Advertisement vai al contenuto principale
Africa

Perché la Russia non sta riuscendo a guadagnare influenza in Africa

La cooperazione con la Cina potrebbe sostenere l’influenza russa nel continente, ma in realtà si sono raggiunte poche sinergie di questo tipo, soprattutto perché Pechino preferisce agire da sola

L’ampia coalizione costituita la scorsa settimana per fornire i principali carri armati all’Ucraina rappresenta un nuovo impulso nel rafforzamento dell’unità dell’alleanza occidentale guidata dagli Stati Uniti, e la Russia non ha avuto alcuna risposta a questo aggiornamento. Ci vorranno alcuni mesi per addestrare ed equipaggiare nuovi battaglioni corazzati dell’esercito ucraino per sfondare le trincee russe nel Donbass, ma – scrive la Jamestown Foundation, un istituto di ricerca indipendente e apartitico dedicato a fornire informazioni su sviluppi politici e strategici critici in Cina, Russia ed Eurasia – le ripercussioni politiche di questo accordo sono istantanee e il nuovo livello di unità occidentale potrebbe essere scomodo per alcuni attori del Sud del mondo.

LA VISITA DI LAVROV IN AFRICA

Il ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, in visita di lavoro in Sudafrica lo scorso 23 gennaio, ha cercato di far capire agli ospiti che la loro posizione di neutralità potrebbe diventare meno rigida a causa della crescente pressione dell’ostile Occidente sulla Russia. Eppure, mentre il lavoro di Lavrov ha portato pochi risultati pratici, il falso discorso anticoloniale trova più di un pubblico ricettivo.

Lavrov sperava di gettare le basi per il secondo vertice russo-africano – che, dopo la cancellazione nel 2020 causata dalla pandemia Covid, è stato riprogrammato a fine luglio 2023 a San Pietroburgo, ma il contenuto di questi legami faticosamente coltivati è cambiato profondamente dal primo vertice di questo tipo, tenutosi a Sochi nell’ottobre 2019.

Dal suo tour Lavrov ha escluso il Botswana, ma ha scelto di andare in Eritrea, uno dei soli 5 Paesi a votare contro la risoluzione che condannava l’aggressione della Russia contro l’Ucraina approvata dall’Assemblea generale dell’ONU il 2 marzo 2022. Tuttavia, la destinazione principale per il ministro degli Esteri russo era ancora il Sudafrica, che apprezza il suo status di quinto membro del raggruppamento multilaterale BRICS (insieme a Brasile, Cina, India e Russia) e trova utile il discorso al vetriolo anti-occidentale di Mosca.

Il flusso di scambi rimane insignificante e gli investimenti sono praticamente inesistenti, ma il progetto di tenere delle esercitazioni navali congiunte con Cina e Sudafrica nell’Oceano Indiano, vicino al porto di Durban, ha attirato molta attenzione, anche se l’unica fregata russa nell’area – l’ammiraglia Gorshkov – difficilmente fa uno spettacolo impressionante della bandiera.

IL RUOLO DEL “GRUPPO WAGNER”

Durante le sue conversazioni, Lavrov ha evitato ogni accenno alle attività del Gruppo Wagner in Africa, che il 26 gennaio scorso il Dipartimento del Tesoro USA ha definito una “importante organizzazione criminale transnazionale”. Il Cremlino ha parlato di “demonizzazione”, ma la storia delle operazioni di Wagner nella Repubblica Centrafricana, in Sudan e in Mali è ricca di prove di saccheggi, torture e omicidi. Il ministero degli Esteri russo non controlla le reti di Wagner e potrebbe non sapere se il gruppo stia pianificando un’espansione verso il Burkina Faso, che ha interrotto i tradizionali legami militari con la Francia.

È chiaro, tuttavia, che per ora l’obiettivo principale delle operazioni di Wagner si è spostato in Ucraina, dove le sue bande, appena reclutate dalla vasta popolazione carceraria russa, sono impegnate negli intensi combattimenti intorno a Bakhmut, subendo pesanti perdite. Yevgeny Prigozhin, il capo del gruppo Wagner, si è fatto acerrimi nemici tra i vertici della Russia, e ha sviluppato un profilo politico così ambizioso che la sua utilità al Cremlino presto potrebbe esaurirsi.

