skip to Main Content

Nord Stream 2, sarà la ‘Akademik Cherskiy’ a completare la posa dei tubi

Nord Stream 2

Il gas di Nord Stream 2 potrebbe raggiungere la Germania già dal quarto trimestre 2020, con un aumento della piena capacità nel primo trimestre del 2021

La nave posatubi Akademik Cherskiy, che dovrebbe completare la costruzione del gasdotto Nord Stream 2, si sta dirigendo verso il Canale di Suez. È quanto mostra il software dei flussi commerciali di S&P Global Platts cFlow, suggerendo che l’Europa è la sua destinazione finale.

I TEMPI

La nave potrebbe raggiungere le acque danesi in due mesi, secondo Platts Analytics, il che suggerisce a sua volta che il gas di Nord Stream 2 potrebbe raggiungere la Germania già dal quarto trimestre 2020, con un aumento della piena capacità nel primo trimestre del 2021.

L’ANALISI S&P GLOBAL PLATTS

“Possiamo vedere da cFlow che la prossima destinazione di Akademik Cherskiy è Suez e che la data prevista per l’arrivo è il 25 marzo. Complessivamente, prevediamo che ci vorranno due mesi per raggiungere le acque danesi. Da quel momento in poi, pensiamo che ci vorranno ancora un paio di mesi per finire di posare i rimanenti 160 km e qualche altro mese per la messa in servizio del gasdotto. Pertanto prevediamo i primi flussi sul Nord Stream 2 nel quarto trimestre, e una piena capacità entro il secondo trimestre del 2021”, ha detto Ornela Figurinate, analista del gas di S&P Global Platts.

LE SANZIONI

I lavori di costruzione del Nord Stream 2 da 55 Miliardi di metri cubi l’anno che collega la Russia alla Germania attraverso il Mar Baltico sono stati bruscamente interrotti alla fine di dicembre, dopo che il governo degli Stati Uniti ha attuato nuove sanzioni contro gli appaltatori del progetto.

La società di posa di tubi Allseas ha sospeso i lavori il 21 dicembre, lasciando 160 km – su una lunghezza totale di 2.460 km – ancora da posare nelle acque danesi.

Alcune settimane dopo, il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato che il progetto sarebbe stato completato senza assistenza internazionale e sarebbe stato operativo entro il primo trimestre del 2021.

LA SCELTA DELLA AKADEMIC CHERSKIY

I resoconti dei media avevano già indicato che sarebbe stata la nave Akademic Cherskiy, di proprietà di Gazprom la possibile sostituta della Allseas. Il ministro dell’energia russo Alexander Novak aveva anche citato la nave come opzione alla fine di dicembre. Al momento dell’annuncio di Putin a gennaio, l’Akademic Cherskiy era ormeggiato nel porto russo dell’Estremo Oriente di Nachodka. Il 9 febbraio ha iniziato il suo viaggio verso Singapore e poi di nuovo a Colombo, in Sri Lanka, il 24 febbraio, prima di dirigersi verso Suez giovedì.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore