skip to Main Content

Per TotalEnergies il gas è l’energia giusta per la transizione

TotalEnergies

TotalEnergies prevede di investire il 75% delle sue spese negli idrocarburi e il 25% nelle rinnovabili e nell’elettricità.

Con il cambiamento di nome da Total a TotalEnergies durante la transizione dai combustibili fossili, la compagnia petrolifera francese sta investendo di più nelle energie rinnovabili e nello stoccaggio di energia, ma anche tagliando le emissioni dal business del gas naturale. A riferirlo è stato il Ceo dell’azienda Patrick Pouyanné durante l’S&P Global Platts Energy Summit.

FOSSILI ANCORA ALL’80% DEL MIX ENERGETICO MONDIALE

“Tutti vogliono la transizione, e c’è un’enorme pressione per abbandonare i combustibili fossili, ma i combustibili fossili rappresentano l’80% della fornitura di energia oggi sul pianeta”, ha detto Pouyanné ricordando che erano all’80,2% 10 anni fa, e sono all’80,1% quest’anno.

TOTALENERGIES PREVEDE DI INVESTIRE IL 75% NEGLI IDROCARBURI E IL 25% NELLE RINNOVABILI E NELL’ELETTRICITÀ

“Vogliamo decarbonizzare l’energia, quindi dobbiamo investire in gran parte nelle rinnovabili e nell’energia decarbonizzata”, ha spiegato Pouyanné, aggiungendo che TotalEnergies prevede di investire il 75% delle sue spese negli idrocarburi e il 25% nelle rinnovabili e nell’elettricità. Pouyanné ha ammesso di non essere sicuro che questo sia il giusto equilibrio, ma è la strategia attuale. A livello globale, l’industria petrolifera non ha investito abbastanza nella produzione di petrolio convenzionale per combattere i tassi di declino naturale, ha infatti aggiunto.

TOTALENERGIES VEDE IL GAS COME L’ENERGIA GIUSTA PER LA TRANSIZIONE

TotalEnergies ha attività focalizzate su petrolio, gas naturale, elettricità, idrogeno, biomassa, energia eolica e solare.

Pouyanné ha detto che la strategia è legata all’evoluzione della domanda di petrolio e di energia, perché la velocità con cui le case automobilistiche stanno passando ai veicoli elettrici “è impressionante” e dovrebbe portare a un calo della domanda globale di petrolio, anche se non è ancora chiaro quando questo accadrà.

L’azienda rimane “abbastanza rialzista” sul gas naturale, e il GNL in particolare, perché TotalEnergies vede il gas come l’energia giusta per la transizione, ha ammesso Pouyanné: “Stiamo costruendo oggi una società multi-energia con petrolio e gas, ma anche energie rinnovabili ed elettricità, e domani idrogeno e altre tecnologie”.

TAGLIARE LE EMISSIONI DI METANO

Ma mentre da un punto di vista climatico è meglio generare energia dal gas invece che dal carbone, la sfida per l’uso del gas è la riduzione delle emissioni di metano, ha detto il Ceo dell’azienda francese. Le centrali a gas sono beni controllabili che possono aumentare e diminuire l’intensità di energia, il che aiuta a gestire l’intermittenza dell’energia rinnovabile, e anche se le batterie possono aiutare, lo stoccaggio di energia a lunga durata rimane una sfida difficile.

Per quanto riguarda le strategie di decarbonizzazione, Pouyanné ha detto che le compensazioni di carbonio non aiutano e Total si concentrerà sul taglio delle emissioni direttamente dalle sue operazioni. Inoltre, è necessario un mercato dei crediti di carbonio certificato ed efficiente che sia chiaramente regolato, “e noi lavoreremo con quello”, ha concluso.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

live
Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore