skip to Main Content

Per TotalEnergies il gas è l’energia giusta per la transizione

TotalEnergies

TotalEnergies prevede di investire il 75% delle sue spese negli idrocarburi e il 25% nelle rinnovabili e nell’elettricità.

Con il cambiamento di nome da Total a TotalEnergies durante la transizione dai combustibili fossili, la compagnia petrolifera francese sta investendo di più nelle energie rinnovabili e nello stoccaggio di energia, ma anche tagliando le emissioni dal business del gas naturale. A riferirlo è stato il Ceo dell’azienda Patrick Pouyanné durante l’S&P Global Platts Energy Summit.

FOSSILI ANCORA ALL’80% DEL MIX ENERGETICO MONDIALE

“Tutti vogliono la transizione, e c’è un’enorme pressione per abbandonare i combustibili fossili, ma i combustibili fossili rappresentano l’80% della fornitura di energia oggi sul pianeta”, ha detto Pouyanné ricordando che erano all’80,2% 10 anni fa, e sono all’80,1% quest’anno.

TOTALENERGIES PREVEDE DI INVESTIRE IL 75% NEGLI IDROCARBURI E IL 25% NELLE RINNOVABILI E NELL’ELETTRICITÀ

“Vogliamo decarbonizzare l’energia, quindi dobbiamo investire in gran parte nelle rinnovabili e nell’energia decarbonizzata”, ha spiegato Pouyanné, aggiungendo che TotalEnergies prevede di investire il 75% delle sue spese negli idrocarburi e il 25% nelle rinnovabili e nell’elettricità. Pouyanné ha ammesso di non essere sicuro che questo sia il giusto equilibrio, ma è la strategia attuale. A livello globale, l’industria petrolifera non ha investito abbastanza nella produzione di petrolio convenzionale per combattere i tassi di declino naturale, ha infatti aggiunto.

TOTALENERGIES VEDE IL GAS COME L’ENERGIA GIUSTA PER LA TRANSIZIONE

TotalEnergies ha attività focalizzate su petrolio, gas naturale, elettricità, idrogeno, biomassa, energia eolica e solare.

Pouyanné ha detto che la strategia è legata all’evoluzione della domanda di petrolio e di energia, perché la velocità con cui le case automobilistiche stanno passando ai veicoli elettrici “è impressionante” e dovrebbe portare a un calo della domanda globale di petrolio, anche se non è ancora chiaro quando questo accadrà.

L’azienda rimane “abbastanza rialzista” sul gas naturale, e il GNL in particolare, perché TotalEnergies vede il gas come l’energia giusta per la transizione, ha ammesso Pouyanné: “Stiamo costruendo oggi una società multi-energia con petrolio e gas, ma anche energie rinnovabili ed elettricità, e domani idrogeno e altre tecnologie”.

TAGLIARE LE EMISSIONI DI METANO

Ma mentre da un punto di vista climatico è meglio generare energia dal gas invece che dal carbone, la sfida per l’uso del gas è la riduzione delle emissioni di metano, ha detto il Ceo dell’azienda francese. Le centrali a gas sono beni controllabili che possono aumentare e diminuire l’intensità di energia, il che aiuta a gestire l’intermittenza dell’energia rinnovabile, e anche se le batterie possono aiutare, lo stoccaggio di energia a lunga durata rimane una sfida difficile.

Per quanto riguarda le strategie di decarbonizzazione, Pouyanné ha detto che le compensazioni di carbonio non aiutano e Total si concentrerà sul taglio delle emissioni direttamente dalle sue operazioni. Inoltre, è necessario un mercato dei crediti di carbonio certificato ed efficiente che sia chiaramente regolato, “e noi lavoreremo con quello”, ha concluso.

Back To Top