Sostenibilità

Solare, via libera Usa al progetto da 1 miliardo di dollari in California

solare

Il progetto Desert Quartzite Solare Project di First Solar Inc sorgerà su circa 3.000 acri di terreno pubblico nella contea orientale di Riverside e dovrebbe sviluppare 450 MW di energia entro il 2022

Il governo degli Stati Uniti ha dato il via libera allo stanziamento di un miliardo di dollari per il progetto Desert Quartzite Solar Project di First Solar Inc. L’opera – in fase di sviluppo dal 2007 – sorgerà su circa 3.000 acri di terreno pubblico nella contea orientale di Riverside, California, secondo quanto riporta S&P Global platts.

I DETTAGLI DEL PROGETTO

Il progetto fotovoltaico solare a film sottile da 450 MW potrebbe entrare in funzione nel 2022, ha dichiarato in un comunicato stampa il Bureau of Land Management del Dipartimento degli Interni degli Stati Uniti. Tuttavia, secondo i dati di S&P Global Market Intelligence, First Solar non ha ancora un contratto per la produzione dell’enorme impianto. E infatti, l’azienda non ha risposto alla richiesta di informazioni dettagliate formulata da Platts il 16 gennaio sul cliente destinatario del progetto.
L’impianto si dovrebbe interconnettere al sistema elettrico della California meridionale di Edison, ma generalmente, sottolinea Platts, gli aggregatori scelti della comunità locale, e gestiti dal governo locale, sono i più attivi acquirenti di energia rinnovabile in California.

SI TRATTA DEL SECONDO PROGETTO DA UN MILIARDO DI DOLLARI

L’impianto rappresenta il secondo progetto solare da 1 miliardo di dollari che il governo federale ha portato avanti nelle ultime settimane, dopo la revisione ambientale favorevole per il Gemini Solar + Battery Storage Project in Nevada alla fine di dicembre 2019. Le azioni fanno parte di quella che il Bureau of Land Management ha descritto come una strategia di sviluppo energetico su suolo pubblico.

L’ALTO COSTO DEI TERRENI PUBBLICI

Nonostante il via libera delle autorità, gli sviluppatori di progetti solari su terreni federali devono affrontare notevoli ostacoli che rendono i progetti meno competitivi rispetto ai loro omologhi su terreni privati, ha dichiarato un funzionario della First Solar ai senatori statunitensi nel 2019.

CANONI DI LOCAZIONI PROIBITIVI

I canoni di locazione del Bureau of Land Management “superano di gran lunga il valore equo di mercato” e le capacity fees “aumentano inutilmente il costo del terreno e non si trovano nei contratti fondiari privati”, ha detto Laura Abram, direttore dell’esecuzione dei progetti e degli affari pubblici della First Solar, nella sua audizione del 7 marzo 2019, davanti alla Commissione per l’Energia e le Risorse Naturali del Senato degli Stati Uniti. “Questo ha reso lo sviluppo su terreni pubblici non competitivo rispetto ai terreni privati”, ha detto Abram.

La quarzite del deserto, per esempio, fornirà circa 2,7 milioni di dollari in affitto annuale e tasse al Tesoro degli Stati Uniti, secondo il Bureau of Land Management, pari a 81 milioni di dollari in 30 anni. Secondo Abram, questo è circa tre volte più costoso di un affitto trentennale su un terreno privato in California. “Molti sviluppatori stanno evitando lo sviluppo di impianti su terreni pubblici proprio a causa di questi costi”, ha aggiunto Abram.