Advertisement vai al contenuto principale
OPEC Domanda Di Energia

Le previsioni dell’OPEC sulla domanda di energia da oggi al 2045

L’OPEC, nel suo World Oil Outlook 2023, prevede che le tendenze sfavorevoli di crescita demografica nei Paesi sviluppati, così come una crescita economica piuttosto modesta, negli anni a venire porteranno ad un’espansione negativa della domanda di energia

Il panorama energetico globale ha subìto dei cambiamenti significativi nel corso del 2022: l’inizio del conflitto nell’Europa orientale all’inizio dello scorso anno ha portato ad una crisi energetica che ha spostato i flussi di energia e ha esacerbato i prezzi record di alcune fonti energetiche. Ciò è avvenuto in particolare per i prezzi spot del gas e del carbone, oltre che per i prezzi dell’elettricità in molte regioni.

Di conseguenza, la sicurezza energetica e l’accessibilità economica dell’energia sono tornate ad essere un focus centrale per i decisori politici di tutto il mondo. I governi delle regioni ricche e sviluppate hanno aiutato i propri cittadini con significativi sussidi energetici, come quelli per l’elettricità e il riscaldamento.

Pur riducendo leggermente la domanda di energia, la maggior parte di questi Paesi è riuscita a garantire forniture energetiche sufficienti durante tutto l’anno. Allo stesso tempo, in molti Paesi in via di sviluppo, i governi avevano uno spazio di manovra notevolmente inferiore. Ad esempio, a causa dei prezzi elevati, Paesi come il Pakistan e il Bangladesh hanno dovuto ridurre le importazioni di GNL, provocando una carenza di fornitura di energia elettrica.

IL TEMA DELLA SICUREZZA ENERGETICA

La maggiore attenzione alla sicurezza energetica e all’accessibilità economica dell’energia ha portato ad una varietà di misure e strategie, sia a medio che a lungo termine. Molti Paesi sviluppati hanno già fissato degli obiettivi ambiziosi legati all’energia a basse emissioni di carbonio e al miglioramento dell’efficienza energetica, che sono anche in linea con le politiche sul cambiamento climatico.

L’incremento della diffusione delle energie rinnovabili e/o dell’energia nucleare è visto come un mezzo per affrontare la duplice sfida della sicurezza energetica e della sostenibilità. Con questo, diversi Paesi europei, tra cui la Germania, hanno riattivato le centrali a carbone messe fuori servizio, per garantire una fornitura elettrica stabile.

Allo stesso tempo, molti Paesi in via di sviluppo, nel tentativo di migliorare la sicurezza energetica, si sono rivolti sempre più all’approvvigionamento energetico interno, prevalentemente al carbone. La Cina ha approvato un numero record di nuove centrali a carbone dall’inizio del 2022 e il Pakistan, ad esempio, intende quadruplicare la capacità nazionale alimentata a carbone. Ciò illustra chiaramente le differenze tra Paesi sviluppati e Paesi in via di sviluppo.

LA DOMANDA DI ENERGIA NEI PAESI SVILUPPATI E IN QUELLI IN VIA DI SVILUPPO

In molti Paesi sviluppati, la domanda di energia negli ultimi anni è aumentata marginalmente o addirittura è diminuita. L’OPEC, nel suo World Oil Outlook 2023, prevede che le tendenze sfavorevoli di crescita demografica in questi Paesi, così come una crescita economica piuttosto modesta, negli anni a venire porteranno ad un’espansione negativa della domanda di energia in alcuni di essi. Ciò consentirà una più rapida penetrazione delle fonti energetiche alternative nel mix energetico.

I Paesi in via di sviluppo – con una popolazione in rapida crescita, una significativa espansione economica e un crescente accesso all’energia – probabilmente vedranno un forte aumento della domanda totale di energia. Inoltre, la diffusione delle energie rinnovabili, con i rispettivi servizi ausiliari, di norma richiede un impiego intensivo di capitale, mentre la maggior parte dei Paesi in via di sviluppo non ha un accesso sufficiente ai finanziamenti. Ecco perché in questi Stati l’incremento delle fonti energetiche alternative nel mix è notevolmente più lento rispetto ai Paesi sviluppati.

LA DOMANDA ENERGETICA AUMENTERÀ

Si prevede che le prospettive della domanda globale di energia primaria nel medio e lungo termine per combustibile nel caso di riferimento (Reference Case) aumenteranno dai circa 291 mboe/giorno del 2022 a quasi 359 mboe/giorno del 2045. Ciò rappresenta un aumento di 68 mboe/giorno (circa il 23%) nel periodo considerato.

Il tasso di crescita medio annuo stimato per l’intero periodo di previsione è dello 0,9% annuo. Vale la pena notare che il tasso di crescita della domanda di energia non sarà costante in questi anni. Rallenterà gradualmente da tassi relativamente elevati a breve e medio termine a tassi più bassi a lungo termine. Ciò è in linea con il rallentamento della crescita demografica ed economica. Inoltre, anche l’aumento dell’efficienza energetica, unito alla diminuzione dell’intensità energetica, contribuirà a ridurre la crescita della domanda di energia primaria a lungo termine.

Allo stesso tempo, il previsto calo della crescita della domanda di energia primaria è molto meno pronunciato in termini di domanda di energia finale. Ciò è dovuto alla crescente quota di energie rinnovabili, come l’eolico e il solare, che presentano poche o nessuna perdita di trasformazione e/o trasmissione e al fatto che sostituiscono parzialmente i combustibili fossili, dove le perdite di trasformazione sono normalmente significative, ad esempio il carbone.

Nel caso di riferimento, si prevede un aumento della domanda a lungo termine per tutti i combustibili primari, ad eccezione del carbone. Quest’ultimo diminuisce principalmente a causa delle politiche più rigorose legate al cambiamento climatico e dei piani annunciati di eliminazione graduale del combustibile nella maggior parte delle principali regioni consumatrici.

TUTTE LE FONTI DI ENERGIA GIOCHERANNO UN RUOLO

Il caso di riferimento mostra che tutte le fonti energetiche saranno necessarie per far fronte ai futuri fabbisogni energetici. Allo stesso tempo, il mix energetico primario cambierà negli anni a venire, con quote crescenti per le energie rinnovabili e l’energia nucleare, anche se in alcune regioni più che in altre.

A livello globale, il maggiore incremento della domanda tra il 2022 e il 2045 è previsto per altre energie rinnovabili (in particolare eolica e solare), che aumenterà di 34,3 milioni di boe/giorno nel periodo di previsione.

Il forte sostegno politico e l’economia favorevole in molte regioni sostengono questo sviluppo, con la quota di altre energie rinnovabili in aumento da circa il 2,7% del 2022 all’11,7% del 2045. Ciò equivale ad un tasso di crescita medio annuo del 7,5% annuo, significativamente più elevato rispetto a qualsiasi altro combustibile primario.

LA DOMANDA DI GAS NATURALE

Si prevede che la domanda di gas naturale aumenterà di 20 milioni di boe/giorno nel periodo di previsione, raggiungendo 87 milioni di boe/giorno nel 2045. Nonostante alcune carenze a breve termine, si presume che la disponibilità di risorse di gas a livelli di costo competitivi contribuirà ad aumentare domanda a lungo termine.

Le sue emissioni di CO2 relativamente basse, soprattutto rispetto al carbone, rendono il gas il combustibile preferito in molti Paesi che cercano di ridurre le emissioni. Inoltre, a causa della natura intermittente della nuova generazione di elettricità rinnovabile, il gas naturale è particolarmente adatto per fornire energia elettrica di riserva. La quota del gas nel mix energetico primario è destinata ad aumentare fino al 24,2% nel 2045, e si prevede che già nel 2030 il gas diventerà il secondo combustibile nel mix, superando il carbone.

LA DOMANDA DI PETROLIO

Si prevede che la domanda di petrolio aumenterà di 15,4 mboe/g nel periodo di previsione, passando da 90,7 mboe/g a 106,1 mboe/g nel 2045. La quota del petrolio nel mix energetico è destinata a scendere dal 31,2% del 2022 al 29,5% del 2045. Nonostante questo calo, si prevede che entro il 2045 il petrolio rimarrà il combustibile con la quota più elevata nel mix energetico.

LA DOMANDA DI ENERGIA NUCLEARE

La domanda di energia nucleare dovrebbe aumentare da 15 mboe/giorno del 2022 a 23,8 mboe/giorno del 2045, con un aumento di quasi 9 mboe/giorno. Il crescente sostegno all’energia nucleare come soluzione a basse emissioni di carbonio porta ad un numero crescente di nuovi progetti. Questo non avviene solo nei Paesi in via di sviluppo, ma c’è una ripresa anche nei Paesi sviluppati.

LA DOMANDA DI BIOMASSA E DI ENERGIA IDROELETTRICA

Un aumento simile è previsto per la biomassa, con una domanda totale che raggiungerà i 35,2 milioni di boe/giorno. L’aumento riflette principalmente l’uso avanzato della biomassa per la produzione di biocarburanti, SAF, biometano e bioplastiche, oltre che per la produzione di energia elettrica.

Si prevede che l’uso avanzato della biomassa più che compenserà il suo uso tradizionale, che diminuirà nel periodo di previsione, soprattutto nei Paesi in via di sviluppo.

La domanda di energia idroelettrica crescerà di circa 2,8 milioni di boe/giorno e raggiungerà i 10,5 milioni di boe/giorno nel 2045. È probabile che l’aumento si concretizzerà soprattutto nei Paesi in via di sviluppo (generalmente quelli asiatici non appartenenti all’OCSE), come i Paesi OCSE dell’Europa e i Paesi OCSE delle Americhe. Come già accennato, il carbone è l’unico combustibile primario destinato a diminuire.

LA DOMANDA DI CARBONE

La domanda di carbone è stata stimata a circa 76 milioni di boe/giorno nel 2022, e l’OPEC prevede che scenderà a 54,4 milioni di boe/giorno nel 2045, con un calo di 21,5 milioni di boe/giorno. La politica energetica e gli impegni climatici, uniti alla maggiore disponibilità di fonti energetiche alternative – come il gas naturale, il nucleare e le energie rinnovabili – sono la ragione principale di questo sviluppo.

Di conseguenza, la quota del carbone nel mix energetico globale scenderà dal 26,1% del 2022 a quasi il 15% del 2045. La quota dei combustibili fossili nel mix energetico scenderà da oltre l’80% nel 2022 al 69% nel 2045. Ciò è dovuto al calo dell’uso del carbone. Nello stesso periodo, la quota combinata di petrolio e gas nel mix energetico rimarrà intorno al 54%.

LE PREVISIONI SULLA DOMANDA DI PETROLIO

Si prevede che la domanda globale di petrolio raggiungerà il livello di 110,2 mb/g nel 2028, rappresentando un forte aumento di 10,6 mb/g rispetto al 2022. La domanda di petrolio non OCSE aumenterà di un robusto 10,1 mb/g tra il 2022 e il 2028 , raggiungendo un livello di 63,7 mb/g entro il 2028. Nello stesso periodo la domanda dell’OCSE aumenta di 0,5 mb/g.

Al di là del medio termine, la domanda dei Paesi non OCSE continuerà a crescere fortemente, aggiungendo altri 15,6 mb/g tra il 2028 e il 2045. Nel lungo termine, si prevede che la domanda globale di petrolio aumenterà di 16,4 mb/g tra il 2022 e il 2045, aumentando dai 99,6 mb/g del 2022 ai 116 mb/g del 2045.

I PAESI CON LA MAGGIORE DOMANDA DI PETROLIO

I maggiori contributi all’aumento della domanda dei Paesi non-OCSE arriveranno dall’India, dall’Alta Asia, dalla Cina e dall’Africa. La stessa India aggiungerà 6,6 mb/g alla sua domanda di petrolio nel periodo di previsione. Si prevede che la domanda di petrolio della Cina aumenterà di 4 mb/g.

Questo aumento della domanda, tuttavia, è anticipato, con circa 2,9 mb/g che si materializzeranno nell’attuale decennio. Le prospettive a lungo termine della domanda OCSE vedono un continuo calo fino a poco al di sotto di 37 mb/g entro il 2045. Si tratta di circa 9 mb/g in meno rispetto alla domanda nel 2022.

I SETTORI CHE AVRANNO BISOGNO DI PIÙ PETROLIO

Il maggiore incremento della domanda durante il periodo di previsione riguarderà i settori del trasporto stradale, petrolchimico e aeronautico. La domanda di petrolio in questi settori è destinata ad aumentare rispettivamente di 4,6 mb/g, 4,3 mb/g e 4,1 mb/g.

La domanda di petrolio nel trasporto stradale continuerà ad espandersi in questo decennio, aumentando di 4,3 mb/g entro il 2030, prima di stabilizzarsi su livelli superiori a 49 mb/g per il resto del periodo di previsione. Questo modello si tradurrà in un aumento complessivo della domanda di 4,6 mb/g tra il 2022 e il 2045. La flotta globale di veicoli è destinata ad aumentare da 1,6 miliardi del 2022 a 2,6 miliardi nel 2045.

La crescita più rapida prevista nel segmento dei veicoli elettrici. Ciononostante, i veicoli con motore a combustione (ICE) continueranno a dominare la flotta globale nel periodo di previsione e nel 2045 rappresenteranno ancora oltre il 72%.

Per quanto riguarda i prodotti raffinati, si prevede una forte crescita della domanda a lungo termine per jet/kerosene (+4 mb /g) seguito da etano/gas di petrolio liquefatto (+3,6 mb/g), diesel/gasolio (+3,1 mb/g), nafta (+2,5 mb/g) e benzina (+2,5 mb/g).

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Torna su