Senza categoria

Veicoli commerciali: -20,3% a 11 mesi dal 2020, +0,1% a novembre

commerciali

La domanda di furgoni e autobus ha subito un rallentamento lo scorso mese, mentre il segmento dei camion ha contribuito positivamente al risultato della regione.

Nel novembre 2020 il mercato Ue dei veicoli commerciali ha registrato un aumento molto modesto, con nuove immatricolazioni in crescita dello 0,1% a 167.315 unità.

TOTALE VEICOLI COMMERCIALI NUOVI

Nel novembre 2020 il mercato Ue dei veicoli commerciali ha registrato un aumento molto modesto, con nuove immatricolazioni in crescita dello 0,1% a 167.315 unità. La domanda di furgoni e autobus ha subito un rallentamento lo scorso mese, mentre il segmento dei camion ha contribuito positivamente al risultato della regione. I quattro principali mercati hanno registrato un andamento misto a novembre, con una contrazione delle immatricolazioni in Spagna (-7,0%) e Francia (-3,1%), mentre i mercati italiano (+11,7%) e tedesco (+4,3%) sono cresciuti.

Con 1,5 milioni di unità a undici mesi dall’inizio dell’anno, le immatricolazioni di veicoli commerciali nell’Unione Europea sono ora in calo del 20,3%. Tutti i mercati dell’UE-27 – compresi i quattro principali – hanno registrato finora cali a due cifre nel 2020, anche se meno accentuati rispetto ai mesi precedenti: Spagna (-28,4%), Francia (-18,4%), Germania (-16,3%) e Italia (-15,6%).

VEICOLI COMMERCIALI LEGGERI NUOVI (LCV) FINO A 3,5T

A novembre la domanda di veicoli commerciali leggeri nuovi nell’UE è rimasta stabile (-0,5%) rispetto a un anno fa. I risultati nei primi quattro mercati dell’UE sono stati contrastanti: le immatricolazioni in Italia e in Germania sono state positive, con una crescita rispettivamente del 10,3% e del 6,2%, mentre la domanda di veicoli commerciali leggeri ha subito una contrazione in Spagna (-8,1%) e in Francia (-3,8%).

Da gennaio a novembre 2020, le immatricolazioni di nuovi furgoni sono diminuite del 18,7% in tutta l’Unione Europea, attestandosi ora a 1,3 milioni di unità. La Spagna ha registrato il calo più forte (-28,8%), mentre le perdite sono state meno forti in Francia (-17,6%), Italia (-15,4%) e Germania (-13,4%).

VEICOLI COMMERCIALI PESANTI NUOVI (HCV) DI 16T E OLTRE

Il mese scorso, il mercato UE per gli autocarri pesanti è migliorato, con nuove immatricolazioni in aumento del 6,0% fino a 20.620 unità. I Paesi dell’Europa centrale (+28,6%) hanno contribuito in larga misura a questo risultato. Tra i maggiori mercati dell’Europa occidentale, tuttavia, solo l’Italia (+28,5%) è riuscita a registrare una crescita.

Nel 2020 sono stati finora immatricolati 181.590 nuovi veicoli commerciali pesanti in tutta l’Unione Europea, con un calo del 29,6% rispetto al 2019. Nonostante la performance positiva del mese scorso, quest’anno ciascuno dei 27 mercati dell’Unione Europea ha registrato un calo a due cifre, tra cui Germania (-28,6%), Francia (-27,9%), Spagna (-23,9%) e Italia (-14,2%).

NUOVI VEICOLI COMMERCIALI MEDI E PESANTI (MHCV) OLTRE 3,5T

Nel novembre 2020 la domanda di nuovi mezzi medi e pesanti ha registrato una modesta ripresa (+3,7%), beneficiando del positivo andamento del segmento dei mezzi pesanti (che rappresenta la maggior parte della domanda totale di autocarri). Per quanto riguarda i maggiori mercati dell’Unione Europea, l’Italia ha registrato il maggior guadagno (+21,7%), seguita dalla Francia (+1,3%) che ha registrato una crescita più modesta. Per contro, le immatricolazioni di MHCV sono scese del 3,0% in Germania e dell’1,0% in Spagna.

A undici mesi dall’inizio dell’anno, le immatricolazioni di nuovi autocarri hanno registrato un netto calo in tutta l’Unione Europea, compresi i quattro principali mercati: Francia (-26,2%), Germania (-26,1%), Spagna (-23,3%) e Italia
(-15.1%). Ciò ha contribuito a un ritiro cumulativo del 27,7%, per un totale di 226.427 camion registrati finora nel 2020.

NUOVI AUTOBUS E PULLMAN MEDI E PESANTI (MHBC) OLTRE 3,5T

Nel novembre 2020, le nuove immatricolazioni di autobus e pullman nell’UE sono diminuite del 5,1% rispetto al novembre dell’anno scorso. Sebbene tutti i principali mercati dell’Europa occidentale – Italia (+27,0%), Francia (+13,4%), Germania (+11,6%) e Spagna (+5,8%) – abbiano registrato risultati positivi, i paesi dell’Europa centrale (-22,6%) hanno trascinato al ribasso la performance complessiva della regione.

Da gennaio a novembre 2020, la domanda di autobus e pullman dell’UE ha subito una contrazione del 23,5%, con un totale di 25.532 nuove immatricolazioni. Tra i maggiori mercati UE, la Spagna (-41,3%) e l’Italia (-27,3%) hanno continuato a lottare per 11 mesi, mentre le perdite sono state più limitate in Francia (-9,5%) e Germania (-2,4%).