Sostenibilità

Smet: stop al diesel. Dal 2022 solo camion Gnl

L’operatore salentino specializzato nella logistica integrata ha deciso di investire nella sostenibilità della flotta

Stop al diesel. Dal 2022 la flotta di camion del gruppo Smet, azienda salentina specializzata nella logistica integrata, sarà costituita esclusivamente da mezzi alimentati a gas naturale liquefatto (Gnl), gli Eco Truck LNG. Lo ha annunciato Domenico De Rosa, Amministratore delegato di Smet, in occasione della cerimonia di inaugurazione del primo impianto di rifornimento di GNL del sud Italia, svoltasi la settimana scorsa presso la stazione di Baronissi Est sul raccordo autostradale Avellino-Salerno.

DE ROSA: SIAMO STATI TRA I PRIMI A VOLERE QUESTA SVOLTA GREEN GIÀ DAL 2014

“Elimineremo completamente l’alimentazione a diesel e ci concentreremo sull’utilizzo del gas naturale, che rappresenta il combustibile del futuro – ha sottolineato De Rosa –: consente di abbattere significativamente le emissioni di CO2 e di polveri sottili e, in alcuni casi, anche di ridurre l’inquinamento acustico. Siamo stati tra i primi a volere questa svolta green, e già nel 2014 abbiamo deciso, in partnership con Mecar e Iveco, l’ingresso in flotta di un numero sempre maggiore di Iveco Stralis 330 e 400, gli Eco Truck LNG di nuova generazione maggiormente performanti”, ha aggiunto De Rosa.

CON MEZZI GREEN RISPARMIO CONSUMI STIMATO INTORNO AL 15%

Concreti i vantaggi di questa anche dal punto di vista del rendimento: “L’utilizzo di questi mezzi comporta un risparmio in termini di consumi stimato intorno al 15% rispetto a un mezzo alimentato a diesel”, ha sottolineato De Rosa che infine ha commentato con entusiasmo l’inaugurazione del primo impianto di rifornimento di GNL del sud Italia: “Spero che questo sia solo il primo passo verso l’ampliamento della rete di distribuzione. L’Europa si è espressa con chiarezza, indicando che entro il 2025 la distanza massima tra due stazioni di rifornimento non dovrà superare i 150 km per il gas naturale compresso (GNC) e i 400 km per il gas naturale liquefatto (GNL)”.