Energie del futuro

L’idrogeno? Sostituirà il gas prima del 2050. Parola di Alverà (Snam)

Snam

Snam è ottimista sull’idrogeno verde, i cui costi sono diminuiti “significativamente”. “La transizione avverrà senza bisogno di grandi sussidi”, ha ammesso Alverà

L’idrogeno inizierà a sostituire il gas naturale nei gasdotti europei prima del 2050 come fonte rinnovabile e ciò consentirà un miglioramento dal punto di vista del combustibile e del costo dell’inquinamento da Co2. È quanto ha dichiarato il numero uno di Snam Marco Alvera, in un intervento su Bloomberg TV. (QUI IL VIDEO)

TRE MODI PER DIVENTARE VERDI PER L’INDUSTRIA DEL GAS

L’industria del gas naturale può diventare più verde in tre modi: biometano, idrogeno blu e idrogeno verde. Snam è ottimista sull’idrogeno verde, i cui costi sono diminuiti “significativamente”. “La transizione avverrà senza bisogno di grandi sussidi – ha detto -. È già in atto una transizione dal carbone al gas molto benefica per l’ambiente. Il passo successivo della transizione è l’abbandono del petrolio e la sostituzione con il gas. Al termine di questa ‘fase uno’ possiamo aumentare gli elettrolizzatori e avere gas verde”, ha spiegato Alverà.

DOMANDA GAS IN CRESCITA NEGLI ULTIMI TRE ANNI

“La domanda di gas naturale è cresciuta del 12% negli ultimi tre anni, spinta dal recupero industriale e da una grande quantità di swìtchìng dal carbone a gas – si legge su Bloomberg -. Snam sta favorendo progetti che possono crescere organicamente in quanto il mercato dell’M&A (fusioni e acquisizioni, ndr) è troppo competitivo, secondo Alverà.

TROPPA LIQUIDITA’ NEL MERCATO

“’Il problema dell’M&A è che c’è così tanta liquidità là fuori nel mercato che vediamo anche gruppi di private equity diminuire il loro rendimento, diventando più competitivi delle aziende e questa è la prima volta che succede negli ultimi 30 anni’, ha ancora il numero uno di Snam. ‘Ci sono pochissime sinergie, quindi non credo si pagheranno premi nel nostro settore’”.