Alcune tracce delle attività di Wagner sono state scoperte in Venezuela. Tuttavia, anche quelle forze politiche latinoamericane che trovano attraente la retorica antiamericana di Mosca preferiscono tenersi alla larga dai collegamenti con il famigerato gruppo. La Russia potrebbe volersi impegnare con i governi di sinistra in America Latina, ma non può permettersi di sponsorizzare clienti tradizionali come Cuba e Nicaragua. Pertanto, il suo raggio d’azione transatlantico è piuttosto limitato.

LE STRATEGIE RUSSE IN AFRICA

L’Africa sta diventando una priorità nella politica estera russa quasi per impostazione predefinita, poiché anche nel Medio Oriente allargato – che in un passato non troppo lontano attirava molta attenzione dal Cremlino – le posizioni della Russia si stanno indebolendo, anche perché gli Stati arabi, così come Israele, sono preoccupati per l’espansione della cooperazione militare tra Mosca e Teheran.

La Siria è servita da trampolino di lancio per il dispiegamento di Wagner in Libia. Tuttavia, attualmente in entrambi i Paesi questa presenza viene ridotta e la Turchia sta assumendo un ruolo guida nella manipolazione del conflitto, ignorando gli interessi russi. Il boom dell’attività commerciale russa a Dubai non sta avvenendo per disegno politico, ma piuttosto illustra la fuga disperata degli imprenditori dall’aggravarsi del disastro economico nella terra di Putin.

I RAPPORTI TRA RUSSIA E CINA

La cooperazione con la Cina potrebbe sostenere l’influenza russa in Africa, ma in realtà si sono raggiunte poche sinergie di questo tipo, non a causa del contrappeso degli Stati Uniti o della Francia, ma soprattutto perché Pechino preferisce agire da sola. Le esercitazioni navali congiunte, sebbene strombazzate a Mosca come una grande dimostrazione di unità, rimangono un’eccezione a questo stato di cooperazione minimalista.

Gli investimenti cinesi nell’estrazione delle risorse naturali africane sono massicci e in crescita, ma Pechino ci penserebbe due volte prima di assumere mercenari Wagner per la protezione, e i piani stanno procedendo silenziosamente per l’organizzazione di diverse società di sicurezza cinesi quasi private. L’ambizione di Putin per il vertice russo-africano – a cui Lavrov ha invitato il re dell’Eswatini – non è solo quella di competere con il vertice dei leader USA-Africa tenutosi a Washington nel dicembre 2022, ma anche di dimostrare alla Cina il valore delle connessioni della Russia sul continente.

I POSSIBILI SCENARI FUTURI

L’apparente incapacità di sostenere la diplomazia con investimenti o almeno aiuti umanitari rende gli intrighi russi in Africa piuttosto transitori. È quindi una questione di pura curiosità politica attendere e vedere quanti leader accompagneranno effettivamente il presidente sudafricano Cyril Ramaphosa a San Pietroburgo, a condizione che il vertice russo-africano abbia effettivamente luogo.

Tuttavia, le attività del gruppo Wagner in Africa potrebbero essere motivo di preoccupazione più seria: entro la metà dell’estate i vertici russi probabilmente riusciranno a ridimensionare Prigozhin, e i resti delle sue bande verranno ridistribuiti in qualche angolo insignificante del teatro del Donbas.

Il fondatore di Wagner, quindi, potrebbe provare a riaffermare la sua importanza offrendo a Putin l’opportunità di ottenere una “vittoria” in Burkina Faso o in qualche altro Paese africano afflitto da conflitti interni. Per quanto paradossale possa sembrare, la migliore protezione contro queste invasioni è l’esercito ucraino, che si sta preparando ad un’offensiva di primavera che annullerebbe tutti i progetti russi in Africa.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Torna su