Sostenibilità

Usa, grande potenziale per l’eolico offshore. L’analisi WoodMac

offshore

Processi più agevoli di leasing e autorizzazione di progetti eolici offshore potrebbero facilitare fino a 166 miliardi di dollari di investimenti eolici offshore negli Usa entro il 2035

L’eolico offshore ha il potenziale per diventare una grande industria negli Stati Uniti nel prossimo decennio, sbloccando miliardi di dollari di investimenti e creando migliaia di posti di lavoro.

Dalla costa della California alla costa atlantica, gli Stati Uniti hanno le risorse per supportare una grande industria eolica offshore, ma finora gli Stati Uniti sono rimasti indietro rispetto all’Europa e all’Asia nello sviluppo dell’eolico offshore. Le ragioni del più lento sviluppo eolico offshore finora in America non sono solo i costi della tecnologia. Anche il contesto normativo e politico ha avuto un ruolo negli Stati Uniti, con solo 42 megawatt (MW) di capacità eolica offshore installata ad oggi.

Processi più agevoli di leasing e autorizzazione di progetti eolici offshore potrebbero facilitare fino a 166 miliardi di dollari di investimenti eolici offshore negli Stati Uniti entro il 2035, ha affermato Wood Mackenzie in una recente ricerca commissionata dall’American Wind Energy Association (AWEA), National Ocean Industries Association (NOIA), New York Offshore Wind Alliance e Special Initiative on Offshore Wind dell’Università del Delaware.

L’EOLICO OFFSHORE POTREBBE GENERARE 1,2 MILIARDI DI DOLLARI PER IL TESORO

Secondo lo scenario di base della società di consulenza, gli Stati Uniti potrebbero avere fino a 25 gigawatt (GW) di eolico offshore costruito entro il 2030. Se il leasing e il permesso si muoveranno più velocemente, il mercato eolico offshore americano potrebbe svilupparsi ancora più velocemente.

L’analisi di WoodMac studia l’impatto economico delle attività eoliche offshore come risultato di potenziali aste di leasing del Bureau of Ocean Energy Management (BOEM) a New York Bight, California, Carolina e Golfo del Maine tra il 2020 e il 2022. BOEM non è previsto per mantenere le vendite di leasing quest’anno, mentre i piani per il 2021 non sono ancora chiari. Ma se BOEM andasse avanti con il leasing, il Tesoro americano potrebbe raccogliere 1,2 miliardi di dollari di entrate dalle vendite del leasing.

Le vendite in leasing significherebbero che la costruzione e il funzionamento dell’eolico offshore potrebbero supportare circa 80.000 posti di lavoro all’anno dal 2025 al 2035, e altri 16.000 posti di lavoro all’anno in seguito, afferma il rapporto. Secondo WoodMac, le aste BOEM nei prossimi due anni potrebbero supportare lo sviluppo di 28 GW di energia eolica offshore.

L’INVESTIMENTO NELL’ECONOMIA STATUNITENSE POTREBBE RAGGIUNGERE I 166 MILIARDI DI DOLLARI

Lo sviluppo potrebbe generare un investimento totale nell’economia statunitense di 17 miliardi di dollari entro il 2025, 108 miliardi di dollari entro il 2030 e 166 miliardi di dollari entro il 2035.

Degli investimenti di 166 miliardi di dollari entro il 2035, fino a 107 miliardi di dollari potrebbero essere generati dall’industria delle costruzioni, altri 42 miliardi di dollari andranno all’OEM di turbine e alla catena di fornitura e 8 miliardi di dollari andranno all’industria dei trasporti e ai porti.

Secondo le associazioni di settore, il potenziale dell’industria eolica offshore negli Stati Uniti è enorme, se vengono messe in atto le politiche giuste.

LA POLITICA POTREBBE OSTACOLARE LO SVILUPPO EOLICO OFFSHORE

Il potenziale per la crescita esiste, ma le prospettive a lungo termine per il settore non sono prive di rischi, ha dichiarato Wood Mackenzie nel giugno di quest’anno. Questi includono ritardi e rischi politici sia a livello statale che federale, che potrebbero ostacolare un boom eolico offshore, nonostante le mosse statali per aumentare i mandati e contrattare grandi progetti, ha affermato il principale analista di Wood Mackenzie, Max Cohen.