skip to Main Content

Perché l’Azerbaigian deve diversificare il proprio portafoglio energetico

Azerbaigian

Per l’Azerbaigian petrolio e gas rappresentano il 90% dei proventi delle esportazioni e finanziano il 60% del bilancio statale

L’Azerbaigian rischia in futuro shock economici significativi se continuerà a fare affidamento sul petrolio e sul gas come pilastro principale della sua economia. È l’avvertimento lanciato da un nuovo rapporto dell’Agenzia internazionale per l’energia (Aie). Lo sviluppo post-sovietico delle ingenti riserve energetiche dell’Azerbaigian e la costruzione di nuovi gasdotti per trasportarle ai mercati europei, hanno permesso all’economia del paese di crescere di uno sbalorditivo 2.178 per cento tra il 1995 e il 2014. Ma, avverte il rapporto di 160 pagine dell’Aie, i mercati energetici globali stanno cambiando rapidamente.

EMISSIONI NETTE ZERO PER CHI IMPORTA DALL’AZERBAIGIAN

Le nazioni industrializzate che importano la maggior parte dell’energia dell’Azerbaigian si sono impegnate a raggiungere emissioni nette pari a zero entro il 2050 per rispettare i loro impegni nell’ambito dell’Accordo sui cambiamenti climatici di Parigi. Ciò significa ridurre notevolmente il consumo di petrolio e gas, ha sottolineato Eurasia.net in un articolo pubblicato su Oilprice.com 

ANCHE LE COMPAGNIE PETROLIFERE SULLA STESSA STRADA

E anche le compagnie petrolifere internazionali come la BP, che hanno fornito la maggior parte degli investimenti per sviluppare le riserve di idrocarburi dell’Azerbaigian, stanno cercando di ridurre le emissioni di carbonio e di diversificare le energie rinnovabili.

PETROLIO E GAS RAPPRESENTANO IL 60% DEL BILANCIO AZERO

Ciò pone sfide significative a Baku, afferma l’Aie. Petrolio e gas rappresentano il 90% dei proventi delle esportazioni dell’Azerbaigian e finanziano il 60% del bilancio statale. Gli idrocarburi rappresentano il 98% del fabbisogno energetico del paese e generano il 90% della sua elettricità.

I RISCHI DELLA DIPENDENZA

L’eccessiva dipendenza dagli idrocarburi rende l’Azerbaigian vulnerabile ai cambiamenti nei mercati globali. Quando i prezzi dell’energia sono crollati nel 2014-2015, l’economia azera si è dimezzata: da un Pil di 75 miliardi di dollari nel 2014 a 38 miliardi di dollari nel 2016, secondo i dati della Banca Mondiale. Ciò ha portato a un forte calo del tenore di vita e a proteste diffuse.

LA SFIDA DEL COVID

Anche con la pandemia di COVID-19 si è registrato un calo dei prezzi globali dell’energia e come parte della risposta dell’OPEC+ al rallentamento, l’Azerbaigian ha accettato di tagliare la produzione di petrolio portando a una contrazione dell’economia azera del 4,3% nel 2020.

La maggior parte del rapporto si concentra su ciò che l’Azerbaigian può fare per ristrutturare il proprio settore energetico in modo che possa continuare a soddisfare le proprie crescenti richieste di energia interna riducendo allo stesso tempo le emissioni di anidride carbonica.

SECONDO L’AIE ALL’AZERBAIGIAN MANCA UNA STRATEGIA CLIMATICA

Attualmente il consumo energetico pro capite dell’Azerbaigian è inferiore di circa il 30% rispetto alla media globale, ma sta crescendo di circa il 2,5% all’anno e si prevede che continuerà a crescere. Nel frattempo, il repoty avverte che l’Azerbaigian “manca di una strategia climatica specifica” e raccomanda di sviluppare un piano strategico a lungo termine. Raccomanda inoltre all’Azerbaigian di adottare un nuovo quadro giuridico per sostenere la riduzione delle emissioni di gas serra e promuovere l’efficienza energetica e lo sviluppo delle energie rinnovabili.

RINNOVABILI SOTTOSVILUPPATE

Il potenziale dell’Azerbaigian per le energie rinnovabili è notevole, ma rimane sottosviluppato. Solo il 17% dell’energia prodotta dalle centrali elettriche del Paese proviene da fonti rinnovabili, mentre l’82% proviene dal gas naturale.

La maggior parte dell’energia rinnovabile esistente in Azerbaigian proviene dall’energia idroelettrica, la cui produzione è stagionale e che nel 2019 – l’anno più recente per il quale sono disponibili dati – ha soddisfatto solo il 6% del fabbisogno energetico dell’Azerbaigian.

PER L’AIE, L’AZERBAIGIAN HA UN POTENZIALE RINNOVABILE TRE VOLTE E MEZZO L’ATTUALE

Ma l’Aie prevede che l’Azerbaigian possa avere un potenziale rinnovabile tre volte e mezzo quello che produce attualmente, la maggior parte del quale nel solare. Baku sta già compiendo alcuni sforzi per avviare delle riforme volte a creare un settore energetico basato sul mercato e ha compiuto alcuni passi per promuovere lo sviluppo delle energie rinnovabili.

LIBERALIZZAZIONE DEL MERCATO ELETTRICO ENTRO IL 2025

Il rapporto dell’Aie rileva che l’Azerbaigian ha redatto una nuova legge sull’elettricità che mira a creare un quadro giuridico per la liberalizzazione del mercato entro il 2025, consentendo la privatizzazione delle centrali elettriche statali e i generatori privati per sviluppare nuovi impianti e vendere energia.

Il ministero dell’Energia dell’Azerbaigian ha annunciato piani per aumentare il livello di capacità rinnovabile al 30% entro il 2030 e ha firmato accordi con 11 gruppi energetici internazionali per sviluppare impianti di energia rinnovabile.

Tuttavia, la maggior parte degli 11 accordi firmati sono memorandum d’intesa non vincolanti. Ad oggi, solo due – con ACWA Power dell’Arabia Saudita per 240 megawatt di energia eolica, e Masdar degli Emirati Arabi Uniti per 230 megawatt di capacità solare – sono programmati per andare avanti. E questo grazie alla firma di accordi per l’acquisto di energia con lo stato, che richiamano l’impegno di Baku per le riforme del mercato.

Back To Top