Advertisement vai al contenuto principale
Mase

Il cambiamento climatico è tra le cause principali dell’aumento di casi di malaria

Un nuovo rapporto dell’OMS evidenzia è che le zanzare portatrici di malattie prosperano con l’aumento delle temperature, dovuto al cambiamento climatico, portando alla trasmissione in aree finora non colpite

Secondo un nuovo rapporto dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), la crisi climatica rappresenta una grave minaccia per la lotta contro la malaria, con prove che suggeriscono che eventi meteorologici estremi e l’aumento delle temperature hanno già portato a picchi di casi.

I dati evidenziano che nel 2022 ci sono stati 249 milioni di casi rispetto ai 233 milioni del 2019. Inoltre, il rapporto evidenzia altre minacce all’eradicazione della malaria, tra cui la crescente resistenza agli insetticidi e una zanzara invasiva, Anopheles stephensi, che si è diffusa oltre i suoi habitat nativi asiatici e arabi fino all’Africa.

MALARIA: CON IL RISCALDAMENTO GLOBALE AUMENTANO I CASI

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) lancia l’allarme sull’aumento dei casi di malaria dovuti alle zanzare, portatrici della malattia, che prosperano in condizioni calde, umide e umide, e che stanno aumentando con il riscaldamento globale.

“Il cambiamento climatico rappresenta un rischio sostanziale per il progresso contro la malaria, in particolare nelle regioni vulnerabili”, ha affermato in una nota il direttore generale dell’OMS, Tedros Adhanom Ghebreyesus. “Ora più che mai sono necessarie risposte sostenibili e resilienti alla malaria, insieme ad azioni urgenti per rallentare il ritmo del riscaldamento globale e ridurne gli effetti”.

I DATI DELL’OMS

Sebbene i dati sull’impatto a lungo termine della crisi climatica siano scarsi, – secondo quanto riporta un approfondimento di The Guardian – il rapporto mondiale sulla malaria dell’OMS rende chiaro che l’aumento delle temperature ha contribuito alla trasmissione della malaria nelle aree degli altipiani africani che precedentemente erano esenti dalla malattia. Questa è la prima volta che il rapporto annuale ha un intero capitolo dedicato alla crisi climatica e ai suoi collegamenti con la malaria.

Il Pakistan ha registrato un aumento di cinque volte dei casi dopo le gravi inondazioni dello scorso anno: da 500.000 casi segnalati nel 2021 a 2,6 milioni nel 2022. L’acqua stagnante è diventata un terreno fertile ideale per le zanzare.

Il numero di casi di malaria a livello globale nel 2022 rimane significativamente più elevato rispetto a prima della pandemia di Covid-19, nonostante un leggero calo dei numeri, afferma il rapporto. Nel 2022 ci sono stati 249 milioni di casi rispetto ai 233 milioni del 2019. Anche il numero dei decessi è passato da 576.000 nel 2019 a 608.000 l’anno scorso.

Ciò equivale a quasi 12.000 vittime ogni settimana e le donne incinte e i bambini sotto i cinque anni sono i più suscettibili alla malattia. La maggior parte dei casi e dei decessi si verificano in Africa.

COSA DICONO GLI STUDIOSI

Peter Sands, direttore esecutivo del Fondo globale per la lotta contro l’AIDS, la tubercolosi e la malaria – secondo quanto riportato da The Guardian – sostiene che altri fattori legati alla crisi climatica – tra cui sfollamenti, la distruzione dei servizi sanitari e l’aumento dei livelli di insicurezza alimentare e malnutrizione – minacciano i progressi per porre fine alla malattia “Se non altro, la discussione sul potenziale impatto del rapporto mondiale sulla malaria è conservatrice”, ha affermato. “Potremmo vedere conseguenze più drammatiche, in parte a causa di cose di secondo e terzo ordine”.

Il dottor Photini Sinnis, vicedirettore dell’istituto per la malaria presso la scuola di sanità pubblica Johns Hopkins Bloomberg, ha affermato che la crisi climatica sicuramente “avrà un impatto”, ma che sarebbe difficile prevederlo.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Torna su