skip to Main Content

Petrolio, nel 2021 finestra di opportunità per i produttori. Il report Rystad Energy

Petrolio

Sebbene l’offerta di Petrolio e condensato supererà ancora la domanda nel primo trimestre del 2021, Rystad Energy prevede che le campagne di vaccinazione contribuiranno a portare avanti una rapida ripresa.

La pandemia Covid-19 ha devastato la domanda di petrolio e condensato nel 2021, creando enormi eccedenze di offerta e riempiendo le scorte, Ciò ha indotto i produttori a tagliare la produzione per mantenere i prezzi a livelli piuttosto redditizi. Le ultime analisi di Rystad Energy, tuttavia, mostrano che il 2021 potrebbe offrire ai produttori una finestra di opportunità, poiché i deficit mensili di fornitura potrebbero raggiungere il livello più alto degli ultimi anni.

RAPIDA RIPRESA GRAZIE AI VACCINI

Sebbene l’offerta di petrolio e condensato supererà ancora la domanda nel primo trimestre del 2021, Rystad Energy prevede che le campagne di vaccinazione contribuiranno a portare avanti una rapida ripresa. I deficit mensili dell’offerta inizieranno da maggio, raggiungendo un massimo di circa 3,4 milioni di barili al giorno ad agosto. Poiché i deficit continuano ininterrottamente durante l’anno, il massimo di agosto potrebbe ripetersi, se non superato, entro la fine dell’anno.

MERCATO PETROLIFERO BILANCIATO A GENNAIO

Entrando nel 2021, Rystad Energy prevede un mercato petrolifero ampiamente bilanciato a gennaio, con domanda e offerta oscillanti tra 77,7 e 77,8 milioni di barili al giorno. L’effetto dei blocchi globali si farà sentire ancora di più a febbraio e marzo poiché la domanda non seguirà la crescente offerta e rimarrà limitata a 77,9 milioni di b/g e 77,4 milioni di b/g rispettivamente, creando un surplus di 0,5 milioni di b/g a febbraio e di 1,4 milioni di b/g a marzo. Ad aprile si registrerà anche un avanzo minore, ma il mercato si riprenderà poco dopo, ammette Rystad Energy.

È importante sottolineare che l’attuale scenario di fornitura predisposto dalla società di consulenza presuppone che i termini dell’ultimo accordo OPEC+ rimangano invariati e che la produzione del gruppo rimanga invariata dopo gennaio. “Presumiamo anche una conformità all’interno dell’OPEC + in futuro, nonché un limitato rialzo dell’offerta statunitense e dei barili iraniani che torneranno solo nel 2022. Tuttavia, con i saldi che entrano in un periodo di deficit acuto già nel secondo trimestre del 2021, una revisione al rialzo per l’offerta potrebbe essere dietro l’angolo”, ammette Rystad Energy.

LO SHALE OIL USA UN MOSTRO CHE PUO’ RALLENTARE MA NON MORIRE

“I nostri monitor negli Stati Uniti stanno iniziando a indicare un’attività più forte. Come abbiamo già avvertito i nostri clienti, lo shale è un mostro che puoi rallentare, ma non puoi uccidere. Inoltre, ci sono venti di cambiamento previsti nel regno geopolitico il prossimo anno”, ha affermato Bjornar Tonhaugen, responsabile dei mercati petroliferi di Rystad Energy.

LE EVOLUZIONI GEOPOLITICHE

Il cambio di amministrazione negli Stati Uniti potrebbe significare che l’Iran è in grado di riprendersi “più velocemente di quanto ci aspettiamo nel nostro attuale caso di base, o perché il team di Biden decide di rimuovere del tutto le sanzioni o perché paesi come la Cina o l’India si sentono abbastanza sicuri che la nuova amministrazione chiuderà un occhio verso le sanzioni esistenti consentendo di aumentare le importazioni”, ha sottolineato Rystad Energy.

“C’è sempre spazio per deviare dalle proiezioni, soprattutto in un ambiente così volatile in quanto le politiche possono cambiare. I prossimi deficit creeranno ulteriore spazio per l’OPEC+ per aumentare la produzione dal 21 maggio rispetto al nostro caso base, il che a sua volta può influenzare i saldi mensili. La produzione OPEC +, come al solito, dovrà lottare per la quota di mercato con lo scisto statunitense, che attualmente sta voltando l’angolo con una maggiore attività”, ha concluso Rystad Energy.

Back To Top