skip to Main Content

Il nucleare è finito? Nei prossimi 2 anni oltre 90 mld di investimenti

Nucleare

Gli investimenti nel nucleare ammonteranno a 45 miliardi di dollari nel 2022 e 46 miliardi di dollari nel 2023, rispetto ai 44 miliardi di dollari del 2021, con 52 reattori attualmente in costruzione in 19 paesi del mondo

Nucleare sì o nucleare no? In queste ultime settimane, complice anche la decisione che la Commissione europea dovrà prendere di introdurre l’atomo all’interno della tassonomia Ue, si è riaperto il dibattito sull’uso di reattori nucleare, anche in chiave di decarbonizzazione. In Europa molti stanno dismettendo centrali ormai obsolete, come la Germania, mentre in Italia, dove due distinti referendum hanno sancito la volontà popolare di non fare ricorso a questo tipo di fonte, alcuni partiti – con Lega e Forza Italia in primis – stanno cercando di aprire di nuovo il fronte del nucleare di nuova generazione, per il quale, comunque, occorrerà attendere ancora decine di anni.

ENTRO LA FINE DEL PROSSIMO ANNO INVESTIMENTI PER 91 MILIARDI DI DOLLARI NEL SETTORE

Ma com’è attualmente la situazione del nucleare a livello mondiale? A fare il punto della situazione ci ha pensato un report di Rystad Energy secondo cui gli investimenti nel nucleare aumenteranno vertiginosamente nei prossimi anni. La ricerca della società di consulenza scandinava indica che 91 miliardi di dollari saranno investiti nel settore nucleare globale entro la fine del prossimo anno grazie al fatto che la sua popolarità continua a crescere in paesi densamente popolati come Cina, India e Russia.

52 REATTORI ATTUALMENTE IN COSTRUZIONE IN 19 PAESI DEL MONDO

Più precisamente, Rystad Energy prevede che gli investimenti nel nucleare ammonteranno a 45 miliardi di dollari nel 2022 e 46 miliardi di dollari nel 2023, rispetto ai 44 miliardi di dollari del 2021, con 52 reattori attualmente in costruzione in 19 paesi del mondo. Una volta completata, questa nuova serie di reattori fornirà 54 gigawatt (GW) di nuova capacità installata.

LO SCORSO ANNO 400 GW DAL NUCLEARE, IL 10% DELLA PRODUZIONE MONDIALE DI ELETTRICITÀ

La capacità mondiale di energia nucleare installata è stata di quasi 400 GW l’anno scorso e ha rappresentato quasi il 10% della produzione mondiale di elettricità. La costruzione di una nuova centrale nucleare richiede almeno cinque anni, quindi è improbabile che si registrino aumenti di capacità nel breve termine, il che significa che il settore subirà un calo della capacità causato dai recenti arresti. Tuttavia, gli investimenti globali stanno aumentando grazie ai piani di espansione nucleare ben definiti di alcuni paesi e di conseguenza la capacità aumenterà a lungo termine.

SATWANI: LA GENERAZIONE DI ENERGIA NUCLEARE GIOCHERÀ UN RUOLO IMPORTANTE NELLA SPINTA A LIMITARE IL RISCALDAMENTO GLOBALE

“La generazione nucleare è la seconda fonte di elettricità a basse emissioni di carbonio dopo l’energia idroelettrica ed è in uso dagli anni ’50. Con l’imperativo di ridurre le emissioni in aumento in tutto il mondo, la generazione di energia nucleare giocherà un ruolo importante nella spinta a limitare il riscaldamento globale”, ha affermato l’analista di Rystad Energy Karan Satwani.

NON TUTTI I PAESI SULLA STESSA LUNGHEZZA D’ONDA

Tuttavia, non tutti i paesi sono sulla stessa linea per quanto riguarda il prolungamento o l’adozione della tecnologia. La recente chiusura dei reattori nucleari in paesi tra cui Stati Uniti e Francia ha causato un calo della capacità di generazione nucleare installata, con ulteriori eliminazioni graduali che si stanno verificando in paesi come la Germania. Allo stesso tempo, altre nazioni stanno installando i loro primi reattori nucleari per fornire elettricità a basse emissioni di carbonio.

L’EUROPA LA REGIONE CON LA MAGGIOR CAPACITA’ INSTALLATA

L’Europa è la regione con la maggiore capacità installata in più di 170 reattori nucleari in funzione, contribuendo a poco meno di un terzo della capacità nucleare installata mondiale. L’operatore francese Electricite de France ha 56 reattori nel suo portafoglio. L’Asia è al secondo posto con circa 140 reattori nucleari in funzione e detiene una quota di mercato di poco superiore al 30%. Il Nord America, guidato principalmente dagli Stati Uniti, è responsabile di quasi il 28% del totale globale con 112 reattori nucleari operativi. È probabile che la capacità installata globale rimanga quindi stabile nei prossimi due anni proprio a causa del fatto che i nuovi reattori verranno annullati dalla chiusura delle centrali nucleari esistenti. Negli Stati Uniti, in Francia e nel Regno Unito, molti reattori nucleari sono in funzione da oltre 40 anni e si stanno avvicinando alla fine del loro ciclo di vita.

CAPACITÀ INSTALLATA GLOBALE CRESCERÀ A UN MODESTO TASSO DELLO 0,2%. CINA IN POLE

La capacità installata globale crescerà a un modesto tasso di crescita annuale composto (CAGR) dello 0,2% dal 2017 al 2023. La maggior parte di questa crescita sarà in Asia, che dovrebbe aumentare la sua quota di generazione di energia nucleare nei prossimi anni. L’Asia ha 32 reattori nucleari in costruzione che genereranno oltre 30 GW di elettricità all’anno, con Cina, India e Corea del Sud che guidano principalmente la crescita della regione. La Cina sta pianificando almeno 150 nuovi reattori nucleari nei prossimi 15 anni per un costo totale stimato di 440 miliardi di dollari. Ciò soddisferà il piano della China General Nuclear Power Corporation di espandere significativamente la capacità nucleare.

L’INDIA VUOLE TRIPLICARE LA PRODUZIONE DI ENERGIA DAL NUCLEARE

L’India sta anche esplorando una moltitudine di opzioni per ridurre le sue emissioni di carbonio. A settembre, l’amministrazione di Nuova Delhi ha annunciato l’obiettivo di triplicare la produzione annuale di energia nucleare rispetto ai livelli attuali nei prossimi 10 anni. All’inizio di quest’anno, il presidente degli Stati Uniti Joe Biden ha firmato la legge bipartisan sulle infrastrutture che include 6 miliardi di dollari per istituire un nuovo programma di credito nucleare civile, un investimento fondamentale che mira a prolungare la vita della flotta di reattori esistente negli Stati Uniti e garantire che funzionino in sicurezza per quanto finchè è tecnicamente possibile. Altrove, diverse nazioni africane hanno espresso interesse per l’energia nucleare, molte delle quali attualmente in varie fasi decisionali.

QUATTRO PROGETTI AVVIATI NEL 2021 TRA CINA E TURCHIA

Quattro progetti di generazione nucleare hanno iniziato la costruzione nel 2021, tre in Cina e uno in Turchia. Gli operatori cinesi China Huaneng Group, Jiangsu Nuclear Power Corporation e Liaoning Nuclear Power hanno iniziato a costruire un reattore nucleare con una capacità di oltre 1 GW. In Turchia, la Akkuyu Nuclear Joint Stock Company ha iniziato a costruire un reattore in grado di produrre 1,1 GW di potenza una volta in linea. Sebbene diversi paesi stiano pianificando di investire in modo significativo nel settore nucleare e stiano dando la priorità a un ruolo per l’energia nucleare come parte della transizione energetica, alcuni altri stanno rinunciando del tutto all’energia nucleare alla luce delle preoccupazioni per la sicurezza e altre questioni, optando invece per il trasferimento concentrarsi su altre fonti di energia.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore