skip to Main Content

L’aria pulita diventerà una nuova valuta globale? Cosa dicono Wef e The European Sting

Co2

La crescente crisi dell’aria pulita sta esacerbando le disuguaglianze esistenti, comprese le disparità sanitarie, tra i diversi gruppi socioeconomici in tutto il mondo.

L’inquinamento atmosferico è un killer silenzioso. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) stima che 9 persone su 10 respirano aria contenente alti livelli di inquinanti, provocando 7 milioni di morti all’anno. Mentre molti paesi hanno compiuto sforzi attivi nell’ultimo decennio per ridurre le emissioni nocive, la crisi dell’aria pulita ha evidenziato una triste realtà: i maggiori inquinatori sono i meno colpiti dalle loro stesse emissioni ambientali. È quanto emerge da un articolo realizzato grazie alla collaborazione di The European Sting con il World Economic Forum.

L’ARIA PULITA È UN SERVIZIO SEMPRE PIÙ COSTOSO

L’inquinamento atmosferico aggrava le disuguaglianze esistenti, comprese le disparità sanitarie. Infatti, secondo una ricerca dell’OMS, si legge, oltre il 90% dei decessi per inquinamento atmosferico si verifica nei paesi a basso e medio reddito, mentre l’accesso all’aria pulita è fortemente concentrato al vertice della piramide socioeconomica. In altre parole, i poveri respirano aria più sporca.

Inoltre, gli impatti del cambiamento climatico sono spesso meno immediati per quei paesi con le più alte emissioni di gas serra (GHG). La ricerca mostra che, dei 36 paesi con le emissioni più elevate, 20 sono tra i meno vulnerabili ai cambiamenti climatici. Nel frattempo, 11 dei 17 paesi con le emissioni di gas serra più basse sono tra i più vulnerabili ai cambiamenti climatici.

Man mano che viene prestata maggiore attenzione agli effetti dannosi dell’inquinamento atmosferico e del cambiamento climatico, la qualità dell’aria inizia a migliorare, ma solo per alcune comunità. Ciò non è dovuto all’inadeguatezza di un gruppo o alla superiorità di un altro, ma alla distribuzione ineguale degli inquinanti atmosferici nelle comunità emarginate.

CERTE COMUNITÀ FATICANO A RESPIRARE

Negli Stati Uniti, sottolinea la ricerca, si può tracciare una linea netta tra etnia e inquinamento atmosferico: “La ricerca ha dimostrato che i bianchi americani sono i maggiori responsabili delle emissioni, ma subiscono il 17% in meno di inquinamento atmosferico rispetto al loro consumo. D’altra parte, le popolazioni nere e ispaniche subiscono rispettivamente il 56% e il 63% in più di inquinamento atmosferico rispetto al loro consumo. Ciò può essere in gran parte dovuto alla segregazione e alle fonti di inquinamento che si trovano vicino a comunità storicamente emarginate”, spiega l’articolo.

Lo stesso in Europa. “Nei Paesi Baschi spagnoli, ad esempio, i quartieri con uno status socioeconomico basso hanno una probabilità sei volte maggiore rispetto ai loro omologhi ad alto reddito di essere più vicini alle industrie inquinanti. Più in generale, il 20% delle disparità sanitarie dichiarate in Europa è collegato alla mancanza di spazi verdi, alle condizioni del vicinato e all’inquinamento atmosferico. L’OMS attribuisce la formazione di questa cosiddetta ‘sottoclasse ambientale’ alla combinazione di disuguaglianze sanitarie ambientali e altre pressioni negative sulla salute”.

Altre parti del mondo presentano esempi simili di disuguale accesso all’aria pulita. N”ell’Africa subsahariana, ad esempio, l’uso di combustibili solidi come legno e carbone per il riscaldamento, l’illuminazione e la cucina tra le famiglie a basso reddito provoca alti tassi di inquinamento atmosferico nelle case poco ventilate. Circa i due terzi dei bambini della regione crescono in case che utilizzano combustibili solidi. L’elevata esposizione al particolato emesso da tali combustibili può causare la morte prematura per malattie cardiache, ictus, polmonite e cancro”, sottolinea la ricerca.

COME AFFRONTARE LA CRISI DELL’ARIA PULITA

“Senza progressi reali ed equi per ridurre le emissioni di gas serra e frenare il cambiamento climatico, solo i ricchi avranno il diritto economico di respirare aria pulita. Entro il 2050, l’aria pulita potrebbe davvero diventare la nuova valuta globale”, spiegano Wef e The European Sting.

“Sia gli individui che le istituzioni possono fare molto per combattere questo problema. Apportare cambiamenti quotidiani allo stile di vita, come andare al lavoro con i mezzi pubblici o andare in bicicletta, può contribuire a ridurre le emissioni di gas a effetto serra. Anche il rifiuto della plastica monouso può aiutare. Integrare questi sforzi con cambiamenti nella dieta, come ridurre il consumo di carne e latticini e mangiare cibi coltivati e di provenienza locale, porta la soluzione un passo avanti”, osserva l’articolo.

“Tuttavia, queste scelte di vita individuali devono essere soddisfatte con un’azione nazionale e internazionale forte e coordinata per alleviare l’onere iniquo dell’inquinamento atmosferico sulle comunità socioeconomiche più basse. I governi e le nazioni sovrane devono porre limiti rigorosi alle compagnie petrolifere, limitare i gas che le grandi società possono emettere ogni anno e sostenere sussidi per il carburante per le case senza gas ed elettricità. I paesi più ricchi e quelli con una maggiore impronta di carbonio devono aiutare i paesi con risorse limitate. Gli individui dovrebbero contattare i loro rappresentanti per spingere per più iniziative ecologiche e ritenere i governi responsabili della qualità dell’aria a casa e in tutto il mondo”, osservano Wef e The European Sting concludendo che “respirare aria pulita è un diritto umano e l’aria pulita non dovrebbe essere monetizzata”.

live
Back To Top