Advertisement
skip to Main Content

Arriva la proposta di Bruxelles per la riforma del mercato elettrico Ue: ecco cosa prevede

Mercato Elettrico

La Commissione Ue propone una riforma della struttura del mercato dell’elettricità dell’UE per incentivare le energie rinnovabili, proteggere meglio i consumatori e migliorare la competitività industriale

Riformare la struttura del mercato dell’elettricità dell’Ue per accelerare le rinnovabili, abbandonare gradualmente il gas, rendere le bollette dei consumatori meno dipendenti dalla volatilità dei prezzi dei combustibili fossili, proteggere meglio i consumatori da future impennate dei prezzi e da potenziali manipolazioni del mercato e rendere l’industria dell’Ue pulita e più competitiva. È quanto prevede la nuova riforma della struttura del mercato dell’elettricità Ue proposta oggi dalla Commissione europea.

PERCHÉ LA RIFORMA

UeSecondo Bruxelles, infatti, da oltre vent’anni l’Ue dispone di un mercato dell’elettricità efficiente e ben integrato, che consente ai consumatori di trarre i vantaggi economici di un mercato unico dell’energia, garantendo la sicurezza dell’approvvigionamento e stimolando il processo di decarbonizzazione. La crisi energetica provocata dall’invasione dell’Ucraina da parte della Russia ha sottolineato, tuttavia, la necessità di adattare rapidamente il mercato dell’elettricità per sostenere meglio la transizione verde e offrire ai consumatori di energia, sia alle famiglie che alle imprese, un accesso diffuso all’elettricità rinnovabile e non fossile a prezzi accessibili.

COSA PREVEDE IL TESTO

Ma in cosa consiste la riforma nel concreto? Il testo prevede la revisione di diversi atti legislativi dell’Ue, in particolare il regolamento sull’elettricità, la direttiva sull’elettricità e il regolamento Remit. Introduce misure che incentivano contratti a più lungo termine con la produzione di energia non fossile e introducono nel sistema più soluzioni flessibili e pulite per competere con il gas, come la risposta alla domanda e lo stoccaggio. In questo modo si ridurrà l’impatto dei combustibili fossili sulla bolletta elettrica dei consumatori e si garantirà che il minor costo delle rinnovabili si rifletta in essa. Inoltre, la riforma proposta promuoverà una concorrenza aperta e leale nei mercati europei dell’energia all’ingrosso, migliorando la trasparenza e l’integrità del mercato.

Non solo. La costruzione di un sistema energetico basato sulle energie rinnovabili non sarà solo fondamentale per ridurre le bollette dei consumatori, ma anche per garantire un approvvigionamento energetico sostenibile e indipendente all’UE, in linea con il Green Deal europeo e il piano REPowerEU. Questa riforma, che fa parte del piano industriale Green Deal, consentirà anche all’industria europea di avere accesso a una fornitura di energia rinnovabile, non fossile e a prezzi accessibili, che è un fattore chiave per la decarbonizzazione e la transizione verde. Per raggiungere i nostri obiettivi energetici e climatici, la diffusione delle energie rinnovabili dovrà triplicare entro la fine di questo decennio.

PROTEGGERE E RESPONSABILIZZARE I CONSUMATORI

Prezzi elevati e volatili, come quelli visti nel 2022 provocati dalla guerra energetica della Russia contro l’Ue, hanno gravato eccessivamente sui consumatori. Questa proposta consentirà ai consumatori e ai fornitori di beneficiare di una maggiore stabilità dei prezzi basata sulle tecnologie energetiche rinnovabili e non fossili. In particolare, offrirà ai consumatori un’ampia scelta di contratti e informazioni più chiare prima di sottoscriverli, in modo che abbiano la possibilità di fissare prezzi sicuri e a lungo termine per evitare rischi eccessivi e volatilità. Allo stesso tempo, i consumatori potranno scegliere di stipulare contratti a prezzi dinamici per sfruttare la variabilità dei prezzi e utilizzare l’elettricità quando è più conveniente (ad esempio, per ricaricare le auto elettriche o utilizzare le pompe di calore).

Oltre ad ampliare la scelta dei consumatori, la riforma mira anche a promuovere la stabilità dei prezzi riducendo il rischio di fallimento dei fornitori. La proposta prevede che i fornitori gestiscano i loro rischi di prezzo almeno nella misura dei volumi previsti dai contratti fissi, in modo da essere meno esposti alle impennate dei prezzi e alla volatilità del mercato. La proposta obbliga inoltre gli Stati membri a istituire fornitori di ultima istanza, in modo che nessun consumatore rimanga senza elettricità.

Anche la protezione dei consumatori vulnerabili viene notevolmente migliorata. In base alla riforma proposta, gli Stati membri proteggeranno i consumatori vulnerabili in arretrato dalla disconnessione. Inoltre, la proposta consente agli Stati membri di estendere i prezzi al dettaglio regolamentati alle famiglie e alle PMI in caso di crisi.

LE RINNOVABILI Ue

La proposta prevede anche la revisione delle norme sulla condivisione delle energie rinnovabili. I consumatori potranno investire in parchi eolici o solari e vendere l’elettricità solare in eccesso sui tetti ai vicini, non solo al proprio fornitore. Ad esempio, gli inquilini potranno condividere l’energia solare in eccesso sui tetti con un vicino.

Per migliorare la flessibilità del sistema elettrico, gli Stati membri dovranno ora valutare le loro esigenze, stabilire obiettivi per aumentare la flessibilità non fossile e avranno la possibilità di introdurre nuovi schemi di sostegno, in particolare per la risposta alla domanda e lo stoccaggio. La riforma consente inoltre ai gestori dei sistemi di acquistare la riduzione della domanda nelle ore di punta. Oltre a questa proposta, la Commissione ha pubblicato oggi anche delle raccomandazioni agli Stati membri sul progresso dell’innovazione, delle tecnologie e delle capacità di stoccaggio.

MIGLIORARE LA PREVEDIBILITÀ E LA STABILITÀ DEI COSTI ENERGETICI PER AUMENTARE LA COMPETITIVITÀ INDUSTRIALE

Nell’ultimo anno molte imprese sono state gravemente colpite dall’eccessiva volatilità dei prezzi dell’energia. Per migliorare la competitività dell’industria europea e ridurre la sua esposizione alla volatilità dei prezzi, la Commissione propone di facilitare la diffusione di contratti a lungo termine più stabili, come gli accordi di acquisto di energia (PPA), attraverso i quali le imprese stabiliscono le proprie forniture dirette di energia e possono così trarre vantaggio da prezzi più stabili della produzione di energia rinnovabile e non fossile. Per affrontare gli attuali ostacoli, come i rischi di credito degli acquirenti, la riforma obbliga gli Stati membri ad assicurare la disponibilità di garanzie basate sul mercato per gli HTM.

Per garantire ai produttori di energia elettrica la stabilità dei ricavi e proteggere l’industria dalla volatilità dei prezzi, tutto il sostegno pubblico per i nuovi investimenti nella produzione di energia elettrica rinnovabile e non fossile inframarginale e obbligatoria dovrà avvenire sotto forma di Contratti per differenza (CfD) a due vie, mentre gli Stati membri sono obbligati a convogliare i ricavi in eccesso ai consumatori. Inoltre, la riforma aumenterà la liquidità dei mercati per i contratti a lungo termine che fissano i prezzi futuri, i cosiddetti “contratti a termine”. Ciò consentirà a un maggior numero di fornitori e consumatori di proteggersi da prezzi eccessivamente volatili per periodi di tempo più lunghi.

