skip to Main Content

Petrolio, Omicron potrebbe costare alla domanda quasi 3 mln di barili al giorno all’inizio del 2022

Petrolio

Secondo le stime di Rystad Energy la domanda media di petrolio del 2022 scenderebbe a 98 milioni di barili al giorno, un calo di 2,1 milioni di barili al giorno rispetto allo scenario di base

La nuova variante Omicron del Covid-19 potrebbe costare al mercato petrolifero globale fino a 2,9 milioni di barili al giorno (b/g) di domanda nel primo trimestre del 2022, portando la domanda totale attesa da 98,6 milioni a 95,7 milioni di barili al giorno, nel caso si dovesse verificare una nuova ondata di lockdown.

CALO DI DOMANDA IN CASO DI NUOVI AUMENTI DI CASI DI COVID

Secondo quanto evidenzia un’analisi di Rystad Energy “se la variante si dovesse diffondere rapidamente, causando un aumento dei casi di Covid e la reintroduzione dei blocchi, si prevede che la domanda di petrolio potrebbe scendere da 99,1 milioni di barili al giorno previsti a 97,8 milioni di barili al giorno nel solo dicembre 2021, con un calo di 1,3 milioni di barili al giorno. La domanda potrebbe crollare ulteriormente nel gennaio 2022, perdendo 4,2 milioni di barili al giorno a un livello di 94,2 milioni di barili al giorno”.

Man mano che i paesi e i governi imparano a convivere con Omicron, o i produttori di vaccini adattano i colpi esistenti per contrastare la variante, “l’impatto per l’intero anno sarà probabilmente meno grave. La domanda media del 2022 scenderebbe a 98 milioni di barili al giorno, un calo di 2,1 milioni di barili al giorno rispetto al nostro attuale scenario di base – o medio”, avverte la società di consulenza.

PREZZI IN CALO

Alla fine di novembre, la crescita della domanda di petrolio “è stata così forte che persino un rilascio strategico coordinato di riserve petrolifere dai principali paesi importatori di petrolio non ha fatto nulla per sedare il rialzo sui prezzi del petrolio. Tuttavia, dopo che i governi sono andati in allerta, il prezzo del petrolio è crollato di oltre il 10% poiché il lato negativo della domanda è molto diverso”.

GALIMBERTI: SPERIAMO OMICRON SIA FALSO ALLARME

“La probabilità di aumentare le restrizioni nei prossimi mesi è aumentata drasticamente a causa della nuova variante di Omicron e questo avrà senza dubbio un impatto sulla domanda globale di petrolio. Data la fase iniziale dell’epidemia della variante e le incognite relative alla contagiosità e all’efficacia del vaccino, possiamo solo sperare che questo scenario si riveli un falso allarme. Tuttavia, se il rischio è reale, il mercato petrolifero dovrà ricalibrarsi di conseguenza”, afferma Claudio Galimberti, vicepresidente senior delle analisi di Rystad Energy.

LA DOMANDA DI BENZINA E DI CARBURANTE PER JET

Nel primo trimestre del 2022, la domanda di benzina potrebbe diminuire fino a 1,3 milioni di barili al giorno a 24,2 milioni di barili al giorno, un calo del 5% rispetto ai livelli base di 25,5 milioni di barili al giorno, secondo le stime di Rystad Energy.

Anche la domanda di carburante per aerei potrebbe essere notevolmente influenzata dal rallentamento della domanda di voli e viaggi. Le stime mostrano che la domanda di carburante per jet potrebbe diminuire del 6% nel primo trimestre del 2022 dai previsti 5,5 milioni di barili al giorno a 5,2 milioni di barili al giorno. Il secondo e il terzo trimestre vedrebbero un crollo più profondo, scendendo del 10% nel secondo trimestre da 6,1 milioni di barili al giorno a 5,6 milioni di barili al giorno e dell’11% nel terzo trimestre da 7 milioni di barili al giorno a 6,2 milioni di barili al giorno.

Vale la pena notare che l’attuale domanda mondiale di petrolio per il trasporto su strada, stimata in circa 44,7 milioni di barili al giorno, è quasi ai livelli pre-pandemia, rappresentando il 97,4% della domanda nella corrispondente settimana del 2019. D’altra parte, la domanda mondiale di petrolio per l’aviazione in ritardo l’equivalente totale del 2019 e si attesta a 5,1 milioni di barili al giorno, solo il 70,4% della settimana corrispondente nel 2019.

REAZIONI DIVERSE A SECONDA DEI PAESI

Finora i paesi e le regioni hanno reagito in modo diverso alla pandemia e prevediamo che questa tendenza continui con la variante Omicron. “Ad esempio, i paesi del Nord e del Sud America, come Stati Uniti, Brasile e Argentina, cercheranno probabilmente di resistere alla tempesta e dare priorità all’attività economica. Paesi come la Cina e l’Australia hanno in passato mostrato un approccio di tolleranza zero e si prevede che continueranno con questa strategia tra le ondate future. È probabile che i governi europei e mediorientali rientrino tra questi due estremi mentre cercano di trovare un equilibrio tra l’attività economica e preservare la salute e la sicurezza delle loro popolazioni”, ha evidenziato Rystad Energy spiegando che tuttavia “lo status quo potrebbe cambiare e le reazioni regionali saranno dettate dai tassi di vaccinazione, dagli atteggiamenti culturali nei confronti dei rischi e dal sentimento pubblico. Come per le epidemie precedenti, le restrizioni possono essere dettate principalmente dai tassi di occupazione delle cure intensive negli ospedali e dalla disponibilità di letti ospedalieri più in generale. La pandemia ha anche colpito alcune regioni e paesi peggio di altri per una miriade di ragioni. Di conseguenza, alcuni paesi potrebbero dover attuare blocchi più frequenti o ampi rispetto a prima, mentre altri potrebbero non essere così rigorosi”, ha concluso l’analisi.

Back To Top