Senza categoria

Perché anche la Fondazione Rockfeller abbandona i combustibili fossili

Rockfeller

La Fondazione Rockfeller è in ottima compagnia assieme a enti religiosi, BlackRock, Goldman Sach, Fondi sovrani e così via

La Fondazione Rockefeller, istituita da John D.Rockefeller nel 1913, ha deciso di disinvestire dai combustibili fossili e non fare nuovi investimenti nel settore. Lo ha detto alla CNN il presidente della Fondazione Rockefeller, Rajiv Shah.

PERCHÉ LA FONDAZIONE ROCKFELLER HA DETTO STOP

Oltre a impegnarsi a scaricare le sue partecipazioni di combustibili fossili, la dotazione di 5 miliardi di dollari promette anche di non fare nuovi investimenti nel settore assediato. Le mosse rendono la Fondazione Rockefeller la più grande fondazione statunitense ad abbracciare il movimento di disinvestimento in rapida crescita.

“La combustione di combustibili fossili non è necessaria per sostenere la nostra economia e la crescita economica nel lungo periodo – ed è dannosa per il nostro futuro climatico”, ha detto a CNN Business in un’intervista esclusiva Rajiv Shah, presidente della Fondazione Rockefeller.

Questo disinvestimento è particolarmente simbolico perché la Fondazione Rockefeller è stata creata proprio con i soldi derivati dal petrolio. La dotazione è stata in gran parte costruita con i proventi della Standard Oil, una società che al suo apice controllava oltre il 90% dei prodotti petroliferi negli Stati Uniti e la cui erede è oggi ExxonMobil.

Più di un secolo dopo, la Fondazione Rockefeller ha deciso invece che è tempo di tagliare i legami con i combustibili fossili sottolineando come tali investimenti siano in conflitto con la sua missione di aiutare l’umanità. Il passaggio pone un punto esclamativo sull’enorme pressione che deve affrontare l’industria dei combustibili fossili con gli investimenti socialmente consapevoli che si stanno affermando come mainstream e la crisi climatica che si intensifica.

Disinvestendo dai combustibili fossili – e investendo denaro invece in energia pulita come il solare – la fondazione si sforza di accelerare la transizione energetica.

LO STUDIO ROCKEFELLER BROTHERS FUND EVIDENZIA COME I RENDIMENTI SIANO MIGLIORATI DISINVESTENDO DAI COMBUSTIBILI FOSSILI

Il Rockefeller Brothers Fund, creato nel 1940 dai figli di John D. Rockefeller, ha disinvestito dai combustibili fossili cinque anni fa. Nel maggio di quest’anno, il Rockefeller Brothers Fund (RBF) ha pubblicato un caso di studio che mostra come i suoi rendimenti degli investimenti abbiano superato i benchmark di mercato da quando ha disinvestito dai combustibili fossili cinque anni fa.

La Fondazione Rockefeller è solo l’ultimo investitore a impegnarsi a disinvestire dai combustibili fossili visto che un numero crescente di investitori istituzionali sta spostando la propria attenzione su investimenti energetici a basse emissioni di carbonio, mentre coloro che sono ancora investiti in petrolio e gas richiedono trasparenza nella rendicontazione delle emissioni e preparazione per la transizione energetica.

CHI HA DECISO DI DISINVESTIRE DA PETROLIO, GAS E CARBONE

Tra queste rientrano BlackRock. Ma non solo. Basti pensare alle associazioni religiose unite nella Campagna di disinvestimento finanziario dai combustibili fossili, che hanno annunciato che altre 47 istituzioni, cristiane, ma anche ebraiche, si sono aggiunte alle 400 già impegnate a non investire più in aziende che commerciano o utilizzano energia proveniente dal carbone, dal petrolio e i loro derivati.

Ma ci sono anche la Banca Europea per gli Investimenti (Bei) che entro la fine del 2021 non destinerà più fondi a progetti industriali che usano combustibili fossili o tecnologie inquinanti non in linea con i Sustainable Develompment Goals (Sdg) 2030 delle Nazioni Unite. Il Fondo sovrano norvegese che ha ceduto partecipazioni per 3,3 miliardi di dollari, tra cui quelle in Glencore e AngloAmerican nel carbone.

E Goldman Sachs che ha siglato il proprio impegno nella diminuzione degli investimenti destinati al supporto di nuove miniere di carbone e di altri progetti di esplorazione e sviluppo di campi petroliferi in Artico. Come riportato da Bloomberg, nel prossimo decennio la banca americana ha posto infatti l’obiettivo di 750 miliardi di finanziamenti “a servizio della transizione climatica e della crescita inclusiva”.

DA ULTIMI I FONDI PENSIONI DELLO STATO DI NEW YORK

All’inizio di questo mese, uno dei più grandi fondi pensione, il Fondo comune che gestisce le pensioni dello Stato di New York da 226 miliardi di dollari, ha dichiarato che stava intraprendendo una revisione di tutte le società energetiche in cui ha investito per valutare la loro preparazione per la transizione energetica e scaricare quelle considerate più rischiose in investimenti legati al clima.