Ci saranno anche nuovi obblighi per facilitare l’integrazione delle rinnovabili nel sistema e migliorare la prevedibilità della generazione. Tra questi vi sono obblighi di trasparenza per gli operatori di sistema per quanto riguarda la congestione della rete e scadenze di negoziazione più vicine al tempo reale.

IL MONITORAGGIO

Infine, per garantire mercati competitivi e una determinazione dei prezzi trasparente, l’Agenzia per la cooperazione fra i regolatori nazionali dell’energia (ACER) e i regolatori nazionali avranno una maggiore capacità di monitorare l’integrità e la trasparenza del mercato dell’energia. In particolare, il regolamento aggiornato sull’integrità e la trasparenza del mercato dell’energia all’ingrosso (REMIT) garantirà una migliore qualità dei dati e rafforzerà il ruolo dell’ACER nelle indagini su potenziali casi di abusi di mercato di natura transfrontaliera. Nel complesso, ciò rafforzerà la protezione dei consumatori e dell’industria dell’UE contro qualsiasi abuso di mercato.

RACCOMANDAZIONI DELLA COMMISSIONE SU COME SFRUTTARE IL POTENZIALE DELLO STOCCAGGIO DELL’ENERGIA

La Commissione ha pubblicato oggi anche una serie di raccomandazioni sullo stoccaggio dell’energia , con azioni concrete che i paesi dell’UE possono intraprendere per garantirne una maggiore diffusione. L’analisi ha dimostrato che lo stoccaggio è fondamentale per la decarbonizzazione del sistema energetico dell’UE. Consentendo di risparmiare in grandi quantità l’elettricità in eccesso e di utilizzarla successivamente quando è necessario, aumenta una migliore penetrazione dell’energia rinnovabile nel sistema elettrico. Queste raccomandazioni sono accompagnate da un documento di lavoro dei servizi della Commissione ei documenti coincidono con la pubblicazione della proposta della Commissione di rivedere l’assetto del mercato dell’energia elettrica dell’UE.

Con uno sguardo più ampio al sistema energetico del futuro, il documento sottolinea il ruolo fondamentale della flessibilità che lo stoccaggio può fornire al sistema elettrico. Questa flessibilità aiuta ad adattarsi alle mutevoli esigenze e garantisce che il consumo di elettricità corrisponda in modo permanente alla generazione di elettricità. Lo stoccaggio può anche abbassare i prezzi dell’elettricità durante le ore di punta e consentire ai consumatori di adeguare il loro consumo di energia ai prezzi e alle loro esigenze. Infine, le tecnologie di stoccaggio dell’energia facilitano l’elettrificazione di diversi settori economici, in particolare edifici e trasporti. Ad esempio, oltre al sistema elettrico, l’accumulo termico può contribuire alla decarbonizzazione dei settori del riscaldamento e del raffreddamento.

In termini concreti, la Commissione raccomanda ai paesi dell’UE di considerare le caratteristiche specifiche dello stoccaggio dell’energia nella progettazione degli oneri di rete e dei regimi tariffari e di facilitare il rilascio delle autorizzazioni. La Commissione incoraggia inoltre a sfruttare ulteriormente il potenziale dello stoccaggio dell’energia nella progettazione e nel funzionamento delle reti. Alcune raccomandazioni affrontano anche le sfide legate alla necessità di visibilità e prevedibilità a lungo termine delle entrate per facilitare l’accesso ai finanziamenti (ad esempio la monetizzazione dei servizi forniti). Altre azioni delineate includono lo stoccaggio dietro il contatore, il ruolo delle fonti di flessibilità nelle isole e nelle aree remote, la ricerca e lo sviluppo e la pubblicazione di dati per facilitare le decisioni di investimento.

Il documento di lavoro dei servizi di 35 pagine offre un’analisi più dettagliata, fornendo anche una prospettiva dell’attuale quadro normativo, di mercato e finanziario dell’UE per lo stoccaggio e identifica gli ostacoli, le opportunità e le migliori pratiche per il suo sviluppo e la sua diffusione.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore