Sardegna, dorsale Gas: il Minambiente valuterà procedura Via

Con l’entrata in vigore delle nuove norme sulla Via (dlgs 104/2017), la valutazione sui progetti della dorsale del gas sarda passa dalla Regione al ministero dell’Ambiente   Sarà il Ministero dell’Ambiente a valutare la procedura di Via (Valutazione di impatto ambientale) relativa ai tre progetti finorapresentati da Sgi e Snam per la dorsale gas sarda (QE 4/8). La decisione è stata presa a seguito della riforma della Valutazione di impatto ambientale introdotta dal D.Lgs 104/2017 (QE 7/8). “Per quanto attiene a

Polonia, al via nuovo gasdotto. Aumenterà sicurezza energetica

Un nuovo gasdotto in Polonia, per collegare Czeszów a Wierzchowice  ed aumentare la sicurezza energetica nel paese    Sarà lanciato ufficialmente il prossimo 12 settembre il nuovo gasdotto polacco che collegherà Czeszów a Wierzchowice nel sud-ovest del paese. Il portavoce di Gaz-System (l’operatore polacco attivo nel settore delle reti gas) Tomasz Pietrasieński, ha sottolineato che la nuova infrastruttura è parte del cosiddetto corridoio nord-sud che intende collegare i terminali di Gnl in Polonia con la Croazia entro il 2022. Grazie alla realizzazione

Ecco come la Cina vuole vendere energia all’Africa

La fusione tra China Guodian Group e Shenshua Group dà vita alla più grande utility del mondo China Guodian Group, uno dei primi cinque produttori di energia elettrica cinese, e Shenshua Group, colosso del carbone, si sono fuse dando vita alla più grande utility del mondo. A comunicarlo, in una nota di poche righe, è stata la statale Assets supervision and administration commission (Sasac), ovvero la Commissione governativa cinese che controlla assetti e fusioni tra società statali I numeri del

Ecobonus: lo sconto potrebbe essere modulato in base al risparmio

Il Governo studia nuove forme di Ecobonus. La somma detraibile potrebbe essere modulata in base al risparmio previsto   Da gennaio 2018, gran parte delle misure che vengono raccolte sotto il nome di “Ecobonus” cambieranno: la detrazione scenderà al 36%, in attesa di nuove norme in materia, che dovrebbero essere inserite nella prossima Legge Bilancio. Il Governo studia la possibilità di formulare detrazioni fiscali il cui valore dovrebbe corrispondere a quanto ci farebbe risparmiare l’intervento, provando così ad incentivare interventi

Petrolio, Arabia Saudita e Russia vogliono nuovi tagli

Arabia Saudita e Russia chiedono il prolungamento dell’accordo sui tagli alla produzione, con l’obiettivo di risollevare il mercato del greggio   Nuovi tagli alla produzione di petrolio. È questo che chiedono, ancora una volta, Russia e Arabia Saudita, i due Paesi che fanno dell’oro nero la base della loro economia. Tagliare la produzione significa ridurre la materia sul mercato, facendone salire il prezzo. E, dunque, guadagnando di più. Russia e Arabia Saudita intendono estendere di tre mesi l’accordo raggiunto a

Tap: ecco perchè è importante per l’Italia e l’Europa

L’infrastruttura apre un nuovo corridoio energetico per Italia ed Europa   Continuano i lavori, nel Salento, per la realizzazione del Tap. Negli scorsi mesi, il Consiglio di Stato ha giudicato legittimo l’iter autorizzativo del gasdotto Tap che dovrebbe approdare a San Foca, nel Salento, in provincia di Lecce.  Una tappa fondamentale per la realizzazione dell’infrastruttura strategica. Cosa è il Gasdotto Tap Il Trans Adriatic Pipeline, o TAP nella versione abbreviata, prevede la realizzazione di un gasdotto che trasporterà gas naturale dalla

Rinnovabili, generano sempre meno energia

Cresce la domanda di energia, mentre le rinnovabili generano sempre meno in termini assoluti   Nei primi sette mesi le energie rinnovabili hanno coperto il 33,9% della domanda, meno di un anno fa. Non proprio una buona notizia se si pensa alla transazione energetica, agli obiettivi di Parigi e ai target europei al 2030. Mentre la domanda di energia, nei primi sette mesi dell’anno, è cresciuta dell’1,2%, le fonti rinnovabili hanno generato sempre meno in termini assoluti. Sale, invece, il

Brexit, la questione è anche energetica

La Gran Bretagna chiede all’Ue un accordo sul nucleare dopo l’uscita dall’Euratom, altrimenti minaccia di rispedire indietro i rifiuti radioattivi esteri Le trattative per l’uscita della Gran Bretagna dall’Unione Europea dovranno affrontare non solo temi economici e commerciali. Uno dei temi caldi sarà quello sul nucleare: se non si dovesse raggiungere un accordo, infatti, Londra minaccia di rispedire indietro i rifiuti radioattivi esteri. E anche l’Italia riceverà la sua parte. Proviamo a spiegarci. La Brexit segna l’uscita dell’Inghilterra anche dell’Euratom, ovvero dalla

Più auto elettriche su strada? La sfida è (anche) energetica

La diffusione delle auto elettriche in Gran Bretagna diventa una sfida anche per l’industria dell’energia rinnovabile, che è alla ricerca di stabilità   Dire addio alle auto a benzina e diesel, entro il 2040. Lo ha annunciato la Francia, l’Italia e anche la Gran Bretagna: l’obiettivo è ambizioso ed è a tutto vantaggio dell’ambiente (almeno si spera), ma non è certo facile da raggiungere. L’introduzione massiccia dell’auto elettrica, è questa la soluzione all’addio dei combustibili tradizionali, comporta una rivoluzione anche

Un mega parco fotovoltaico sulle rovine di Chernobyl

Il Governo dell’Ucraina riabilita l’area off limits di Chernobyl, grazie ad un parco fotovoltaico   Nuova vita per la zona off limits di Chernobyl, quella chiusa da 30 anni a causa delle radiazioni. Sulle rovine del disastro nucleare sorgerà una vera e propria centrale fotovoltaica. Il governo dell’Ucraina ha lanciato una vera e propria corsa al fotovoltaico, a cui ha risposto la società elettrica francese Engie, per  far rinascere e rendere utile tutta l’area ad oggi inaccessibile di Chernobyl. E non

Gas, numeri record per il terminale di rigassificazione di Adriatic Lng

Il terminale di rigassificazione di Adriatic Lng, strategico per l’approvvigionamento energetico italiano, registra numeri record   Al largo della costa veneta è situato il terminale di rigassificazione di Adriatic Lng, infrastruttura, come dimostrano i numeri, per “l’approvvigionamento energetico e la diversificazione delle fonti nel nostro Paese importando Gnl principalmente dal Qatar”, ma anche dall’Egitto, da Trinidad e Tobago, dalla Guinea Equatoriale e dalla Norvegia spiega la nota della Adriatic Lng. La prima struttura offshore al mondo in cemento armato per

Luce e Gas, dal 2019 si passa al mercato libero

Per semplificare il passaggio al mercato libero, l’Autorità per l’energia ha obbligato tutti i venditori a inserire tra le proprie offerte la tariffa PLACET   C’è una data ufficiale. Da giugno 2019 ci sarà la piena liberalizzazione del mercato retail dell’energia elettrica e del gas, con la conseguente fine del Servizio a Maggior Tutela. Lo ha stabilito il ddl Concorrenza approvato poche settimane fa dal Governo. Scegliere il mercato libero, in realtà, è già cosa possibile, ma la maggior parte degli utenti usufruiscono

Batteria di accumulo: perchè sono importanti per la rete elettrica

Le batterie a flusso organico che accumulano energia possono aiutare a stabilizzare la domanda e l’offerta di elettricità. Il sistema ideato da Green Energy Storage conquista tutti su Mamacrowd   Dobbiamo puntare sempre più sulle rinnovabili. E dobbiamo farlo in fretta. La Conferenza di Parigi sui cambiamenti climatici di fine 2015 ha fissato la riduzione del 50% di anidride carbonica entro il 2030 e del 90% entro il 2050. Target raggiungibili solo, però, se si aumenta la quota di energia

L’eolico cresce, grazie (soprattutto) alla Germania

Nel primo semestre 2017, in Europa è stata aggiunta 6,1 GW di capacità eolica alla rete. A dare l’esempio, per progetti e investimenti, è la Germania   L’energia eolica piace agli europei e, soprattutto, piace alla Germania che ne traina la crescita. Nei primi 6 mesi del 2017, il Vecchio Continente ha aggiunto 6,1 GW di capacità eolica alla rete: si tratta di un buon risultato per un mercato maturo che sta rapidamente abbandonando i generosi incentivi dei FiT. Ma

Gas naturale, gli Usa saranno i primi esportatori

Tra cinque anni, gli Usa, primo consumatore e produttore di gas, genereranno il 40% della produzione mondiale extra di Lng   Il gas naturale è la fonte fossile che potrebbe traghettare il mondo dell’energia verso le fonti rinnovabili. Un ponte, valido e solido, verso un nuovo futuro del settore. Capitani di questa rivoluzione potrebbero essere gli Stati Uniti d’America, che grazie al fracking – l’estrazione di gas di scisto tramite la fratturazione idraulica del sottosuolo – entreranno presto nell’elenco dei