skip to Main Content

Il passaggio alle rinnovabili e la questione dei lavoratori del carbone

Carbone

Entro il 2050 in Australia potrebbero essere tagliati 300.000 posti di lavoro

Migliaia di lavoratori in settori legati ai combustibili fossili sono preoccupati per il loro futuro impiego, con i governi che stanno iniziando la transizione verso le energie rinnovabili. Ciò è particolarmente vero per coloro che lavorano nell’industria del carbone, poiché nei prossimi dieci anni diversi Paesi puntano a chiudere le loro centrali a carbone, creando potenzialmente centinaia di migliaia di disoccupati. L’ultima di una lunga serie di chiusure di centrali a carbone in tutto il mondo è arrivata questa settimana, quando l’Australia ha annunciato che chiuderà la sua più grande fabbrica di carbone nel 2025, sette anni prima del previsto. La stazione di Eraring, nel New South Wales, gestita da Origin Energy, ha dichiarato che prevede di spegnere il suo generatore di carbone nero da 2.880 MW a causa del cambiamento delle condizioni.

Il CEO di Origin Energy, Frank Calabria, ha spiegato così la decisione: “La realtà è che l’economia delle centrali elettriche a carbone è sottoposta a una pressione crescente e insostenibile da una generazione di energie più pulite e a basso costo, inclusi il solare, l’eolico e le batterie”. All’inizio dello scorso anno anche altre società energetiche in Australia hanno dichiarato l’intenzione di chiudere le loro attività di carbone: AGL chiuderà il suo generatore di Bayswater nel 2033 (anziché nel 2035) e il suo impianto Loy Yang A a carbone marrone nel 2045 (anziché nel 2048). EnergyAustralia ha anticipato anche la chiusura della centrale elettrica di Yallourn, dal 2032 al 2028.

LE PAURE DEI MINATORI DI CARBONE AUSTRALIANI

Ciò ha portato molti lavoratori australiani del carbone a temere per il loro futuro. Ci sono circa 400 lavoratori nello stabilimento di Eraring che perderanno il lavoro e altri nella catena di approvvigionamento che ne risentiranno. Se la transizione verde e l’allontanamento dal carbone sono arrivate già da tempo, le richieste delle città dipendenti dal carbone sono rimaste senza risposta da parte del governo. Nonostante la notizia della chiusura anticipata, ai lavoratori al momento dell’annuncio non è stato detto nulla del loro trattamento di fine rapporto o del piano di transizione, creando molte preoccupazioni.

Il politico del Partito Indipendente per la regione, Greg Piper, spiega: “Ho sempre sostenuto un allontanamento dal carbone, ma il fatto è che i lavoratori e questa centrale elettrica sono stati i principali sostenitori della sicurezza energetica nel New South Wales”. Questo è un sentimento sentito da molti, mentre il mondo si allontana dai combustibili fossili. Sebbene sia importante considerare l’impatto ambientale della nostra energia, non vanno trascurate le prospettive dei lavoratori che da decenni aiutano a fornire energia. Il Center for Policy Development a gennaio ha pubblicato un rapporto in cui afferma che il raggiungimento delle zero emissioni nette di carbonio entro il 2050 potrebbe portare al taglio di 300.000 posti di lavoro nella sola Australia.

LE CONTROMISURE DEI GOVERNI

Per evitare la catastrofe, i governi di tutto il mondo devono considerare il futuro dei lavoratori dei combustibili fossili nelle loro strategie di transizione energetica. Questo non solo aiuterà a prevenire l’aumento della disoccupazione, ma potrebbe anche sostenere l’industria delle energie rinnovabili attraverso la riqualificazione dei lavoratori verso professioni nell’energia verde. Matt Kean, tesoriere del New South Wales, ha suggerito proprio questo: la scorsa settimana ha annunciato la creazione di 3.700 posti di lavoro nelle industrie pulite, in risposta alla chiusura degli impianti. Inoltre, lo Stato australiano prevede di investire 250 milioni di dollari nei prossimi 50 anni per aumentare la produzione locale di componenti da utilizzare in progetti di energia rinnovabile, dalle torri eoliche agli elettrolizzatori e alle batterie, creando altri 500 posti di lavoro.

Altri Paesi stanno affrontando sfide simili, mentre si battono per una transizione verde. In India si continuano a costruire nuove miniere di carbone, in risposta alla crescente popolazione del Paese e alla crescente domanda di energia. Diverse aziende chiedono agli indiani di rinunciare alla propria terra in cambio di un lavoro in un nuovo stabilimento, ma se un tempo questi posti di lavoro erano a tempo indeterminato, ora molti sono temporanei perché il numero di disponibilità nei nuovi stabilimenti supera il numero di persone che perdono la loro terra. L’occupazione formale nell’industria mineraria è diventata più scarsa, con molti che, in tutta l’India, sono rimasti senza un reddito poiché, dopo aver perso la loro terra, non hanno un lavoro a lungo termine su cui ripiegare.

L’IMPATTO DEL COVID SULL’INDUSTRIA DEL CARBONE

Molti dei tagli di posti di lavoro nel settore del carbone in tutto il mondo sono stati provocati dalla pandemia Covid, che ha visto un gran numero di perdite di posti di lavoro nell’industria dei combustibili fossili a causa della chiusura delle attività. Si ritiene che l’industria statunitense dei combustibili fossili nel 2020 abbia ridotto la propria forza lavoro tra il 10% e il 24%. Allo stesso tempo, i progetti di energia rinnovabile hanno accelerato il passo, con l’eolico, i veicoli elettrici, i veicoli ibridi e le operazioni di stoccaggio delle batterie che hanno tratto vantaggio dalla chiusura di attività di carbone e petrolio. Con la ripresa delle attività, governi, organizzazioni internazionali e attivisti ambientali in tutto il mondo hanno spinto per una transizione dai combustibili fossili verso alternative rinnovabili, il che significa un numero crescente di tagli di posti di lavoro in tutto il settore.

Nell’aprile 2021 il Dipartimento dell’Energia degli Stati Uniti ha annunciato finanziamenti per 109,5 milioni di dollari per progetti che supportano la creazione di posti di lavoro per le comunità colpite dalla transizione energetica. Una misura che rappresenta una goccia nell’oceano, considerando il numero di posti di lavoro persi ogni mese. Poiché si stanno perdendo posti di lavoro in tutto il mondo in tutto il settore energetico, i governi dovranno assolutamente tenere conto di come e quanto la transizione energetica impatterà sui lavoratori.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore