skip to Main Content

Gli investimenti russi in petrolio e gas? Destinati a crollare di 15 miliardi di dollari nel 2022

Gas

Secondo Rystad Energy, l’anno scorso gli investimenti nell’upstream russo di petrolio e gas hanno raggiunto i 45 miliardi di dollari e si prevede che saliranno a 50 miliardi nel 2022.

Gli investimenti nell’industria upstream del petrolio e del gas in Russia potrebbero diminuire di 15 miliardi di dollari quest’anno a causa delle sanzioni occidentali. Lo ha calcolato Rystad Energy, affermando che il totale dell’anno potrebbe finire intorno ai 35 miliardi di dollari.

INVESTIMENTI A 45 MLD DI DOLLARI NEL 2021

La società di analisi ha osservato che gli investimenti russi nell’upstream si sono attestati a 45 miliardi di dollari lo scorso anno, in crescita rispetto ai 40 miliardi di dollari del 2020. Prima dell’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, si prevedeva che gli investimenti upstream nel Paese sarebbero saliti a 50 miliardi di dollari nel 2022, ma le sanzioni hanno iniziato a colpire l’economia russa anche a causa dell’esodo delle compagnie petrolifere occidentali dal Paese.

ALMENO FINO AL 2025 INVESTIMENTI PIU’ BASSI DELLA MEDIA

Secondo Rystad, gli investimenti rimarranno più bassi del normale almeno fino al 2025, ma questo probabilmente interesserà le compagnie petrolifere più piccole, mentre Gazprom e Rosneft potranno continuare a spendere come hanno fatto fino a quest’anno, ha dichiarato la società.

I GUAI PER IL GNL

La situazione sembra essere particolarmente preoccupante per l’industria del Gnl, dove diversi progetti su larga scala sono stati ritardati a causa di problemi tecnologici e di finanziamento legati alle sanzioni.

“La guerra in Ucraina è costata cara al settore russo del petrolio e del gas e gli investimenti nei progetti hanno subito un duro colpo. Le interruzioni legate a Covid nel 2020 hanno trascinato la spesa, ma quest’anno sembra essere l’inizio di un crollo pluriennale che farà impallidire gli anni di Covid”, ha dichiarato Swapnil Babele, analista senior di Rystad.

PIÙ COLPITI I PROGETTI GREENFIELD

Secondo la società di analisi, i progetti più colpiti saranno quelli greenfield, con investimenti nello sviluppo di nuovi giacimenti destinati a diminuire del 40% quest’anno rispetto all’anno scorso, passando a 8 miliardi di dollari da 13,7 miliardi.

NEL 2024 PREVISTO UN NUOVO AUMENTO DELLA PRODUZIONE

Per l’anno prossimo Rystad non prevede il semaforo verde di nuovi progetti significativi nel settore del petrolio e del gas, a causa degli effetti persistenti delle sanzioni occidentali. Nel 2024, tuttavia, ci sarà un aumento della produzione, quando Gazprom inizierà l’estrazione da un nuovo giacimento (il giacimento di gas condensato di Chayandinskoye Fase 2 ) e Rosneft avvierà la produzione in uno dei giacimenti che compongono il gigantesco progetto Vostok Oil di Rosneft nel nord del paese.

GLI INVESTIMENTI BROWNFIELD DOVREBBERO DIMINUIRE SOLO DEL 14%

In confronto, gli investimenti brownfield dovrebbero diminuire solo del 14%, poiché la produzione di petrolio non ha subito un colpo significativo. L’impatto della minore domanda di petrolio sarà visibile il prossimo anno, quando gli investimenti in aree dismesse diminuiranno di circa il 20% rispetto al 2021. Rosneft e Lukoil rappresenteranno circa il 42% della spesa.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore