skip to Main Content

L’Ue cambia le regole per aumentare l’efficienza energetica dei motori elettrici

Recovery Fund Efficienza Energetica

Cosa prevedono le nuove regole Ue sull’efficienza energetica per i motori elettrici

L’Ue prova a spingere sull’efficienza energetica. A partire dal 1° luglio 2021 entrano in vigore le nuove misure di progettazione ecocompatibile dell’UE per i motori elettrici e gli azionamenti a velocità variabile, volte a migliorare l’efficienza energetica di questi prodotti in tutta l’Ue. Le nuove norme, applicabili a motori a induzione CA * (come quelli che si possono trovare in lavatrici, condizionatori d’aria, o pompe di calore e sono anche comunemente utilizzati in molti tipi di applicazioni industriali), aggiornano la precedente normativa dal 2009. Tutti i dettagli.

IL NUOVO REGOLAMENTO

In base a quanto si legge sul sito della Commissione Ue, il nuovo regolamento ha una portata notevolmente più ampia, coprendo motori con un range di potenza da 0,12 kW fino a 1000 kW (rispetto ai precedenti 0,75 – 375 kW). Anche i requisiti di efficienza energetica sono stati rafforzati, riflettendo il progresso tecnologico e l’evoluzione del mercato nell’ultimo decennio. Restano fuori i motori a magneti permanenti, i motori a batteria in corrente continua, i motori con commutatori meccanici, i motori per apparecchiature portatili, nonché i motori progettati specificamente per le auto.

COSA CAMBIA

Le nuove regole regoleranno, in particolare, l’efficienza degli azionamenti a velocità variabile. Si tratta di un dispositivo elettronico che può essere utilizzato per regolare la velocità di rotazione di un motore elettrico in base alle esigenze dell’applicazione, che può comportare un notevole risparmio energetico.

E ancora. I motori e gli azionamenti saranno ora soggetti a requisiti informativi come l’efficienza in diversi punti di carico, aiutando gli ingegneri a ottimizzare l’efficienza di interi sistemi.

IL LIVELLO INTERNAZIONALE DI EFFICIENZA

L’Unione diventerà anche la prima regione al mondo a rendere obbligatorio il livello internazionale di efficienza energetica IE4 per alcune categorie di motori elettrici, a partire da luglio 2023. Con il precedente regolamento del 2009 si prevedeva che il miglioramento dell’efficienza dei motori avrebbe portato 57 TWh di risparmio energetico annuo nell’UE entro il 2020. Tenendo conto dell’effetto complessivo del nuovo regolamento rivisto, la modellizzazione della Commissione stima che il risparmio annuo aumenterà a 110 TWh entro il 2030, che equivale al consumo di elettricità dei Paesi Bassi. Ciò significa che saranno evitate 40 milioni di tonnellate di emissioni di CO2 ogni anno e che la bolletta energetica annuale delle famiglie dell’UE.

 

live
Back To Top