Scenari

Nucleare, ambizioni in Medio Oriente ostacolate da costi e paure

Nucleare

Iran, Emirati Arabi Uniti producono energia nucleare per la generazione di elettricità. Egitto, Giordania, Arabia Saudita e Turchia vogliono seguire il loro esempio ma non è così semplice

Quest’anno gli Emirati Arabi Uniti hanno avviato il loro primo reattore nucleare. Un esempio che molti paesi del Medio Oriente vorrebbero seguire ma che al momento è irrealizzabile a causa di vincoli finanziari, aspirazioni di arricchimento dell’uranio e paure legittime dopo quanto accaduto tra l’Iran e l’Occidente.

LA SITUAZIONE NEGLI EMIRATI

Gli Emirati Arabi Uniti, finora, sono l’unico paese della regione ad aver accettato il cosiddetto “gold standard” nell’accordo di cooperazione nucleare con gli Stati Uniti, rinunciando a qualsiasi piano per arricchire l’uranio, che è la principale causa di preoccupazione dell’Occidente.

Il programma pacifico degli Emirati Arabi Uniti comprende quattro reattori nucleari da 1,4 GW, il primo dei quali avviato ad agosto, può soddisfare fino al 25% del fabbisogno elettrico del Paese.

PIANI NUCLEARI SAUDITI

In Arabia Saudita, ricorda S&P Global Platts, i precedenti scenari per sviluppare 17,6 GW di energia nucleare entro il 2032 sono stati ridimensionati per costruire 1,2-1,6 GW di piccoli reattori modulari senza alcuna tempistica stabilita. “Tuttavia, l’Occidente è preoccupato per il programma saudita a causa delle sue intenzioni dichiarate di estrarre e arricchire i suoi depositi di uranio”.

In un’intervista del marzo 2018 alla CBS, il principe ereditario Mohammed bin Salman ha dichiarato: “L’Arabia Saudita non vuole acquisire alcuna bomba nucleare, ma senza dubbio se l’Iran ha sviluppato una bomba nucleare, seguiremo l’esempio il prima possibile”.

Tali dichiarazioni hanno innervosito i paesi occidentali, inclusi alcuni legislatori statunitensi, che hanno esortato l’amministrazione statunitense a persuadere l’Arabia Saudita ad accettare il “gold standard” e presagire l’arricchimento dell’uranio.

LAVORI IN AVANZAMENTO IN TURCHIA, GIORDANIA PRIVA DI RISORSE

La Turchia, che ha il cosiddetto ‘123 nuclear cooperation agreement’ con gli Stati Uniti proprio come gli Emirati Arabi Uniti, sta costruendo la sua prima centrale nucleare Akkuyu, che sarà composta da quattro reattori da 1.2 GW forniti da Rosatom, con l’inizio dei lavori sulla prima unità nel 2023.

L’Egitto, che ha anch’essa un accordo con gli Usa, da tempo prevede di realizzare una centrale nucleare, ma i suoi piani sono ostacolati da vincoli finanziari. La Russia, tuttavia, ha accettato di finanziare l’85% dei 29 miliardi di dollari di costi di costruzione dell’impianto di El Dabaa, che comprenderà quattro reattori da 1,2 GW. La prima unità inizierà a funzionare nel 2026.

Allo stesso modo, la Giordania priva di risorse ha bisogno di aiuto finanziario per raggiungere la sua ambizione di produrre energia nucleare per aiutare a fermare la sua dipendenza dalle importazioni di energia. La Giordania, che nel 2015 ha firmato con Rosatom un accordo da 10 miliardi di dollari per costruire una centrale nucleare da 2 GW, da allora ha demolito questo piano e sta esaminando la possibilità di realizzare piccoli reattori modulari. La Giordania vuole anche estrarre e arricchire i propri depositi di uranio, che è un altro punto critico con gli Stati Uniti nel raggiungere l’accordo 123.

LA QUESTIONE IRANIANA

Il vero problema alla possibilità di realizzare centrali nucleari nella regione è l’Iran, che iniziò nel 1959 con un piccolo reattore nucleare statunitense ma finì impigliato in un grande stallo con l’Occidente negli anni 2000.

Per frenare le aspirazioni nucleari dell’Iran, Cina, Francia, Germania, Russia, Regno Unito e Stati Uniti hanno raggiunto nel 2015 un accordo con Teheran che ha contribuito a impedirgli di sviluppare un programma nucleare oltre la generazione di energia.

Tuttavia, nel 2018 gli Stati Uniti si sono ritirati unilateralmente dal Piano d’azione globale congiunto, chiedendo nuove condizioni a Teheran.

L’Iran, che ha avviato la sua prima centrale nucleare da 1 GW di Bushehr nel 2011, prevede di triplicare quasi la produzione entro il 2027 con l’aiuto di Rosatom.

Oltre all’Iran, un altro motivo di preoccupazione è il potenziale attacco agli impianti nucleari.

“Le moderne centrali nucleari sono progettate per essere sicure contro la maggior parte dei tipi di minacce, ma non possono essere perfettamente protette contro minacce come un aeroplano che attacca direttamente l’impianto … o nel caso di un attacco come l’attacco israeliano a Osirak in Iraq nel 1981”, ha detto Mark Fitzpatrick, associate fellow at the International Institute for Strategic Studies. .