skip to Main Content

L’esorbitante costo ecologico delle guerre, un inconcepibile politico. L’inchiesta di Le Monde

Costo Ecologico Guerre

Di fronte alla tragedia delle tragedie umane, l’esorbitante costo ecologico delle guerre è rimasto a lungo un punto cieco nel pensiero politico, osserva il quotidiano

“Una nuova generazione di storici sta facendo luce sul ruolo decisivo del conflitto nell’odierna crisi ambientale globale. In un’epoca di insicurezza climatica, gli Stati possono conciliare guerra ed ecologia?”. È quanto si chiede il quotidiano francese Le Monde in un’inchiesta che parte dal conflitto tra Russia e Ucraina, ricordando le parole di Iryna Stavchuk, viceministro ucraino dell’Ambiente e delle Risorse naturali, il 22 aprile, in occasione della Giornata della Terra, sul disastro ecologico in atto nel paese.

In un Paese altamente industrializzato con la seconda centrale nucleare più grande d’Europa, retaggio dell’era sovietica, i rischi di inquinamento del suolo e delle acque sotterranee sono molteplici. “Sono state bombardate fabbriche chimiche in un Paese particolarmente vulnerabile. L’Ucraina copre il 6% del territorio europeo, ma contiene il 35% della sua biodiversità, con circa 150 specie protette e numerose zone umide, riconosciute di importanza internazionale dalla Convenzione di Ramsar nel 1971. Ma ha anche un’industria che invecchia”, ha osservato Marie-Ange Schellekens, ricercatrice in diritto ambientale all’Università di La Rochelle, che si occupa di prevenzione dei conflitti e sicurezza ambientale, sul quotidiano transalpino.

Ripercorrendo la storia dalle “battaglie condotte da Dario contro gli Sciti nel 513 a.C. ai pozzi di petrolio incendiati in Kuwait dall’esercito di Saddam Hussein nel 1990, la strategia della terra bruciata e l’avvelenamento delle sorgenti si sono sempre rivelate armi formidabili. ‘La maggior parte dei conflitti ha una dimensione ambientale se si include la questione delle risorse’, osserva Marie-Ange Schellekens”.

Tuttavia, “di fronte alla tragedia delle tragedie umane, l’esorbitante prezzo ecologico delle guerre è rimasto a lungo un punto cieco nel pensiero politico. ‘Curiosamente, anche nei circoli ecologisti, il rifiuto della guerra, compresa quella nucleare, non è stato espresso principalmente per motivi ambientali fino agli anni ’70’, sottolinea il politologo. Il pacifismo rivendicato da alcuni attori dell’ecologia politica si basava piuttosto sul rifiuto della violenza e del potere militare dello Stato. Ancora oggi, l’impatto ambientale dei conflitti rimane in gran parte sotto il radar politico, nonostante una lenta presa di coscienza a livello nazionale e un quadro giuridico internazionale che vieta alcune pratiche. “I legami tra ecologia e conflitti rimangono sottovalutati, addirittura tabù, e raramente dibattuti, anche se nella storia non c’è mai stata una tale capacità di distruzione sostenibile degli ecosistemi”, si rammarica l’esperto di sicurezza ambientale Ben Cramer, autore di Guerre et paix et écologie (Ed. Yves Michel, 2014)”.

“Una generazione di storici della scienza, della tecnologia e dell’ambiente sta documentando il ruolo storico delle guerre industriali nella crisi ambientale globale – prosegue il quotidiano -. Il loro lavoro dimostra che gli effetti dei conflitti moderni sulla vita del pianeta non si limitano al campo di battaglia. Questi inquinamenti, per quanto drammatici, sarebbero addirittura ‘l’albero che nasconde la foresta di conseguenze indirette, poco intuitive e a lungo termine, ma molto più importanti’, afferma Fabien Locher, ricercatore del CNRS presso il Centre de recherches historiques de l’EHESS e autore di Révoltes du ciel. Une histoire du changement climatique (XVe-XXe siècle) con Jean-Baptiste Fressoz (Seuil, 2020) ».

