Scenari

Rosneft: nuove scoperte do petrolio e gas nel giacimento di Vostok Oil

Rosneft

Rosneft stima che la base di risorse a Vostok Oil sia di circa 5 miliardi di tonnellate di petrolio dolce e leggero

Il più grande produttore russo di greggio Rosneft ha dichiarato di aver scoperto un nuovo giacimento che contiene circa 20 milioni di metri cubi, ovvero circa 146 milioni di barili di petrolio, e 1 mld di mc di gas, nel suo progetto di Vostok Oil nel nord della Russia.

Vostok Oil collega alcune delle vaste risorse della compagnia con la rotta del Mare del Nord e rappresenta una priorità di sviluppo per la Russia che spedisce verso i mercati europei e asiatici.

SVILUPPARE L’ARTICO

La Russia sta spingendo per un maggiore sviluppo dell’Artico nonostante i costi elevati, le difficili condizioni meteorologiche, le preoccupazioni ecologiche e le sanzioni mirate ad una certa produzione di petrolio. All’inizio di quest’anno il presidente russo Vladimir Putin ha approvato esenzioni fiscali per stimolare lo sviluppo dell’upstream Artico di petrolio e gas.

RISORSE PER 5 MLD DI TONNELLATE DI PETROLIO

Rosneft stima che la base di risorse a Vostok Oil sia di circa 5 miliardi di tonnellate di petrolio dolce e leggero. Il progetto comprende il cluster di Vankor, il blocco Zapadno-Irkinsky, il gruppo di giacimenti di Payakhskaya e il cluster di Taimyr orientale. In precedenza Rosneft aveva stimato una produzione di 25 milioni di tonnellate di petrolio sui mercati globali entro il 2024, in salita a 50 milioni di metri cubi nel 2027, e 115 milioni di metri cubi entro il 2030.

COLLOQUI CON INVESTITORI INDIANI E OCCIDENTALI PER ADERIRE AL PROGETTO

Rosneft ha avuto anche colloqui con investitori indiani e occidentali per aderire al progetto. Il nuovo giacimento, denominato Novoogennoye, si trova al confine con il territorio di Krasnoyarsk e la regione autonoma di Yamal-Nenets. La documentazione di progetto per l’ulteriore esplorazione del campo e la preparazione per lo sviluppo commerciale è attualmente in fase di preparazione, ha detto Rosneft.