Fact checking e fake news

Saipem: firmato accordo con Equinor per servizi di ingegneria

Saipem
Un tecnico Saipem a bordo della nave di perforazione Saipem 10000 a Geniva, nel novembre 2015. REUTERS/Alessandro Garofalo

L’accordo quadro include di Saipem, senza limitarsi solo a questo, le linee di collegamento offshore, tra cui linee di approdo e linee di flusso, le condotte a terra e la componentistica

Saipem ha firmato con Equinor un accordo quadro della durata di due anni per fornire servizi di ingegneria a livello mondiale.

COSA COMPRENDE L’ACCORDO

L’accordo quadro comprende studi di fattibilità e concettuali, FEED (Front End Engineering Design), ingegneria di dettaglio e relative espansioni e supporto per le attività di ricerca e sviluppo, nonché assistenza tecnica ad Equinor per i suoi futuri progetti, inclusi quelli relativi all’energia nei settori onshore, offshore e eolico galleggiante.

L’accordo quadro include, senza limitarsi solo a questo, le linee di collegamento offshore, tra cui linee di approdo e linee di flusso, le condotte a terra, i componenti, le strutture sottomarine, il layout di campo e la progettazione del percorso per prodotti come ombelicali, cavi, flessibili statici e cavi di alimentazione.

UNA COLLABORAZIONE LUNGA UN DECENNIO

Saipem ed Equinor collaborano da oltre un decennio nell’ambito di accordi quadro, in particolare quelli riguardanti il trasporto e l’installazione (T&I) e le opere di costruzione sottomarina. Inoltre, nell’ottobre 2019, Saipem ha firmato con Equinor un contratto per servizi sottomarini, che prevede l’uso del drone di intervento subacqueo (Underwater Intervention Drone -UID) Hydrone-R, una tecnologia di proprietà Saipem, e del ROV Hydrone-W, un drone elettrico, nello sviluppo del campo Njord Field. Infine, recentemente Saipem ed Equinor hanno siglato un accordo di cooperazione per sviluppare una soluzione tecnologica innovativa per un parco galleggiante a pannelli solari per installazioni costiere.

RACHELI (SAIPEM): SIAMO IMPEGNATI NELLA CREAZIONE DI VALORE A LUNGO TERMINE

Francesco Racheli, Chief Operating Officer della Divisione E&C Offshore, ha commentato: “Questo nuovo accordo con Equinor, uno dei principali attori del settore energetico, consolida una relazione di lunga data e una cooperazione di successo. La nostra capacità di fornire soluzioni tecnologiche e studiate a un’azienda impegnata nella creazione di valore a lungo termine testimonia la nostra leadership e affidabilità nel settore. In particolare, le nostre soluzioni nel settore delle energie rinnovabili ci consentiranno di accompagnare Equinor nel suo percorso di transizione energetica, supportandola con le nostre tecnologie e competenze altamente qualificate”.