skip to Main Content

Riscaldamento globale a 1,5°C: obiettivo (im)possibile?

Clima

Più di 1.000 scienziati provenienti da circa 50 Paesi hanno suscitato scalpore affermando che “non è più accettabile affermare pubblicamente la possibilità di contenere il riscaldamento globale a 1,5°C” . L’articolo di Le Monde

Mentre la conferenza mondiale sul clima (COP27) è entrata nella sua seconda settimana a Sharm El-Sheikh (Egitto), si moltiplicano gli appelli ad accelerare gli sforzi per mantenere la possibilità di contenere il riscaldamento globale a 1,5°C. Lo scrive Le Monde, in un articolo, in merito all’obiettivo – ormai difficilmente irraggiungibile – di limitare il riscaldamento globale a 1,5°C.

1.5°: UN OBIETTIVO SEMPRE PIÙ LONTANO

I Paesi in via di sviluppo, soprattutto le piccole isole, sostenuti dall’Occidente, hanno ripetutamente sottolineato che l’obiettivo di contenere il riscaldamento globale a 1,5°C, è una “questione di vita o di morte”. Mentre il pianeta si è già riscaldato di 1,2°C, provocando un aumento delle ondate di calore, della siccità, delle inondazioni e degli incendi, l’obiettivo di 1,5°C limiterebbe i rischi peggiori, mentre un mondo a 2°C vedrebbe una sofferenza notevolmente maggiore.

In una dichiarazione pubblicata a fine ottobre il gruppo di disobbedienza civile Scientist Rebellion – più di 1.000 scienziati – ha dichiarato che “non è più accettabile affermare pubblicamente l’obiettivo di limitare il riscaldamento globale a 1,5°”; riporta Le Monde, in un articolo. Alcuni scienziati del clima – si legge nell’articolo – sono d’accordo con questa affermazione, ma crea un forte disagio, poiché questo limite, il più ambizioso dell’Accordo di Parigi, è stato la bussola per l’azione sul clima per sette anni.

RISCALDAMENTO GLOBALE: COSA È NECESSARIO FARE

Per avere il 66% di possibilità di contenere il riscaldamento entro 1,5°C – continua Le Monde – le emissioni di gas serra dovrebbero essere ridotte del 45% entro il 2030 rispetto a oggi. Si tratta di uno sforzo colossale, poiché equivale a replicare ogni anno il calo delle emissioni di carbonio registrato nel 2020, l’anno dei confinamenti di Covid-19. “È una grande sfida, alcuni dicono impossibile, ma dobbiamo provarci”, ha dichiarato in merito, in una nota, Inger Andersen, direttore esecutivo dell’UNEP, alla pubblicazione del rapporto. Facendo riferimento per la prima volta alla possibilità di un fallimento, ha chiesto di “avvicinarsi il più possibile a 1,5°C”.

L’ultimo rapporto dell’IPCC pubblicato ad aprile – riporta Le Monde – ha dimostrato che è ancora tecnicamente possibile raggiungere questo obiettivo, grazie a cambiamenti “importanti”, come una forte riduzione dell’uso dei combustibili fossili, lo sviluppo delle energie rinnovabili, la limitazione della domanda e l’aiuto dell’innovazione tecnologica.

Il mondo – si legge nell’articolo – ha già emesso 2.495 miliardi di tonnellate di CO2 dal 1850, ora dovrebbe rilasciare non più di 380 miliardi di tonnellate prima di raggiungere la neutralità del carbonio, cioè nove anni di emissioni al ritmo attuale. Anche in questo caso, ci sarebbe solo il 50% di possibilità di contenere il riscaldamento globale entro 1,5°C.

TUTTI I RISCHI DELL’INAZIONE

Il budget rimanente per le emissioni di carbonio – sottolinea l’articolo di Le Monde – potrebbe esaurirsi ancora più rapidamente, osserva. L’infrastruttura esistente per i combustibili fossili da sola la sta portando al di sopra delle aspettative e la costruzione di nuove infrastrutture è ancora in corso. I maggiori produttori di automobili del mondo, anche se aumentano la quota di auto elettriche, prevedono di produrre 400 milioni di veicoli in più rispetto all’obiettivo di 1,5°C consentito. Il calcolo del Global Carbon Project – continua Le Monde – non tiene conto di altri gas serra, come il metano, emessi dai combustibili fossili o dall’agricoltura. Soprattutto, presuppone che la capacità di assorbimento dei pozzi di carbonio naturali (oceani, foreste, ecc.) rimanga invariata, anche se catturano una quantità leggermente inferiore di CO2 a causa dei cambiamenti climatici. Secondo un articolo di quattro climatologi pubblicato sul sito specializzato Carbon Brief l’11 novembre, il budget di carbonio rimanente potrebbe quindi ammontare a soli 260 miliardi di tonnellate, ovvero sei anni e mezzo di emissioni.

Tuttavia – continua l’articolo – gli scienziati avvertono di affidarsi al solo dato del bilancio del carbonio, per quanto possa essere “prezioso” per ricordare l’urgenza di ridurre le emissioni, è “problematico” perché può paradossalmente portare a “discorsi di inazione”. “Il breve lasso di tempo potrebbe indurre alcuni a pensare che sia inutile provarci”, scrivono. Ritenendo che il bilancio del carbonio sia diventato “uno strumento sempre più impraticabile” per definire la politica climatica, affermano che “non è né banale continuare a emettere CO2 fino all’esaurimento del bilancio, né un disastro istantaneo se questo viene superato”.

LA PREOCCUPAZIONE DEGLI SCIENZIATI

“Dopo anni di inazione climatica”, “dobbiamo essere onesti e riconoscere che non esiste una politica identificabile che ci consenta di avvicinarci ora a 1,5°C”, sostiene Wolfgang Cramer, direttore di ricerca (CNRS) presso l’Istituto mediterraneo di biodiversità ed ecologia marina e continentale e uno dei principali autori della seconda parte del 6° rapporto di valutazione del Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (IPCC). Ha firmato la petizione, insieme a molti altri autori dell’IPCC, perché ritiene “insopportabile” continuare a presentare questo obiettivo come possibile “per non scoraggiare l’azione”.

“Se non diciamo la verità, rischiamo di perdere la nostra credibilità scientifica e di incoraggiare politiche pubbliche non basate su fatti scientifici”, ha proseguito Cramer.

Kevin Jean, membro della sezione francese di Scientist Rebellion e docente di epidemiologia al Conservatoire national des arts et métiers, in una nota, dichiara: “siamo stati troppo ottimisti, per non spaventare le persone, ma questo alimenta l’inazione e l’inerzia. Questo dà l’impressione che ci sia ancora tempo e permette ai decisori e agli industriali di rimanere in uno stato di pensiero magico”, si giustifica. Ha invitato a “rimboccarsi le maniche per evitare di superare i 2°C d’ora in poi”, ma ha riconosciuto che questo “non è un discorso facile da fare”.

“Non si tratta di una questione in bianco e nero, non si tratta di dire ‘possiamo farcela’ o ‘è persa’”, ha dichiarato su Twitter lo scienziato del clima Carl-Friedrich Schleussner di Climate Analytics. È una questione di probabilità e siamo in una zona grigia. Potrebbero essere necessari gli anni 2030 prima di avere la certezza scientifica che avremo o abbiamo raggiunto 1,5°C di riscaldamento”.

“Non esiste una soglia di protezione: gli impatti del cambiamento climatico sono già diffusi e aumenteranno con ogni frazione aggiuntiva di riscaldamento, con rischi crescenti di superare le capacità di adattamento degli ecosistemi e delle società più vulnerabili, in particolare tra 1,5°C e 2°C”, afferma in una nota Valérie Masson-Delmotte, paleoclimatologa e co-presidente del Gruppo 1 dell’IPCC.

(Articolo estratto dalla rassegna stampa estera eprcomunicazione)

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore