skip to Main Content

Perché l’Unione Europea ha bisogno di imporre sanzioni petrolifere alla Russia

Russia Ucraina

Le sanzioni energetiche sembrano essere la strategia più applicabile e funzionale, anche se colpiranno entrambe le parti

I mercati petroliferi sono incerti sulla possibilità di nuove sanzioni dell’UE sul greggio russo e sui prodotti petrolchimici. L’opinione pubblica europea chiede una posizione molto più dura dai governi contro la Russia, ma la resistenza a Berlino, Budapest e in altre capitali ha impedito un divieto totale delle importazioni di petrolio russo.

Mentre le forze militari russe si riversano nell’Ucraina orientale, causando danni immensi e commettendo crimini di guerra, i leader UE sono preoccupati per il costo economico e geopolitico di uno scontro con il regime di Putin. L’attuale armamento da parte di Putin delle sue esportazioni di energia in Europa ha avuto molto successo. Nonostante le atrocità commesse nell’Ucraina orientale, alcuni Stati UE hanno combattuto per mantenere il flusso di energia russa. Tuttavia sembra che le cose stiano per cambiare.

I 5 PACCHETTI DI SANZIONI UE FINORA NON SONO SERVITI

L’Unione Europea ha già emesso 5 pacchetti di sanzioni all’élite russa, ai sostenitori politici di Putin e alle società russe, ma l’impatto di queste sanzioni è stato limitato. La macchina da guerra russa potrebbe aver subito molteplici fallimenti militari, ma le sanzioni europee non stanno costringendo Putin a rivalutare l’invasione. Si potrebbe sostenere che la strategia di Putin prima della guerra in Ucraina di dividere le opzioni di cooperazione dei poteri politici europei sia stata molto efficace. Per più di due decenni Mosca ha persuaso Germania, Europa orientale, Austria e persino Francia, Olanda e Italia con importazioni di energia russa a basso costo. La mancanza di spazio di manovra per alcuni, in particolare la Germania, sta ora impedendo un regime di sanzioni energetiche dell’UE diretto ed efficace.

Berlino, Budapest e persino i Paesi Bassi stanno ancora facendo il gioco di Putin. La loro dipendenza dalle forniture energetiche russe significa che non sono in grado di sanzionare tutte le esportazioni russe di petrolio e gas senza rischiare una grave recessione nel cuore economico dell’Unione Europea. È diventato molto chiaro che il principale ostacolo per Bruxelles a mettere in atto nuove sanzioni prima di maggio è attualmente Berlino, dove un politico zoppo guida un nuovo governo tedesco, composto da liberali, socialdemocratici e verdi. La riluttanza di Berlino a fornire anche il tanto necessario equipaggiamento militare tedesco che il premier tedesco Scholz aveva promesso all’Ucraina è un segnale preoccupante. Se Berlino non è disposta a prendersi la sua parte del dolore, il futuro dell’Ucraina e la sicurezza del continente europeo saranno messi in pericolo.

KADRI SIMSON: IL 6° PACCHETTO DI SANZIONI SARÀ PRESENTATO MOLTO PRESTO

Nonostante questa resistenza, alcuni funzionari UE stanno portando avanti le proprie strategie, definendo piani e programmi non solo per liberare l’Europa dalla sua dipendenza energetica dalla Russia il prima possibile, ma anche per fare più pressione su Putin. Il commissario UE per l’Energia, Kadri Simson, ha dichiarato che il sesto pacchetto di sanzioni UE contro la Russia è in preparazione e sarà presentato molto presto. Al momento non è stata fornita una data specifica, ma Simson ha suggerito che si sta lavorando a sanzioni energetiche, incluse alcune su petrolio e gas.

L’ostacolo principale a queste nuove sanzioni saranno i regolamenti UE, che richiedono il voto unanime di tutti i membri. La maggior parte degli Stati è disposta a sostenere le nuove sanzioni, anche su petrolio e gas, ma non è chiaro se anche Berlino ed altri seguiranno l’esempio. Il premier tedesco Scholz ha avvertito che le nuove sanzioni contro Mosca potrebbero essere soddisfatte dalla decisione di Putin di bloccare immediatamente le forniture di petrolio e gas. Scholz continua anche a ripetere che se l’UE venisse coinvolta maggiormente nella guerra in Ucraina, la Russia potrebbe attaccare i Paesi NATO.
Il premier tedesco ha continuamente messo in guardia sullo scenario di una terza guerra mondiale, che vuole prevenire.

LE DIVISIONI ALL’INTERNO DEI PAESI UE

I membri UE sono divisi, con persino Olanda, Italia e Francia preoccupati per il costo delle nuove sanzioni. Tutti i membri guardano ad una recessione economica o a un calo del Pil a breve termine. Gli elettori europei, tuttavia, non sono così divisi, con il sostegno in crescita per sanzioni più dure e ulteriore sostegno militare per il governo ucraino assediato del presidente Zelensky.

I prezzi del petrolio e del gas non mostrano segni di cedimento, anche con le strategie cinesi di tolleranza zero contro il Covid che causano un certo abbattimento della domanda. Le sanzioni alla Russia aumenterebbero ulteriormente i prezzi. I paesi dell’OCSE sono relativamente impotenti quando si tratta di controllare i prezzi del petrolio, con anche un rilascio di 180 milioni di barili tra maggio e ottobre che non ha avuto un effetto significativo.

Nonostante l’impennata dei prezzi del petrolio, sembra che l’opzione migliore dell’Unione Europea sarebbe quella di colpire le esportazioni petrolifere russe con nuove sanzioni. Ci saranno senza dubbio conseguenze per le economie OCSE con l’aumento dei prezzi del petrolio, ma i mercati petroliferi globali sono più in grado di contrastare uno shock dell’offerta rispetto ai mercati globali del gas naturale. Se il petrolio russo verrà colpito, gran parte delle entrate di Putin sarà bloccata, visto che Mosca fornisce il 29% della domanda di petrolio dell’UE. Il gas naturale è molto più strategico, poiché la Russia fornisce circa il 40% della domanda di gas dell’UE e non sono disponibili nuove opzioni di approvvigionamento.

I NUOVI REGOLAMENTI UE: DAL 15 MAGGIO NESSUN AFFARE CON ROSNEFT E GAZPROMNEFT

Dal 15 maggio in poi entreranno in vigore i nuovi regolamenti UE che vietano alle società di fare affari con le compagnie petrolifere statali russe Rosneft e Gazpromneft. I rapporti di mercato mostrano già che i commercianti europei e asiatici si stanno ritirando dagli accordi petroliferi e petrolchimici russi.
La russa Rosneft ha cercato di contrastare alcuni di questi problemi tentando di scaricare grandi quantità di greggio prima della scadenza, ma non ci è riuscita. Rosneft ha offerto circa 37,4 milioni di barili di Urals tra maggio e giugno e 11 carichi rapidi di Siberian Light-Sokol-ESPO.

Anche i commercianti indiani si sono tenuti alla larga da loro negli ultimi giorni, nonostante la loro precedente fame di petrolio russo a prezzo scontato. Le navi cisterna indicano che la produzione di petrolio russa è già in calo di 1 milione di barili al giorno, raggiungendo i 10 milioni di barili al giorno. Questo calo della produzione aggiungerà pressione all’alleanza OPEC+, di cui fa parte anche la Russia.

I PRO E CONTRO DI NUOVE SANZIONI UE ALLA RUSSIA

Putin ha esortato le compagnie energetiche russe a presentare un piano per contrastare qualsiasi sanzione da parte dell’UE. Secondo una dichiarazione del Cremlino, Putin ha chiesto ai suoi connazionali di elaborare delle strategie per portare petrolio e gas in Asia. Le opzioni russe su questo fronte sono molto limitate, poiché l’Europa copre gran parte delle esportazioni totali di energia della Russia.

Nel frattempo, la domanda di petrolio e gas in Asia è stata colpita dall’inflazione, dall’aumento dei prezzi e dalle restrizioni Covid in Cina. Mosca dipende ancora dal suo accesso ai mercati europei. La pressione su Putin sta crescendo, ma i suoi amici tedeschi e l’accesso a Berlino, Budapest e altre capitali potrebbero ancora salvarlo. Nel tentativo di aumentare la pressione sull’UE e su Mosca, la Polonia ha già imposto nuove sanzioni, questa volta alle compagnie petrolifere e del gas russe Gazprom e Novatek.
Il ministero dell’Interno polacco ha congelato tutti i beni di Novatek in Polonia, e sta prendendo di mira anche Gazprom. Quest’ultima possiede una partecipazione del 48% in STG EuRoPol GAZ SA, società polacca comproprietaria del gasdotto Yamal-Europe.

Mentre si stanno contemplando nuove sanzioni energetiche dell’UE, Bruxelles ha proposto di imporre un tetto a quanto pagherebbero per il petrolio russo. Il quotidiano britannico Financial Times ha dichiarato che la mossa è considerata un modo per colpire le entrate del Cremlino. Bruxelles sembra vedere questo come un modo per aumentare la pressione. L’Italia sostiene la mossa, ma Berlino è scettica, poiché teme che fissare un limite di prezzo possa significare una violazione del contratto.

Finché le discussioni sono ancora basate su valutazioni puramente legali – che è un gergo politico per aver paura delle ripercussioni russe – Putin non può essere contrastato.

Il futuro dell’Ucraina non è ancora chiaro e i governi europei sono divisi su quasi tutto. Le sanzioni energetiche sembrano essere la strategia più applicabile e funzionale, anche se colpiranno entrambe le parti. La riluttanza di Berlino sta aiutando la macchina da guerra di Putin, ma potrebbe anche diventare un importante fattore di indebolimento del ruolo futuro della Germania all’interno dell’UE.
Non ci sono decisioni facili, ma tempi straordinari spesso richiedono misure straordinarie.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

live
Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore