Sostenibilità

A che punto siamo con la cattura del carbonio

alluminio

I processi di cattura, utilizzo e stoccaggio del carbonio (CCUS) stanno diventando popolare tra i governi che cercano un “Recovery green” dopo la pandemia

La crescente spinta globale a ridurre le emissioni sta sempre di più richiamando l’attenzione su alcune tecnologie in grado di eliminare dai processi produttivi la produzione di Co2. Tra questi, negli ultimi tempi, si sta parlando dei processi di cattura, utilizzo e stoccaggio del carbonio (CCUS), annunciata come una tecnologia indispensabile che aiuterà il mondo a raggiungere l’obiettivo emissioni nette zero.

UNA TECNOLOGIA CHE ESISTE DA TEMPO

Il concetto di cattura del carbonio e le relative tecnologie esistono da anni. Ma la lotta al cambiamento climatico ha spinto i governi, le principali compagnie petrolifere e del gas e gli scienziati a prestare un’attenzione maggiore all’idea di immagazzinare carbonio, soprattutto per alcuni processi più difficili da decarbonizzare come le operazioni petrolifere e del gas o la produzione di acciaio, prodotti chimici o cemento.

IL RECOVERY GREEN POST-PANDEMIA

Il CCUS sta diventando popolare tra i governi che cercano un “Recovery green” dopo la pandemia. Ma sta guadagnando popolarità anche presso alcune delle più grandi compagnie petrolifere. Tuttavia, rimangono molti interrogativi: la cattura del carbonio può diventare una tecnologia efficiente in termini di costi su larga scala per ridurre le emissioni? In caso affermativo, ridurrà le emissioni abbastanza da consentire alle economie mondiali e alle compagnie petrolifere e del gas di raggiungere i loro ambiziosi obiettivi di emissioni nette zero?

NON AIUTERA’ SULLE SCOPE 3

Ma c’è una cosa che il CCUS non farà: non aiuterà le grandi compagnie petrolifere del mondo a ridurre le emissioni di Scope 3, quelle generate dai prodotti che vendono, sostiene Philippe Roos, Senior Reporter di Energy Intelligence. Il CCUS potrebbe anche essere un’industria più piccola di quanto attualmente previsto se ci sarà una svolta con la produzione di idrogeno verde, che potrebbe ridurre significativamente i costi nei prossimi anni ed eliminare la necessità di CCS nella produzione di idrogeno blu, ha detto Roos.

Tuttavia, l’accordo di Parigi per limitare il riscaldamento globale e la crescente pressione dei maggiori investitori mondiali sulle industrie ad alta intensità di carbonio per ridurre le emissioni rendono CCS e CCUS pilastri chiave in tutti i piani per la ricostruzione ‘green’, sia per i governi che per le principali compagnie petrolifere.

CCUS FONDAMENTALE PER RAGGIUNGERE GLI OBIETTIVI NET-ZERO. LO DICE L’AIE

“Raggiungere net zero sarà praticamente impossibile senza CCUS”, ha sottolineato in un recente report l’Agenzia internazionale dell’energia (Aie).

Le grandi aziende petrolifere includono il CCUS nei loro piani per ridurre le emissioni e diventare imprese energetiche ‘net zero’ entro il 2050 o prima. Stanno anche attivamente perseguendo e promuovendo vari progetti che li aiuteranno a raggiungere i loro obiettivi. Il mese scorso BP, Eni, Equinor, Shell, Total e National Grid hanno costituito la Northern Endurance Partnership per sviluppare infrastrutture di anidride carbonica offshore nel Mare del Nord del Regno Unito, con BP come operatore. L’infrastruttura servirà a implementare i progetti Net Zero Teesside (NZT) e Zero Carbon Humber (ZCH) che mirano a stabilire cluster industriali decarbonizzati a Teesside e Humberside.

Alcuni giorni dopo l’annuncio della partnership, il governo del Regno Unito ha incluso l’investimento in CCUS come uno dei dieci pilastri del suo piano in dieci punti per una rivoluzione industriale verde. I piani CCUS nel Regno Unito potrebbero impiegare fino a 1,3 miliardi di dollari (1 miliardo di sterline) di investimenti pubblici entro il 2025 per catturare e immagazzinare entro il 2030 le emissioni di CO2 equivalenti a togliere dalla strada circa 4 milioni di auto.

Uno dei più grandi fornitori di servizi per giacimenti petroliferi al mondo, Baker Hughes, ha dichiarato all’inizio di questo mese che sta acquistando Compact Carbon Capture (3C), una società di sviluppo tecnologico specializzata in soluzioni di cattura del carbonio, come parte dell’impegno strategico di Baker Hughes per fornire soluzioni di decarbonizzazione per il carbonio industrie ad alta intensità, inclusi petrolio e gas e operazioni industriali più ampie.

CATTURA DIRETTA DELL’ARIA

Occidental Petroleum, che è diventata la prima grande compagnia petrolifera statunitense ad annunciare questo mese un obiettivo di emissioni nette zero, come ricorda Oilprice, sta scommettendo molto sulla cattura diretta dell’aria, aspirando CO2 direttamente dall’atmosfera, per ridurre l’intensità di carbonio delle sue operazioni, a cominciare dal Permiano.

“Crediamo diventerà un business significativo per Oxy nei prossimi anni. E tra 10 e 15 anni, ci aspettiamo che il flusso di cassa e gli utili da un’attività di questo tipo possano essere simili o superiori a quelli che otteniamo dal settore chimico”, ha detto il CEO di Oxy Vicki Hollub durante la teleconferenza.

I TEST DEL MIT

L’anno scorso il MIT aveva dichiarato che i suoi ingegneri avevano sviluppato un nuovo modo per rimuovere la CO2 dall’aria. L’idea si basa sul passaggio dell’aria attraverso una pila di piastre elettrochimiche cariche che potrebbe funzionare dalle emissioni della centrale elettrica all’aria aperta, ed è conveniente ed efficiente dal punto di vista energetico. I ricercatori hanno creato una società per commercializzare il processo e sperano di sviluppare un impianto su scala pilota entro i prossimi anni, ha detto il postdoc del MIT Sahag Voskian, che ha creato il processo e assicurato una facile ‘scalabilità’ economica del processo.

LA SFIDA DELLE ECONOMIE DI SCALA

Tuttavia, il CCUS su larga scala efficiente in termini di costi in tutto il mondo richiederà molta più ricerca, sostegno del governo e investimenti aziendali se il mondo ha la possibilità di limitare il riscaldamento globale ovunque vicino agli obiettivi dell’accordo di Parigi.

Una recente ricerca di Jorgen Randers e Ulrich Goluke alla BI Norwegian Business School di Oslo, Norvegia, ha mostrato in un modello climatico che il mondo ha già superato il punto di non ritorno in grado di condurre a uno scioglimento del permafrost per centinaia di anni a venire, anche se il mondo interrompesse immediatamente tutte le emissioni di gas serra prodotti dall’uomo.

Per evitare un aumento della temperatura nei secoli a venire, il mondo dovrà costruire 33.000 grandi impianti CCS e mantenerli in funzione per sempre: uno sforzo tecnicamente fattibile ma estremamente costoso, affermano gli autori dell’articolo pubblicato su Scientific Reports.

AL MOMENTO 60 PROGETTI CCS OPERATIVI

Attualmente, ci sono solo circa 60 progetti CCS operativi di diversa capacità di cattura nel mondo, ha affermato Wood Mackenzie in un recente rapporto sul potenziale ‘zero netto’ del Mare del Nord.

Anche se il CCUS non è l’unico percorso per ridurre le emissioni globali, potrebbe comunque rivelarsi fondamentale, oltre all’elettrificazione dei trasporti e all’aumento della quota delle energie rinnovabili nel mix energetico, per limitare il riscaldamento globale a livelli ragionevoli. Tuttavia, la CCUS avrà bisogno di molti più investimenti e sostegno per diventare una soluzione significativa nella lotta al cambiamento climatico.