meno i paesi dell’ex Unione Sovietica – sono state pari a 199,3 miliardi di metri cubi l’anno scorso, con un leggero calo rispetto al record di 201,4 miliardi di metri cubi del 2018.

Gazprom ha dichiarato che l’azienda ha “mantenuto la sua posizione di primo piano” sul mercato europeo nel 2019 – conquistando una quota di mercato del 36% – nonostante l’aumento delle forniture di Gnl all’Europa.

QUANTO PRODUCE GAZPROM

Miller ha riferito a Putin che l’attuale capacità di produzione di gas di Gazprom è di 545 Miliardi di metri cubi l’anno con una capacità di riserva di circa 45 Miliardi di metri cubi/anno data la produzione totale di 500,1 Miliardi di metri cubi nel 2019.