Advertisement Skip to content
ONU SDG 7

Perché il divario globale nell’accesso all’energia sta peggiorando

Un rapporto di AIE, IRENA, UNSD, Banca Mondiale e OMS rivela che sono stati fatti progressi su elementi specifici dell’agenda SDG 7 – ad esempio, l’aumento del tasso di diffusione delle energie rinnovabili nel settore energetico – ma che questi sono insufficienti per raggiungere gli obiettivi previsti

Un nuovo rapporto dell’Agenzia Internazionale per l’Energia (AIE), dell’Agenzia internazionale per l’energia rinnovabile (IRENA), della Divisione statistica delle Nazioni Unite (UNSD), della Banca mondiale e dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) rileva che il percorso del mondo verso il raggiungimento dell’Obiettivo di Sviluppo Sostenibile (SDG) 7 per l’energia entro il 2030 resta ancora fuori rotta.

L’OBIETTIVO SDG 7 DELL’ONU SULL’ENERGIA

L’obiettivo 7 è garantire l’accesso ad un’energia conveniente, affidabile, sostenibile e moderna. L’obiettivo include il raggiungimento dell’accesso universale all’elettricità e alla cucina pulita, il raddoppio dei livelli storici di miglioramento dell’efficienza e l’aumento sostanziale della quota di energie rinnovabili nel mix energetico globale. Il raggiungimento di questo obiettivo avrà un profondo impatto sulla salute e sul benessere delle persone, contribuendo a proteggerle dai rischi ambientali e sociali, come l’inquinamento atmosferico e ampliando l’accesso all’assistenza sanitaria e ai servizi primari.

IL RAPPORTO “TRACKING SDG 7: THE ENERGY PROGRESS”

L’edizione 2024 del “Tracking SDG 7: The Energy Progress Report” avverte che gli sforzi attuali non sono sufficienti per raggiungere l’SDG 7 in tempo. Sono stati compiuti alcuni progressi su elementi specifici dell’agenda SDG 7 – ad esempio, l’aumento del tasso di diffusione delle energie rinnovabili nel settore energetico – ma i progressi sono insufficienti per raggiungere gli obiettivi stabiliti negli SDG.

L’ultimo rapporto conferma che il numero di persone senza accesso all’elettricità è aumentato per la prima volta in oltre un decennio, poiché la popolazione è cresciuta – soprattutto nell’Africa sub-sahariana – ad un ritmo superiore a quello delle nuove connessioni elettriche, lasciando 685 milioni di persone senza elettricità nel 2022, 10 milioni in più rispetto al 2021.

A ciò ha contribuito un mix di fattori, tra cui la crisi energetica globale, l’inflazione, la crescente sofferenza del debito in molti Paesi a basso reddito e l’aumento delle tensioni geopolitiche. Tuttavia, le tendenze promettenti nell’implementazione di soluzioni energetiche decentralizzate, in gran parte basate sulle energie rinnovabili, stanno contribuendo ad accelerare il progresso, in particolare nelle aree rurali dove oggi vivono 8 persone su 10 senza accesso.

2,1 MILIARDI DI PERSONE SENZA TECNOLOGIE PER CUCINARE PULITO

Nel frattempo, 2,1 miliardi di persone vivono ancora senza accesso a combustibili e tecnologie per cucinare pulito, e lo scorso anno il numero è rimasto sostanzialmente stabile. Ciò comporta delle enormi implicazioni sulla salute, l’uguaglianza di genere e l’ambiente, contribuendo a 3,2 milioni di morti premature ogni anno. Il rinnovato slancio politico nel contesto del G7, del G20 e i nuovi impegni finanziari assunti al vertice sulla cucina pulita in Africa stanno favorendo le prospettive di progressi più forti verso la fine di questo decennio. Tuttavia, gli sforzi restano insufficienti per raggiungere l’accesso universale all’elettricità o alla cucina pulita entro il 2030.

I RISULTATI POSITIVI DELLE ENERGIE RINNOVABILI

Altre sezioni dell’agenda dell’SDG 7 hanno avuto risultati migliori: l’energia rinnovabile ha registrato una crescita robusta negli ultimi due anni e i miglioramenti in termini di efficienza energetica stanno gradualmente migliorando, dopo un calo durante la pandemia, anche se non ancora sufficienti per raggiungere l’obiettivo 7.

I nuovi obiettivi globali promessi da oltre 130 Paesi alla COP28 negli Emirati Arabi Uniti rafforzano gli obiettivi dell’SDG 7, mirando a triplicare la capacità di generazione rinnovabile e raddoppiare il tasso di efficienza energetica. Sono necessarie azioni concrete immediate per raggiungere questi obiettivi, soprattutto per affrontare la grande disparità negli investimenti nell’energia pulita, di cui l’80% nel 2022 era ancora concentrato in soli 25 Paesi.

IL RAPPORTO SU SDG 7 SARÀ PRESENTATO A LUGLIO

Il rapporto sarà presentato ai principali decisori politici in occasione di uno speciale evento di lancio dall’8 al 17 luglio presso il Forum politico di alto livello (HLPF) sullo sviluppo sostenibile, che supervisiona i progressi verso gli obiettivi di sviluppo sostenibile.

Gli autori sollecitano la comunità internazionale a concentrare nuovamente gli sforzi sulla fornitura del sostegno finanziario, tecnologico e politico necessario per colmare il deficit di accesso e garantire che tutti i Paesi e le comunità possano beneficiare di una diffusione accelerata delle energie rinnovabili e di una migliore efficienza energetica.

BIROL (AIE): “AMPLIARE L’ACCESSO ALL’ELETTRICITÀ E ALLE TECNOLOGIE E AI COMBUSTIBILI PULITI PER LA CUCINA”

Per Fatih Birol, direttore esecutivo dell’Agenzia Internazionale per l’Energia, “per raggiungere l’SDG 7 avremo bisogno di molti più investimenti nelle economie emergenti e in via di sviluppo per espandere l’accesso all’elettricità e alle tecnologie e ai combustibili puliti per cucinare. Oggi solo una frazione degli investimenti energetici totali è destinata ai Paesi in cui i problemi di accesso all’elettricità e di cucina pulita sono critici, non ultima l’Africa sub-sahariana. Oltre ai benefici climatici e ambientali, affrontare queste sfide porterà una serie di vantaggi sociali ed economici, legati all’uguaglianza di genere, alla salute, all’istruzione e all’occupazione”.

LA CAMERA (IRENA): “ACCELERARE GLI INVESTIMENTI IN INFRASTRUTTURE RINNOVABILI E TECNOLOGIE SOSTENIBILI”

“Anno dopo anno, le fonti rinnovabili si dimostrano protagoniste nell’aumento dell’accesso all’energia e all’elettricità attraverso la costante espansione della capacità di energia rinnovabile – ha affermato Francesco La Camera, direttore generale dell’IRENA -, ma la disparità distributiva resta forte, come si riflette nella situazione finanziaria pubblica internazionale flussi a sostegno dell’energia pulita.

La ripresa dei flussi indica un segnale positivo, ma non si avvicina nemmeno lontanamente all’importo necessario per raggiungere l’SDG7. Ciò dovrebbe servire a ricordare con forza che non solo stiamo correndo contro il tempo per raggiungere l’obiettivo, ma continuiamo a deludere anche i più svantaggiati del mondo. Ci deve essere un forte senso di urgenza da parte della comunità internazionale per accelerare gli investimenti nelle infrastrutture rinnovabili e nelle tecnologie sostenibili, con particolare attenzione alle economie meno sviluppate e in via di sviluppo”.

GHEBREYESUS (OMS): “L’ENERGIA E LE TECNOLOGIE PER CUCINARE PULITO SONO ESSENZIALI”

Per il dottor Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità, “l’inquinamento atmosferico e la povertà energetica stanno mietendo vite umane, infliggendo sofferenze e ostacolando lo sviluppo. Una transizione più rapida verso l’energia pulita e le tecnologie di cottura è essenziale per proteggere la salute dei 2,1 miliardi di persone che non vi hanno accesso e la salute del pianeta da cui dipende tutta la vita”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Torna su