“UNA RESPONSABILITÀ PESANTE”

Incoraggiando lo sviluppo di tecnologie sempre più potenti e ad alta intensità energetica, “i conflitti del XX secolo hanno stravolto le condizioni di produzione e trasformato profondamente usi e società, favorendo l’uso di combustibili fossili all’origine del cambiamento climatico. ‘La guerra industriale è la matrice di tutti gli inquinamenti’, afferma lo storico Thomas Le Roux, specialista dell’inquinamento industriale e autore di La Contamination du monde. Une histoire des pollutions à l’âge industriel (con François Jarrige, Seuil, 2017) », prosegue Le Monde.

“L’apparato militare e la guerra hanno una pesante responsabilità nello sconvolgimento degli ambienti locali e del sistema Terra nel suo complesso”, afferma lo storico ed editorialista di Le Monde Jean-Baptiste Fressoz, autore con Christophe Bonneuil di L’Evénement de l’Anthropocène (Seuil, 2013). Così come le dinamiche del capitalismo “capitalocenico” o l’impiego di combustibili fossili “termocenici”, le guerre moderne hanno svolto, secondo lui, un ruolo decisivo “tanatocenico” nel passaggio all’era dell’Antropocene, questa nuova epoca geologica caratterizzata dall’avvento della specie umana come principale forza di cambiamento dell’ambiente.

L’elenco è lungo di tecnologie militari che, una volta tornata la pace, hanno naturalmente trovato nuovi sbocchi nel mondo civile, imponendo la loro logica di potere. “Dal computer all’atomo, un gran numero di tecniche del XX secolo sono nate dagli sforzi per condurre o preparare i conflitti”, sottolinea Fabien Locher.

La Prima guerra mondiale ha aperto la strada alla motorizzazione a benzina e all’aviazione, poi potenziata dallo sforzo bellico del 1939-1945, come ha dimostrato lo storico britannico David Edgerton (What’s New? The Role of Technology in Global History, Seuil, 2013). Il nylon, progettato negli stabilimenti dell’azienda americana DuPont per la fabbricazione dei paracadute del D-Day, è stato riciclato nel dopoguerra nella produzione di moderne reti destinate alla pesca industriale. L’avvento dell’agricoltura industriale è stato possibile solo grazie allo sviluppo di pesticidi derivati dal gas velenoso.

In War and Nature (Cambridge University Press, 2001), lo storico americano Edmund Russell ripercorre come le stesse molecole siano state utilizzate dai militari del Chemical Warfare Service (CWS), il servizio chimico dell’esercito statunitense, per produrre composti chimici sia per l’esercito che per i prodotti agricoli. Per Fabien Locher, “la guerra cambia i sistemi di rappresentazione. Mentre si sviluppano sostanze chimiche per colpire sia gli insetti che il nemico, si comincia a pensare a una guerra senza limiti contro gli altri esseri umani e a una guerra senza limiti contro la natura.”

Questi nuovi strumenti si sarebbero affermati senza conflitti? “Alcuni di essi si sarebbero probabilmente realizzati alla fine. Ma le traiettorie industriali non sarebbero state le stesse, perché le guerre sono fonte di una forma di disinibizione e portano alla creazione di nuovi cicli industriali”, afferma Thomas Le Roux. Così, nonostante i seri dubbi sulla sua tossicità, le autorità americane distribuirono ampiamente il DDT, un potente insetticida, per combattere la malaria durante la guerra del Pacifico, “cosa che forse non sarebbe avvenuta in tempo di pace”, sottolinea Fabien Locher, “ma la guerra crea uno stato di eccezione che incoraggia gli Stati a mettere in secondo piano gli effetti a lungo termine”. Vent’anni dopo, la biologa Rachel Carson descrisse la devastazione nel suo libro fondamentale Primavera silenziosa (1962).

L’AUMENTO DELLO SFRUTTAMENTO DELL’ALLUMINIO

Se sono responsabili del cambiamento climatico, è anche perché le guerre stimolano l’estrattivismo, spingendo l’esplorazione delle risorse naturali sempre più in territori prima incontaminati. “Contrariamente a quanto si potrebbe pensare, le strategie autarchiche degli Stati in guerra non sono ecologiche e storicamente hanno avuto conseguenze dannose per l’ambiente”, afferma Jean-Baptiste Fressoz. Durante la Seconda Guerra Mondiale, la carenza di petrolio spinse la Germania a sviluppare una tecnica per convertire il carbone in combustibile liquido. Allo stesso tempo, l’espansione dell’aviazione militare americana incrementò l’uso dell’alluminio, un materiale inquinante che sarebbe diventato comune dopo la guerra nelle lattine di coca e nell’industria edilizia. Per Fabien Locher, “le istituzioni militari e gli attori industriali che vivono in simbiosi hanno svolto nel XX secolo un ruolo decisivo nell’orientare, sostenere e imporre politiche di ricerca e di cattura delle risorse che hanno trasformato ambienti e società su scala globale”. Una situazione che è ancora attuale, dice Ben Cramer. “L’estrazione di minerali rari per scopi militari sta destabilizzando intere regioni e contribuendo al sequestro di territori, fonte di nuovi conflitti.”

In questa ricerca, la conoscenza e l’esplorazione di nuovi spazi si sono rivelate essenziali. Nella seconda metà del XX secolo, la guerra fredda ha favorito un’intensa mobilitazione scientifica che, a partire dal 1950, ha aperto nuovi campi di conoscenza teorica sulla vita del pianeta. L’idea che il prossimo conflitto sarebbe stato mondiale e globale, che si sarebbe giocato sotto il mare, nell’aria e persino nell’atmosfera, si è imposta in entrambi i blocchi e che “era quindi necessario mappare, sondare e modellare la Terra come spazio per l’evoluzione di truppe, sottomarini e vettori nucleari”, osserva Fabien Locher.

Dagli sforzi militari per prepararsi alla Terza guerra mondiale sono emerse nuove conoscenze in sismologia e oceanografia e soprattutto l’idea che il “sistema Terra” funzioni come un insieme di elementi interagenti. Si evolvono in un’interdipendenza che può portare, in caso di interruzione, a una crisi globale. “Spesso si pensa che l’ecologia e le scienze del sistema Terra siano nate con il lavoro di naturalisti e biologi, ma sono anche in gran parte il risultato di ricerche condotte dalle forze armate e da scienziati che lavorano per loro”, osserva lo storico. Nel 1947 si è tenuto al Pentagono il primo incontro sulle conseguenze dello scioglimento dei ghiacci nell’Artico e sui cambiamenti climatici.

Questo progresso scientifico ha anche il suo lato negativo, in quanto apre la strada a nuove armi. Al culmine delle tensioni tra i due blocchi, la guerra del Vietnam segnò una tappa decisiva, sia per il dispiegamento di tecniche che per la consapevolezza globale che era stata superata una soglia. Tra il 1961 e il 1971, l’esercito statunitense ha versato sulle foreste vietnamite circa settanta milioni di litri di un potente defoliante prodotto dalla Monsanto, l'”Agente Arancio”. L’obiettivo era quello di denudare gli alberi per smascherare il nemico, ma la diossina ha anche contaminato in modo permanente la popolazione e gli ecosistemi. “Ancora oggi, il problema riguarda la fertilità del suolo e la salute della popolazione, che sta sviluppando tumori e malformazioni”, afferma Valérie Cabanes, avvocato e specialista di diritto internazionale, autrice di Un nouveau droit pour la terre. Pour en finir avec l’écocide (Seuil, 2016). I processi che seguirono – esclusivamente per risarcire i soldati colpiti – dimostrarono che la tossicità era perfettamente nota all’epoca.

È sempre in Vietnam che gli Stati Uniti hanno sperimentato per la prima volta tecniche di geoingegneria, cioè in grado di manipolare e modificare l’ambiente. “L’operazione Popeye” consisteva nel “seminare” chimicamente le nuvole per aumentare le precipitazioni e prolungare così artificialmente la stagione dei monsoni, con l’obiettivo di rallentare l’avanzata del nemico. Dal 1967 al 1972, gli aerei dell’aviazione statunitense hanno effettuato più di 2.000 missioni nei cieli vietnamiti per disperdere lo ioduro d’argento.

Queste pratiche hanno suscitato indignazione in tutto il mondo e sensibilizzato la politica, in particolare gli ambienti ambientalisti americani. “Se non allarghiamo il nostro pensiero per includere la guerra, potremo mantenere qualche stato selvaggio, ma perderemo il mondo”, ha osservato il fondatore di Friends of the Earth David Brower. “Per la prima volta è apparso chiaro che gli Stati Uniti stavano praticando un nuovo tipo di conflitto: stavano facendo la guerra all’ambiente per annientare l’avversario”, osserva Fabien Locher.

L’EMERGERE DEL TERMINE “ECOCIDIO”

Il termine “ecocidio”, costruito a partire da “genocidio”, è stato coniato dal biologo Arthur W. Galston, come descritto da Barry Weisberg in Ecocidio in Indocina. L’ecologia della guerra (Canfield Press, 1970). Due anni dopo, la parola fu usata dal primo ministro svedese Olof Palme all’apertura della prima conferenza delle Nazioni Unite sull’ambiente. Nel 1977 sono stati aggiunti due articoli alla Convenzione di Ginevra, che dal 1949 costituisce il quadro di riferimento per il diritto umanitario dei conflitti, che proibiscono “metodi o mezzi di guerra (…) volti a causare (…) danni diffusi, a lungo termine e gravi all’ambiente naturale” e gli attacchi all’ambiente “a titolo di rappresaglia”. La Convenzione sul divieto dell’uso militare delle tecniche di modificazione ambientale, nota come ENMOD, adottata un anno prima, fornisce un quadro di riferimento per l’uso della geoingegneria a scopi ostili.

Il diritto ambientale internazionale può cambiare il corso della guerra? Finora queste convenzioni sono state scarsamente applicate, anche se, da quando è stata istituita la Corte penale internazionale (CPI) nel 2002, i gravi danni ambientali sono stati riconosciuti come crimini di guerra. “Le difficoltà di interpretazione dei testi ne complicano l’applicazione, in particolare per quanto riguarda la definizione di danno grave e duraturo all’ambiente”, osserva l’esperta legale Marie-Ange Schellekens.

Per il momento, solo l’Iraq è stato condannato nel 1991 da una commissione speciale a risarcire il Kuwait dopo che le forze di Saddam Hussein avevano dato fuoco a più di seicento pozzi di petrolio. “Nulla impedisce che le distruzioni commesse in Ucraina vengano giudicate oggi”, afferma Valérie Cabanes, avvocato. Una condanna per crimini ambientali invierebbe un chiaro messaggio agli Stati e traccerebbe una linea morale da non oltrepassare in futuri conflitti. Ma ci sono ancora molti ostacoli. “La giustizia internazionale è un meccanismo macchinoso”, afferma Marie-Ange Schellekens, “e la gravità dei crimini russi contro la popolazione rischia di mettere in secondo piano i danni ambientali.”

Tuttavia, secondo il Maggiore Generale dell’Aeronautica Vincent Breton, capo della strategia militare e delle previsioni dello Stato Maggiore delle Forze Armate, “i procedimenti giudiziari per ‘crimini ambientali’ (…) saranno sempre più frequenti in futuro, e non si può escludere che un giorno i conflitti saranno soggetti a un monitoraggio ambientale a livello internazionale”. “L’impatto ecologico di una guerra, di un’operazione o di una semplice azione militare sarà sempre più un elemento importante nel processo decisionale dei conflitti di domani”, afferma l’ufficiale militare in una recente opera collettiva, La Guerre chaude (coedita da Bastien Alex, François Gemenne e Nicolas Regaud, Presses de Sciences Po, 304 p.), che analizza le questioni strategiche del riscaldamento globale.

SOLDATI CONTRO I DISASTRI

Guerre sotto controllo ambientale? La prospettiva sembra ancora remota, visto il diluvio di fuoco e la distruzione massiccia causata dagli scontri in Ucraina. Ma nell’era del cambiamento climatico, la sfida ambientale viene ora affrontata di petto. Se i conflitti e la loro preparazione hanno ampiamente contribuito alla catastrofe climatica, è la crisi ecologica che sta cambiando le strategie militari.

Dal 2014, i rapporti del Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC) hanno dedicato diversi capitoli ai rischi futuri di conflitto. Aumentando la frequenza e la portata dei disastri naturali, accentuando le difficoltà di accesso all’acqua e l’insicurezza alimentare, gettando decine di milioni di rifugiati climatici sulle strade dell’esilio, il cambiamento climatico esacerberà le tensioni. “Lo Stato in generale, e gli eserciti in particolare, saranno in prima linea [di queste] guerre verdi”, afferma il sociologo Razmig Keucheyan nel suo saggio La nature est un champ de bataille (La Découverte, 2018). I reggimenti sono già chiamati in causa in occasione di disastri naturali su larga scala, nella lotta contro i mega-incendi o negli aiuti forniti ai civili, come nelle Indie occidentali dopo l’uragano Irma o a New Orleans dopo l’uragano Katrina. In Giappone, sono stati i militari ad evacuare la popolazione intorno a Fukushima.

Nel giro di pochi decenni, il concetto di insicurezza climatica è diventato parte integrante delle previsioni militari. Dal 2010, gli Stati Uniti hanno incluso il cambiamento climatico nella loro Bibbia strategica annuale, la Strategia di sicurezza nazionale (NSS). Nel 2017 la Francia ha istituito un Osservatorio della Difesa e del Clima e ad aprile ha pubblicato la sua “strategia globale per preparare lo strumento della difesa alla sfida del clima”. “Alcuni si chiederanno se la NATO, un’alleanza militare, debba preoccuparsi del cambiamento climatico. La mia risposta è sì, dovremmo essere preoccupati”, ha dichiarato il Segretario Generale della NATO Jens Stoltenberg nel 2021. “Le istituzioni devono svolgere un grande lavoro di anticipazione e adattamento, in particolare per garantire che le basi militari rimangano operative nonostante l’innalzamento del livello delle acque o gli eventi meteorologici estremi, la cui intensità aumenta con il cambiamento climatico”, osserva Nicolas Regaud, ex ricercatore presso l’Istituto di Ricerca Strategica dell’Ecole Militaire, ora consulente per il clima del Maggiore Generale delle Forze Armate.

Coinvolti nell’emergenza climatica, gli eserciti sono chiamati a rispondere a ingiunzioni a priori contraddittorie: da un lato, ridurre l’impronta di carbonio dell’azione militare e tenere conto delle sfide ambientali dei conflitti, dall’altro, rispondere a “imperativi operativi” che sono destinati ad aumentare. “Non è il momento della sobrietà militare, anche se la Francia ha adottato una nuova strategia energetica di difesa nel 2020. La guerra ecologica non esiste”, ha dichiarato Nicolas Regaud. I politici non si aspettano che l’esercito abbia una buona impronta di carbonio, vogliono che le missioni vengano portate a termine. Per contenere il consumo di energia, l’esercito francese punta invece sul “miglioramento dell’efficienza attraverso l’innovazione tecnologica, in primo luogo per ragioni di sovranità – perché dipendiamo da altri Paesi per i combustibili fossili – e in secondo luogo perché la transizione energetica può conferire vantaggi operativi, in particolare in termini di autonomia, discrezione o potenza supplementare”.

In questa nuova “geostrategia climatica”, l’energia è ancora, e per molto tempo ancora, il motore della guerra. Gli appelli ad abbassare il riscaldamento e a mettersi un maglione, che si sono moltiplicati in Europa per limitare la dipendenza dai combustibili fossili russi, preannunciano “la nascita di un’ecologia della guerra”, secondo le parole del filosofo Pierre Charbonnier (nella rivista Le Grand Continent), che la vede come “un’arma pacifica di resilienza e autonomia”? Oppure la crisi rilancerà l’esplorazione di nuove fonti di combustibili fossili, come teme Jean-Baptiste Fressoz, per il quale “l’attuale aumento dei prezzi rende solvibili i combustibili fossili più sporchi come il gas naturale liquefatto”? Non c’è dubbio che le decisioni prese oggi determineranno il corso dei conflitti di domani. Nel 2004, la biologa e attivista politica keniota Wangari Maathai, che ha vinto il Premio Nobel per la Pace per il suo lavoro a favore della riforestazione, non ha sbagliato quando ha detto che “la pace sulla Terra dipende dalla capacità di proteggere il nostro ambiente”.

(Estratto dalla rassegna stampa di Eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore