Scenari

Putin a Roma, pace rinnovata tra Saipem e la Russia

Saipem

Cosa ha detto Stefano Cao di Saipem sulla Russia in occasione del Foro di Dialogo Italo-Russo delle società civili

Il viaggio di Putin a Roma è stata occasione per rafforzare la collaborazione tra l’Italia e la Russia, anhe in fatto di energia.

Anche Saipem, che proprio nei mesi scorsi ha concluso amichevolmente la querelle con Gazprom sulla mancata realizzazione di una commessa dell’azienda italiana per la società energetica russa sul gasdotto South Stream (mai realizzato), ha sottolineato il clima di lunga collaborazione che si è instaurato con Mosca.

Dalle carte bollate si è passati, infatti, a nuovi contratti. Ed in occasione della visita a Roma di Vladimir Putin, al Foro di Dialogo Italo-Russo delle società civili, tenutosi ieri, il ceo dell’azienda italiana, Stefano Cao, ha ricordato quanto sia importante la Russia nella strategia di Saipem.

La nostra società, ha detto Cao, è legata alla Russia “da una lunga storia di successo, dovuta all’approccio costruttivo e di collaborazione con le istituzioni nazionali e ai grandi progetti che ci hanno visto coinvolti già dai primi anni ‘60″.

“Nel tempo abbiamo dato vita a fondamentali collaborazioni con partner locali, fra cui Gazprom, Novatek e Rosneft. Come risultato di questa lunga storia e delle relazioni stabilite nel tempo con il paese, negli ultimi 15 anni SAIPEM ha progettato e realizzato progetti per un valore di 6 miliardi di euro. Per tutto questo, e dopo aver risolto con reciproca soddisfazione le conseguenze legate alla risoluzione del contratto South Stream, la Russia ritorna ad essere per noi un Paese chiave nella nostra strategia”, ha aggiunto Cao.