Scenari

Perché la crisi del petrolio colpisce Dubai, Abu Dhabi, Bahrain e Arabia Saudita

petrolio

I produttori di petrolio del Golfo stanno tagliando la spesa pubblica per la mancanza di introiti derivanti dalla bassa domanda petrolifera e dai prezzi bassi. Il rischio è che se i prezzi del greggio non si riprenderanno presto, potrebbe destabilizzarsi l’intera regione.

Dubai, Abu Dhabi, Bahrain, e naturalmente, Arabia Saudita. I due emirati quest’anno hanno emesso debito per la prima volta dopo anni. Lo stesso hanno fatto anche il Bahrein e l’Arabia Saudita. Una mossa che accomuna tutte le economie del Golfo dipendenti dal petrolio: quando le cose vanno bene, il denaro scorre a fiumi. Quando i prezzi del petrolio crollano, emettono debito per continuare ad andare avanti, in attesa di una ripresa dei prezzi. Il problema è che ora nessuno sa più se i prezzi si riprenderanno o meno.

IL DEBITO CONTRATTO DAGLI EMIRATI

Ad agosto, Abu Dhabi ha annunciato i piani per quello che Al Jazeera ha definito il bond più lungo mai emesso da un governo del Golfo. Il debito a 50 anni ammontava a 5 miliardi di dollari, e la sua emissione è stata completata all’inizio di settembre. L’obbligazione è stata sottoscritta in eccesso come prova della continua buona reputazione dell’Emirato più ricco tra gli investitori.

Dubai, l’altro emirato, ha annunciato anch’esso l’emissione di nuovo debito per la prima volta dal 2014 alla fine di agosto, secondo quanto riferito da Ft. Nonostante l’economia degli Emirati Arabi Uniti sia relativamente diversificata rispetto ad altri produttori di petrolio del Golfo, ha subito anch’essa un duro colpo a causa dell’ultimo crollo del prezzo del petrolio che li ha costretti a ricostituire urgentemente le riserve. Dubai ha raccolto 2 miliardi di dollari sui mercati obbligazionari internazionali la scorsa settimana, con una chiusura in eccesso di richiesta rispetto ai bond collocati.

UNA CRISI DIVERSA DAL SOLITO

L’eccesso di richieste è certamente un buon segno. Significa che gli investitori hanno fiducia nella solidità dell’emittente del debito. Ma le economie del Golfo possono rimanere solide emettendo bond dopo bond con il prezzo del petrolio destinato a riprendersi molto più lentamente di quanto previsto in precedenza? O questa crisi potrebbe essere l’ultima goccia che li spinge verso vere e proprie riforme?

Nessuna economia, soprattutto non quelle che dipendono da un’unica esportazione per la maggior parte delle entrate di bilancio, può fare affidamento sull’indebitamento per la sopravvivenza a lungo termine, per non parlare della crescita. In realtà, le prospettive di crescita delle economie del Golfo si stanno attenuando, scriveva Davide Barbuscia di Reuters in una recente analisi della regione. I governi del Golfo stanno facendo quello che hanno sempre fatto: tagliare la spesa pubblica e prendere prestiti. Questa volta, però, la crisi non è come le altre e governi del Golfo potrebbero trovarsi in una situazione difficile in attesa di una ripresa delle quotazioni petrolifere.

Il problema è che la spesa pubblica è il principale motore di crescita delle economie del Golfo, ha scritto Barbuscia, citando il capo economista della Abu Dhabi Commercial Bank. Se la spesa pubblica cala, caleranno anche i consumi e, quindi, la crescita. Questo sta già accadendo e, quel che è peggio, sta accadendo in tutti i settori.

L’ANALISI IHS MARKIT

All’inizio di questo mese, IHS Markit ha riferito, citato da Arabian Business, che l’attività del settore privato non petrolifero in Arabia Saudita e negli Emirati Arabi Uniti è scesa in agosto al di sotto di 50, la cifra che separa la crescita dalla contrazione. Ciò dopo che questo indicatore aveva registrato un miglioramento nel mese precedente, nonostante il prezzo del petrolio fosse ancora basso.

L’ANALISI DEL FMI

Secondo il Fondo Monetario Internazionale, tutte le economie del Golfo – eccetto il Qatar – dovrebbero rimanere o oscillare in deficit di bilancio quest’anno. L’Arabia Saudita, la più grande economia della regione, è considerata la migliore, con un deficit dell’11,4% del PIL, e l’Oman la peggiore, con un deficit del 16,9%. I disavanzi possono esistere ma ciò che è straordinario è la mancanza di spazio di manovra per i governi locali. L’interesse degli investitori per le obbligazioni degli Stati del Golfo è stato forte, ma la vera domanda è quanto potrebbero rimanere forti per ulteriori emissioni di debito se i prezzi avessero continuato a oscillare intorno ai 40 dollari al barile? Si tratta di un livello di prezzo molto al di sotto dei livelli di pareggio delle economie del Golfo. Il solo punto di pareggio dell’Arabia Saudita, secondo il Fmi, è di 76,10 dollari al barile quest’anno. Potrebbe scendere a 66 dollari l’anno prossimo, ma sarà comunque troppo alto per essere confortato dal fatto che Goldman proietta con ottimismo il Brent a 65 dollari al barile l’anno prossimo.

Naturalmente, questa situazione sta anche soffocando i tentativi delle economie del Golfo di diversificare la loro economia dal petrolio. Questo è ovvio soprattutto in Arabia Saudita, che aveva l’ambizioso obiettivo di diventare un’economia diversificata entro il 2030. L’obiettivo, tuttavia, era quello di finanziare il piano con i soldi delle vendite di petrolio, che quest’anno sono crollati con la diffusione della pandemia a livello globale. Vision 2030 potrebbe dunque essere sul letto di morte, poiché il Regno, che è il più grande produttore di petrolio del Medio Oriente, si trova ad affrontare il calo delle entrate petrolifere e ha promosso il rincaro dell’IVA, un pesante taglio della spesa pubblica e l’eliminazione dei sussidi statali per i dipendenti pubblici.

QUESTIONE GEOPOLITICA

Anche altri produttori di petrolio del Golfo stanno tagliando la spesa pubblica, insieme ai privilegi per i cittadini. Tagli alla spesa e prestiti sono, insomma, il gioco più seguito dai paesi del Golfo durante la crisi. Il rischio è che se i prezzi del petrolio non si riprenderanno presto, il Golfo potrebbe trasformarsi in una spirale viziosa in grado di destabilizzare l’intera regione.