skip to Main Content

L’UE vuole eliminare gradualmente le caldaie a gas per fermare le importazioni di energia dalla Russia

Caldaia Gas

“Rivedere l’obbligo dei Paesi di non fornire incentivi per l’installazione di caldaie a combustibili fossili entro il 2027”

Gli incentivi del governo per l’installazione di nuove caldaie a combustibili fossili dovranno essere interrotti “molto più rapidamente” a causa della guerra della Russia in Ucraina. Lo ha dichiarato un funzionario dell’Unione Europea, spiegando che l’attuale data di fine 2027 è “troppo tardi” e deve essere anticipata.

Una delle questioni più controverse in questo momento a Bruxelles è l’energia russa, soprattutto quando e come smettere di usarla. Mercoledì scorso la Commissione Europea ha presentato il piano RePowerEU per rafforzare gli obiettivi sull’energia rinnovabile e per costruire rapidamente nuove infrastrutture per consentire le importazioni da fornitori di combustibili fossili non russi.

I Paesi UE stanno ancora discutendo sulla proposta di divieto di importazione di petrolio russo entro la fine dell’anno, ma gli eurodeputati potrebbero trascurare l’ovvia soluzione che i combustibili fossili sono tutt’intorno a loro, nelle case o negli uffici in cui si trovano.

Gli edifici rappresentano il 40% del consumo finale di energia UE e il 36% delle sue emissioni di gas serra.
I miglioramenti dell’efficienza energetica potrebbero ridurre rapidamente questa cifra, ma incentivare le ristrutturazioni per i vecchi edifici si è rivelata una sfida.

L’Unione Europea si è adoperata per incentivare le ristrutturazioni legate al risparmio energetico come un modesto requisito per gli edifici pubblici, ma non è riuscita a raggiungere i suoi obiettivi di efficienza energetica entro il 2020.

L’anno scorso la Commissione Europea ha proposto di riformulare la direttiva sulla prestazione energetica nell’edilizia (Energy Performance of Buildings Directive – EPBD) come parte di un pacchetto legislativo volto a ridurre del 55% le emissioni di gas serra in Europa entro la fine del decennio.

La rielaborazione aumenterebbe la velocità e la profondità delle ristrutturazioni degli edifici, migliorerebbe le informazioni sulla loro prestazione energetica e sostenibilità e garantirebbe che tutti i fabbricati siano in linea con i requisiti di neutralità climatica del 2050.

Ciò potrebbe ridurre la quantità di energia russa necessaria e la futura presidenza dell’Unione Europea – la Repubblica Ceca – ha identificato questa legge come una via importante per farlo.

LIBERARSI RAPIDAMENTE DELLE CALDAIE A GAS

Questa proposta di rielaborazione, però, è arrivata ben prima dell’invasione russa dell’Ucraina.
Stefan Moser, un funzionario del Dipartimento Energia della Commissione Europea, ha affermato che l’esecutivo UE ne è ben consapevole e ora fa affidamento sul Parlamento Europeo e sugli Stati membri per allineare l’EPBD con la maggiore ambizione UE in materia di energia pulita. E forse – ha suggerito – l’obbligo esistente che gli Stati membri non forniscano più incentivi per l’installazione di caldaie alimentate da combustibili fossili entro il 2027 dovrebbe essere rivisto.

“Ora ovviamente, con l’aggressione russa di febbraio, ci troviamo in una situazione in cui l’obiettivo politico in sé è quello di eliminare gradualmente il consumo di gas naturale – o almeno ridurlo – molto più rapidamente, perché sappiamo che non riusciremo a sostituire tutto il gas russo entro un tempo ragionevole a prezzi accettabili”, ha detto Moser all’inizio di questa settimana. “Per questo motivo possiamo sostenere con forza che il 2027 è troppo tardi. Non dovranno esserci più finanziamenti per le soluzioni di cui non abbiamo più bisogno, e dovremmo uscirne più rapidamente”.

