skip to Main Content

Aie: L’aumento dei prezzi del gas in Europa determinerà un maggiore utilizzo di petrolio

Iea, Rapporto Sul Petrolio

L’impegno dell’UE a ridurre il consumo di gas dei paesi membri del 15% da agosto 2022 a marzo 2023 aumenterà la domanda di petrolio di circa 380.000 barili al giorno per i prossimi sei trimestri

L’aumento del consumo di petrolio per la produzione di energia in Europa e Medio Oriente aumenterà il consumo di greggio per il resto dell’anno. Lo ha affermato l’Agenzia internazionale per l’energia spiegando di aver aumentato le previsioni sulla domanda globale nonostante i segnali di un più ampio rallentamento economico.

PREZZI RECORD GAS STIMOLANO PASSAGGIO AL PETROLIO

L’Aie con sede a Parigi, finanziata principalmente dai membri dell’OCSE, ha affermato che i prezzi record europei del gas naturale stanno stimolando un “sostanziale” passaggio da gas a petrolio. Per questo ha alzato la previsione della domanda per il 2022 di 380.000 barili al giorno. “Questi guadagni straordinari, concentrati in modo schiacciante in Medio Oriente e in Europa, mascherano una relativa debolezza in altri settori, ma spingeranno la domanda al rialzo di 2,1 milioni di barili al giorno a 99,7 milioni di barili al giorno nel 2022 e di ulteriori 2,1 milioni di barili al giorno a 101,8 milioni di barili al giorno nel 2023″, si legge nel rapporto mensile sul petrolio.

PREVISTO UN AUMENTO DELLA DOMANDA DI CIRCA 380 MILA BARILI AL GIORNO

L’impegno dell’UE a ridurre il consumo di gas dei paesi membri del 15% da agosto 2022 a marzo 2023 aumenterà la domanda di petrolio di circa 380.000 barili al giorno per i prossimi sei trimestri, ha aggiunto Aie.

Il nuovo outlook della domanda è arrivato dopo le affermazioni dell’Aie secondo cui l’impatto delle sanzioni occidentali sulle esportazioni di petrolio russe era stato meno grave di quanto avesse previsto in precedenza. Le esportazioni russe di greggio e prodotti petroliferi verso Europa, Stati Uniti, Giappone e Corea sono diminuite di quasi 2,2 milioni di barili al giorno dall’inizio della guerra in Ucraina, ma il reindirizzamento dei flussi verso paesi tra cui India, Cina e Turchia, insieme a la domanda interna russa stagionalmente più elevata ha “attenuato le perdite upstream”, ha affermato Aie.

LA PRODUZIONE PETROLIFERA RUSSA

A luglio, la produzione petrolifera russa è stata di soli 310.000 barili al giorno al di sotto dei livelli prebellici, mentre le esportazioni totali di petrolio sono diminuite di 580.000 barili al giorno. Di conseguenza, il mese scorso la Russia ha generato ricavi dalle esportazioni di petrolio per 19 miliardi di dollari, in calo rispetto ai 21 miliardi di dollari di giugno a causa della riduzione dei prezzi e dei volumi leggermente ridotti.

È probabile che l’embargo dell’UE sul petrolio russo si traduca in ulteriori cali dopo che entrerà in vigore a pieno titolo nel febbraio 2023, ha affermato l’Aie. Ma un “possibile un ammorbidimento delle misure”, come suggerito da alcuni politici, l’aveva portata a rivedere le sue previsioni di produzione russa per la seconda metà del 2022 di 500.000 b/g e di 800.000 b/g per il 2023.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

live
Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore