skip to Main Content

In Cile continua a calare la produzione di rame

Rame

Nel primo trimestre del 2021 l’output di rame in Cile, il maggiore produttore al mondo, è calato del 2,2 per cento su base annua

A marzo l’output di rame in Cile, il maggiore produttore al mondo, è calato per il decimo mese consecutivo. L’Instituto Nacional de Estadísticas (INE), l’organismo governativo che si occupa di statistica, ha fatto sapere che a marzo la produzione di rame è diminuita dell’1,3 per cento, arrivando a 491.720 tonnellate.

UN CALO CONTINUATIVO

Si tratta di calo modesto ma continuativo, iniziato poco dopo lo scoppio dell’epidemia di coronavirus nel paese. E che coincide con l’introduzione di una serie di nuove restrizioni agli spostamenti e alle attività commerciali.

IL CILE MEGLIO DEI PAESI VICINI

Reuters scrive che le miniere cilene hanno avuto performance molto migliori rispetto a quelle nei paesi vicini, dato che le aziende estrattive hanno saputo adattarsi rapidamente alla crisi pandemica attraverso l’adozione di misure sanitarie e limitando il personale presente in loco.

RALLENTAMENTI NELLE GRANDI MINIERE

Tuttavia, alcune delle più grandi miniere di rame del paese – come Escondida, la più grande al mondo, gestita dalla società australiana BHP – hanno visto calare i loro livelli produttivi negli ultimi mesi.

MANUTENZIONE, MA NON SOLO

L’INE ha spiegato che il rallentamento dell’output in alcune di queste miniere è dovuto anche ai lavori di manutenzione e al calo del grado del minerale grezzo.

I DATI SULLA PRODUZIONE

Nel primo trimestre del 2021 la produzione di rame in Cile è calata del 2,2 per cento su base annua, arrivando a 1,4 milioni di tonnellate.

L’INE ha specificato che l’output manifatturiero complessivo è cresciuto del 3,9 per cento nel mese di marzo, stimolato dalla produzione nel settore beverage.

IL RAME E LA SICUREZZA NAZIONALE

Secondo Robert Friedland – uno dei più importanti imprenditori del settore minerario al mondo, co-presidente della società canadese Ivanhoe Mines –, l’accaparramento del rame è diventata una questione di sicurezza nazionale. Per le sue qualità di conduttore di elettricità e di calore, il rame è infatti un metallo cruciale nel processo di elettrificazione dell’economia mondiale.

Anche considerate le previsioni sull’aumento della domanda e l’insufficienza dell’offerta, recentemente i prezzi del rame hanno superato i 10.000 dollari a tonnellata.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Marco Dell'Aguzzo

Giornalista, si occupa di esteri, energia e geopolitica, con un’attenzione particolare per il Messico e il Canada.

Scrive su “Energia Oltre”, oltre a collaborare con “IL – Il maschile del Sole 24 ORE”, “Aspenia online”, “Start Magazine” ed “eastwest”. A volte è ospite a Radio3 Mondo (Rai Radio 3).

Su Twitter è @marcodellaguzzo.

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore