Advertisement vai al contenuto principale
Medio Oriente Produzione Di Gas

Il Medio Oriente aumenterà la produzione di gas per soddisfare la domanda crescente

La domanda globale di gas aumenterà verso la metà degli anni 2030. Tuttavia, si prevede che i giacimenti attualmente in produzione e sottosviluppati raggiungeranno il picco di produzione di gas nei prossimi due anni, prima di iniziare a diminuire

Si prevede che nel prossimo decennio la domanda globale di gas aumenterà, influenzando così un aumento della produzione del 12,5% tra il 2023 e il 2030. Tuttavia, Rystad Energy prevede che, anche in scenari di riscaldamento di 1,9 e 2,5 gradi Celsius, con una rapida crescita delle fonti energetiche rinnovabili l’attuale insieme di giacimenti di gas esistenti non soddisferà la domanda globale, richiedendo una rapida crescita dell’offerta di gas non convenzionale.

Le aree geografiche ricche di gas – come il Medio Oriente, con bacini come Rub al Khali – svolgeranno un ruolo essenziale nel colmare questo divario, fornendo circa 20 milioni di tonnellate all’anno di GNL entro il 2040.

IL BOOM DELLO SHALE GAS

La produzione di gas non convenzionale, come lo shale, ha registrato una rapida crescita negli ultimi anni, grazie ai progressi tecnologici e alla riduzione dei tempi di consegna. Questa rapida crescita ha portato la quota globale di fornitura di gas non convenzionale nella produzione globale di gas ad un ritmo che in precedenza richiedeva molto più tempo per essere raggiunto, passando dal 4% del 2000 al 12% del 2022 e al 35% del 2023.

IL RUOLO DEI PAESI ESPORTATORI DI GAS

L’afflusso di gas a prezzi accessibili da fonti non convenzionali e la fornitura continua da parte di Paesi esportatori come la Russia hanno moderato gli sforzi di esplorazione del gas convenzionale. Ciò è evidente nel fatto che quasi il 70% dei volumi convenzionali scoperti deve ancora ricevere sanzioni per lo sviluppo, dimostrando gli ostacoli e la riluttanza a sviluppare alcuni di questi reperti. Storicamente, la Russia e il Medio Oriente hanno dominato la produzione di gas convenzionale. Ciò non rallenterà presto, con i Paesi del Medio Oriente che aumentano i volumi di gas come parte delle loro nuove strategie di transizione energetica.

“Il gas è sempre più considerato un trampolino di lancio cruciale verso un futuro sostenibile. Con la riduzione delle emissioni e l’allineamento degli obiettivi regionali di sicurezza energetica, il gas è pronto a svolgere un ruolo fondamentale nella transizione energetica globale. Il Medio Oriente è un motore chiave di questo cambiamento, passando lentamente allo sviluppo e all’aumento dei volumi di gas come parte delle loro nuove strategie di transizione energetica”, ha affermato Aatisha Mahajan, vicepresidente esplorazione di Rystad Energy.

LA PRODUZIONE DI GAS NON CONVENZIONALE È DESTINATA A CRESCERE

La quota di gas non convenzionale nella produzione globale aumenterà, fino a superare il 30% entro il 2030. Questo aumento previsto della produzione non convenzionale è dovuto principalmente al calo del successo esplorativo negli ultimi 10 anni e alla mancanza di progetti di gas convenzionali sviluppati, che indicano una riduzione nella fornitura complessiva di gas convenzionale.

La regione del Consiglio di Cooperazione del Golfo (GCC) è stata tradizionalmente una potenza nella produzione di petrolio e gas. Tuttavia, negli ultimi anni, si è verificato un calo delle grandi scoperte convenzionali, spingendo i Paesi della regione ad esplorare e sviluppare risorse non convenzionali.

L’Arabia Saudita esemplifica questa transizione, poiché il Paese mira ad eliminare il petrolio dalla sua produzione di energia e a raggiungere, entro il 2030, una produzione di energia elettrica divisa per il 50% da fonti rinnovabili e per il 50% da gas naturale. Questo spostamento verso un panorama energetico più diversificato è supportato dalla crescente domanda di gas. all’interno del Paese, che si prevede entro la fine del decennio raggiungerà i 125 miliardi di metri cubi all’anno.

L’IMPORTANZA DEL GIACIMENTO JAFURAH, IN ARABIA SAUDITA

Per soddisfare la crescente domanda, l’Arabia Saudita avrà bisogno di nuova produzione da giacimenti di gas non associati e da giacimenti di gas non convenzionali, come il Jafurah, il più vasto giacimento di gas di scisto ricco di liquidi nel Medio Oriente, con investimenti stimati superiori a 100 miliardi di dollari. Saudi Aramco, la forza trainante del progetto Jafurah, entro il 2030 prevede di raggiungere il picco di produzione di shale gas di 2 miliardi di piedi cubi al giorno.

Rystad Energy stima che questo obiettivo sul picco di produzione sarà raggiunto nella seconda metà degli anni 2030. A quel punto, il progetto potrebbe rappresentare quasi il 15% della produzione totale di gas dell’Arabia Saudita, fornendo un impulso significativo alla fornitura complessiva di gas del Paese.

SVILUPPARE FORNITURE A LUNGO TERMINE

La domanda globale di gas aumenterà verso la metà degli anni 2030. Tuttavia, si prevede che i giacimenti attualmente in produzione e sottosviluppati raggiungeranno il picco di produzione nei prossimi due anni, prima di iniziare a diminuire. Anche considerando tutti i giacimenti ancora da sanzionare e attualmente nella categoria del ciclo di vita della scoperta, il picco di produzione è ancora lontano dalla realizzazione negli scenari ideali.

L’analisi di Rystad sugli scenari di riscaldamento globale suggerisce che servirà una maggiore esplorazione e produzione di gas per soddisfare 1,9 o 2,5 gradi di riscaldamento. In ogni scenario, ad eccezione degli 1,6 gradi, sono necessarie risorse di gas aggiuntive per soddisfare la domanda. Pertanto, serviranno l’esplorazione del gas ed ulteriori investimenti di capitale all’interno di importanti bacini gassosi o di Paesi ricchi di gas.

LE PREVISIONI SULLA PRODUZIONE DI GAS NON CONVENZIONALE

Il gas non convenzionale continuerà a svolgere un ruolo di primo piano nel mix di approvvigionamento mondiale, che secondo le stime aumenterà a circa un terzo entro il 2030. Questo aumento previsto della produzione non convenzionale è dovuto principalmente al calo del successo esplorativo negli ultimi 10 anni e alla mancanza di progetti di gas convenzionali sviluppati, portando ad un calo della fornitura complessiva di gas convenzionale.

Solo il 32% dei volumi di gas convenzionale scoperti dal 2010 sono in produzione, mentre oltre il 50% deve ancora essere approvato per lo sviluppo. Di conseguenza, i Paesi che fanno affidamento su fonti convenzionali di gas, se non aumenteranno i propri investimenti nella produzione, dovranno rivolgersi ai volumi non convenzionali per raggiungere gli obiettivi sulle zero emissioni nette e soddisfare la domanda globale.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Torna su