skip to Main Content

La transizione energetica costringe l’industria del Gnl a ridurre le emissioni

Gnl

La spinta all’energia verde sta cambiando il modo in cui gli sviluppatori e i venditori di Gnl pianificano i progetti futuri poiché gli acquirenti chiedono sempre più prove che i carichi che hanno pagato siano “verdi”, cioè a emissioni zero.

In pochi anni, l’immagine del gas si è spostata da combustibile ‘ponte’ della transizione energetica a combustibile fossile che emette un gas ancora più inquinante e pericoloso dell’anidride carbonica: il metano. Certo, il gas brucia in modo più pulito del carbone. Ma l’ondata di impegni a zero emissioni da parte di governi e aziende ha spostato l’attenzione del mercato del Gnl sull’impronta di carbonio dell’intera catena di approvvigionamento, dall’estrazione e liquefazione del combustibile alla spedizione, rigassificazione ed emissioni generato dagli utenti finali.

L’IMPRONTA DELL’INTERA CATENA DI APPROVVIGIONAMENTO DEL GNL

La spinta all’energia verde sta cambiando, insomma, il modo in cui gli sviluppatori e i venditori di Gnl pianificano i progetti futuri poiché gli acquirenti chiedono sempre più prove che i carichi che hanno pagato siano “verdi”, cioè a emissioni zero. Negli ultimi due anni, tra la spinta allo zero netto e all’energia pulita, gli acquirenti di Gnl hanno aumentato il loro controllo su questi aspetti che rappresentano solo l’inizio di una tendenza del mercato globale per rendere il combustibile fossile “più pulito” ancora più pulito compensando le emissioni con progetti basati sulla natura e riducendo direttamente l’inquinamento nella fase di liquefazione con soluzioni di cattura e stoccaggio del carbonio (CCS).

Inevitabilmente, l’economia dei futuri progetti di Gnl cambierà. Gli sviluppatori cercheranno (e lo stanno già facendo) di presentare i loro progetti come una struttura a emissioni inferiori rispetto a quelli dei loro rivali. Allo stesso tempo, le banche e altri fornitori di capitale accetteranno di finanziare la costruzione di impianti di Gnl solo se abbinati a tecnologie di riduzione delle emissioni.

DOMANDA DI GAS DESTINATA A CRESCERE

Allo stato attuale, nessun nuovo investimento in nuove forniture di gas, come ha suggerito di recente l’Agenzia internazionale per l’energia (Aie), è una soluzione praticabile. La domanda di gas in Asia è destinata a crescere di oltre il 70% tra oggi e il 2050, secondo le previsioni di base di Wood Mackenzie. Dopotutto, l’Asia e i due maggiori motori di crescita energetica del mondo, Cina e India, hanno molta elettricità a carbone da sostituire. Fino a quando le energie rinnovabili e lo stoccaggio delle batterie non consentiranno l’elettricità a zero emissioni di carbonio, sarà il gas a colmare il divario.

Nonostante le prospettive a lungo termine più rosee per il gas rispetto al petrolio nella transizione energetica, gli sviluppatori e i commercianti di Gnl hanno iniziato ad ascoltare gli acquirenti e ad affrontare il problema delle emissioni del carburante.

COME HANNO COMPENSATO SHELL E TOTALENERGIES

Shell e TotalEnergies, i maggiori commercianti di Gnl, hanno già consegnato i loro primi carichi a emissioni zero negli ultimi mesi. Shell ha compensato le emissioni di un carico consegnato in Europa con crediti di carbonio basati sulla natura per compensare le emissioni dell’intero ciclo di vita, compreso il metano, dall’esplorazione e produzione del gas naturale, al suo utilizzo da parte del consumatore finale. TotalEnergies ha compensato le emissioni del suo primo progetto carbon neutral con certificati di emissione VCS (Verified Carbon Standards) finanziando un progetto di energia eolica in Cina e un progetto per proteggere le foreste dello Zimbabwe.

COSA FA QATAR PETROLEUM

Gli sviluppatori di Gnl hanno anche iniziato ad affrontare le preoccupazioni del mercato sulle emissioni. Ad esempio, approvando il più grande progetto di gas liquefatto del mondo all’inizio di quest’anno, Qatar Petroleum ha annunciato piani per un sistema di cattura e sequestro di CO2 come parte del progetto, affermando che “una parte significativa del fabbisogno di energia elettrica del progetto sarà fornita dalla rete elettrica nazionale del Qatar”, così come dall’energia solare acquistata nell’ambito di accordi aziendali.

COSA FANNO NEXTDECADE, VENTURA GLOBAL E CHENIERE NEGLI USA

Negli Stati Uniti, gli sviluppatori scommettono su un impatto ambientale inferiore in quanto competono con Qatar e Australia per la leadership delle esportazioni globali di Gnl.

NextDecade ha annunciato ad aprile un accordo con Mitsubishi Heavy Industries per sviluppare una tecnologia di cattura del carbonio post-combustione presso il progetto Rio Grande LNG in Texas. L’annuncio è arrivato mesi dopo le indiscrezioni secondo cui il gigante francese delle utility Engie si era ritirato da un importante accordo a lungo termine con NextDecade proprio per problemi di emissioni.

Venture Global LNG prevede invece di catturare e sequestrare il carbonio presso i suoi impianti di Calcasieu Pass e Plaquemines LNG.

Venture Global Launches Carbon Capture and Sequestration Project

Il principale produttore ed esportatore di Gnl americano, Cheniere Energy, ha annunciato una collaborazione con i produttori di gas e le principali istituzioni accademiche per implementare la quantificazione, il monitoraggio, la rendicontazione e la verifica delle prestazioni delle emissioni nei siti di produzione di gas naturale.

“La collaborazione con i nostri fornitori di gas è una componente chiave dell’attenzione di Cheniere sulla quantificazione e sul miglioramento delle prestazioni ambientali”, ha affermato il presidente e CEO Jack Fusco.

La crescente attenzione per il clima in tutto il mondo sta dunque cambiando il modo in cui gli sviluppatori di Gnl pianificano e progettano progetti futuri. Le iniziative di riduzione delle emissioni dovranno essere parte integrante dello sviluppo se i venditori di gas liquefatto vorranno acquisire acquirenti e ottenere finanziamenti.

“Rivolgersi alle emissioni dell’intero ciclo di vita in tutta l’industria del Gnl è la grande domanda, ma i progressi si stanno concentrando anche verso la riduzione delle emissioni upstream, la liquefazione e il trasporto del Gnl e la prova o la visibilità delle credenziali di carbonio del fornitore diventeranno la norma”, ha affermato Gavin Thompson, Vicepresidente, Energia – Asia Pacifico, presso Wood Mackenzie.

Back To Top