Tuttavia, il successo o il fallimento della rielaborazione dell’EPBD nell’intaccare le importazioni di energia russe dipenderà dall’azione degli Stati membri. “Vorremmo migliorare i quadri nazionali – ha spiegato Moser – Gli Stati membri rimarranno al posto di guida, ma finora abbiamo notato una serie di debolezze che hanno avuto un impatto negativo sull’efficacia della politica immobiliare. Una è la qualità delle informazioni negli attestati di prestazione energetica e anche la mancanza di un approccio strategico quando si tratta di singoli edifici. Spesso la ristrutturazione è innescata da un’esigenza particolare di sicurezza o di estetica, ma spesso in un modo non onnicomprensivo”.

L’incapacità di fare grandi progressi in questo senso finora è stata una vera opportunità persa, ha spiegato Mariangiola Fabbri, responsabile Ricerca del Buildings Performance Institute Europe (BPIE), un think tank guidato dal settore.

Il BPIE nel 2020 ha iniziato ad esaminare quanto gli edifici possono contribuire all’obiettivo UE di ridurre le emissioni del 55% entro il 2030: “la nostra stima è che gli edifici potranno contribuire davvero al 60% di queste riduzioni”. La chiave, ha aggiunto, è innanzitutto ridurre al minimo il consumo energetico dell’edificio e, quindi, fornire il restante fabbisogno energetico da fonti rinnovabili. Questo però richiederà una grande quantità di rinnovamento. “Le nuove costruzioni nell’Unione Europea sono una percentuale molto piccola, secondo noi dovremmo arrivare al 3% dei tassi di ristrutturazione annuali”.

BPIE ha pubblicato un rapporto all’inizio di questa settimana che esamina i paesi che dipendono dal gas russo. “Abbiamo esaminato il rinnovamento di pareti e tetti, misure molto semplici”, ha affermato.
“Di questi 8 Stati membri, in media abbiamo riscontrato che è possibile risparmiare il 45% del consumo finale di energia e il 44% del consumo di gas per il riscaldamento degli ambienti residenziali”.

COME MIGLIORARE LA DIRETTIVA SULLA PRESTAZIONE ENERGETICA EPBD

Erkki Maillard, vicepresidente senior per gli Affari Europei di EDF, ha affermato che accoglie con favore la proposta RePowerEU, ma spera in alcuni miglioramenti da parte del Parlamento Europeo e degli Stati membri durante il processo legislativo. “Se vogliamo davvero lavorare sugli edifici peggiori in termini di emissioni – perché abbiamo molti edifici esistenti e per il 2050 il 70% sarà ancora lì – dovremmo incorporare l’elemento CO2 nel certificato di efficienza energetica. Dovrebbe far parte del ‘passaporto’ che è stato messo in atto e integrato nelle proposte degli standard obbligatori sulle emissioni”.

In termini di mobilità e aggiunta di punti di ricarica elettrica, Maillard ha affermato che la distinzione nel testo tra edifici residenziali e non residenziali dovrebbe essere eliminata.

Brice Lalonde, presidente della piattaforma di decarbonizzazione senza scopo di lucro Équilibre des Énergies, ha affermato che un aggiornamento digitale – che va di pari passo con gli aggiornamenti fisici – sarà la chiave di questo sforzo.

“Abbiamo bisogno di una misurazione intelligente, perché è molto importante sapere esattamente cosa sta succedendo per risparmiare più elettricità. Il calore rinnovabile è molto importante. Pensiamo che anche nelle nuove normative per le case si potrebbe introdurre qualcosa che dice che tutte le case dovranno essere pronte per il fotovoltaico. Anche se il proprietario decide di non installare i sistemi solari, almeno la casa dovrebbe essere pronta per farlo, in modo che in futuro questo possa avvenire.

Da parte sua, Maillard ha affermato che un aspetto fondamentale di questa rielaborazione è che gli Stati membri condividano le migliori pratiche tra di loro. “In Europa ci sono buone e cattive pratiche, buone e cattive regole. La regolamentazione può creare o interrompere questa ondata di rinnovamento e questi investimenti. Se guardiamo a Paesi come Finlandia, Italia e Olanda, tutti hanno deciso di ridurre le tasse sull’elettricità. Questo ha dato impulso al mercato delle pompe di calore, e alcuni di loro hanno anche sostenuto l’investimento iniziale”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

live
Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore