Sostenibilità

Auto elettriche, Aie: Nonostante il Covid-19 record anche nel 2020

auto elettriche

Aie stima che le vendite globali di auto elettriche supereranno leggermente il totale del 2019 per raggiungere oltre 2,3 milioni di unità

Le vendite globali di auto tradizionali sono attese a un calo storico del 15% nel 2020 a causa dell’epidemia di coronavirus. È quanto ha scritto in un post su Linkedin il direttore generale dell’Agenzia internazionale per l’energia Fatih Birol aggiungendo che invece, “le vendite delle auto elettriche sono sulla buona strada per raggiungere il record di 2,3 milioni di vetture, trainate da politiche governative di sostegno”, ha precisato Birol.

IL BOOM DELLE AUTO ELETTRICHE

“Le auto elettriche – sottolinea un report dell’Aie – hanno vissuto un decennio di rapida crescita. Le vendite globali sono cresciute di oltre il 60% ogni anno negli ultimi dieci anni, tranne nel 2019, quando la crescita è rallentata al 6% a causa del mutamento del contesto normativo in Cina e delle vendite di autovetture in ribasso nei principali mercati. Nonostante ciò, lo scorso anno le vendite di veicoli elettrici hanno raggiunto le 2,2 milioni di unità, assicurando la loro quota più elevata in assoluto – 2,6% – del mercato automobilistico globale”.

RECORD ANCHE QUEST’ANNO

Per quanto riguarda il futuro “nonostante la crisi, quest’anno le vendite di auto elettriche potrebbero raggiungere una quota record del mercato complessivo delle auto – sottolinea Aie -. Per comprendere le aspettative del mercato per le auto elettriche, è importante esaminarle nel contesto delle tendenze generali del mercato automobilistico. I primi quattro mesi del 2020 hanno visto un calo senza precedenti delle vendite globali di automobili. Stimiamo che le vendite globali di automobili tra gennaio e aprile di quest’anno siano diminuite di circa un terzo rispetto allo stesso periodo del 2019, con circa 9 milioni di auto in meno vendute”, evidenzia Aie.

CALI DELLE VENDITE DI AUTO IN TUTTO IL MONDO

“Su base mensile, il calo delle vendite è stato ancora più pronunciato, rispecchiando i tempi e la rigidità dei blocchi in molti paesi. La Cina, il più grande mercato automobilistico del mondo, ha registrato il più forte declino su base annua a febbraio. Le vendite di auto in Cina quasi sempre scendono a febbraio a causa delle vacanze del Capodanno lunare. Ma quest’anno sono precipitate dell’80% rispetto a febbraio 2019 – precisa Aie -. Altri importanti mercati automobilistici hanno registrato i loro maggiori cali in aprile. Negli Stati Uniti, si sono dimezzati all’incirca anno dopo anno; in Germania, hanno perso circa il 60%; e in Francia sono precipitati di quasi il 90%. Nel Regno Unito e in Italia, le vendite sono diminuite del 98% ad aprile, segnalando un completo crollo di tali mercati. Per l’India praticamente non sono state riportate vendite di auto”.

LE VENDITE GLOBALI DI AUTOMOBILI SARANNO INFERIORI DI CIRCA IL 30% RISPETTO ALLO STESSO PERIODO DELL’ANNO SCORSO

“I segnali iniziali nei paesi in cui il blocco si sta gradualmente allentando suggeriscono il potenziale per una rapida ripresa – osserva Aie -. In Cina, i decisori politici hanno rapidamente identificato il mercato automobilistico come obiettivo primario di stimolo economico e hanno incoraggiato le città a ridurre le quote dei permessi auto, tra le altre misure. Le vendite di auto cinesi sono rimbalzate fortemente in aprile per raggiungere l’80% del livello registrato nello stesso mese un anno prima. È stato anche riferito che i timori di contrarre il Covid-19 stanno rafforzando le vendite, con la guida di un auto generalmente vista come un rischio inferiore rispetto al trasporto pubblico. In Corea, dove la diffusione del virus è stata contenuta rapidamente, le vendite di auto hanno registrato un aumento rispetto ai livelli del 2019 sia a marzo che ad aprile. Attualmente prevediamo che le vendite globali di automobili saranno inferiori di circa il 30% rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso nella prima metà dell’anno”.

LE VENDITE COMPLESSIVE DI AUTO SONO CROLLATE CON LO SCOPPIO DI COVID-19

“Le vendite di auto potrebbero generalmente aumentare nella seconda metà del 2020. L’entità e il ritmo del rimbalzo dipenderanno da una serie di fattori, tra cui il ritmo con cui le misure di confinamento sono allentate, le potenziali seconde ondate della pandemia, il ritmo della ripresa economica e la volontà e capacità dei consumatori e delle imprese di acquistare nuove auto. Anche la politica del governo sarà fondamentale – aggiunge Aie -. Poiché le città stanno gradualmente emergendo dai blocchi, alcune di esse stanno ponendo restrizioni temporanee sulla frequenza e all’occupazione dei trasporti pubblici, aumentando il rischio di un picco nel traffico automobilistico. Molte città, in particolare in Europa, stanno quindi rapidamente mettendo insieme politiche per ripensare l’uso dello spazio urbano e promuovere il ciclismo. Allo stesso tempo, tuttavia, i governi nazionali potrebbero cercare di ridurre le potenziali perdite di posti di lavoro nel settore automobilistico attraverso misure che stimolino le vendite di automobili”.

COSA ASPETTARSI DAL MERCATO AUTOMOBILISTICO GLOBALE NEL 2020

“Le misure di stimolo, se adottate, possono aumentare le vendite di automobili, sebbene il loro impatto è difficile da prevedere. Durante la crisi finanziaria globale nel 2008 e nel 2009, il programma tedesco ha aumentato le vendite di auto di circa un quarto nella prima metà del 2009, sebbene abbiano rallentato successivamente alla scadenza dei fondi disponibili. Negli Stati Uniti, le vendite di auto statunitensi hanno impiegato sette anni per raggiungere i livelli pre-crisi. Attualmente prevediamo che le vendite complessive di automobili nel 2020 saranno inferiori di circa il 15% (o 13 milioni di auto) rispetto al 2019, con i maggiori cali in Europa, Stati Uniti e Cina. Ciò rappresenta un calo storico doppio rispetto al declino verificatosi tra il 2008 e il 2009”, prevede Aie.

LE AUTO ELETTRICHE: EUROPA AL TOP

“Lo scoppio della pandemia di Covid-19 ha provocato un drammatico declino delle vendite di auto elettriche – sottolinea Aie -. In Cina, il calo è seguito a quello delle vendite complessive di automobili. Il calo è stato maggiore a febbraio, con le vendite di auto elettriche scese a 16000 veicoli, un calo di circa il 60% rispetto allo stesso mese nel 2019. Le vendite sono rimbalzate fortemente in aprile, raggiungendo circa l’80% del livello che erano a un anno prima. Negli Stati Uniti, le vendite di auto elettriche in aprile sono più che dimezzate a circa 10.000 veicoli”.

“Le vendite di auto elettriche nei paesi europei vanno in controtendenza rispetto al mercato complessivo delle auto per una serie di motivi. Il 2020 è l’anno di riferimento delle norme dell’Unione Europea sulle emissioni di Co2, che limitano le emissioni medie per chilometro. Inoltre, la Germania ha aumentato i sussidi per l’acquisto di auto elettriche a febbraio e gli impatti del sistema introdotto in Italia nel 2019 per incoraggiare le auto elettriche hanno iniziato a influenzare il mercato.

Il risultato: nei maggiori mercati automobilistici europei messi insieme (Francia, Germania, Italia e Regno Unito), le vendite di auto elettriche nei primi quattro mesi del 2020 hanno raggiunto oltre 145.000 auto elettriche, circa il 90% in più rispetto allo stesso periodo l’anno scorso. In Norvegia, il paese con la più alta percentuale di auto elettriche nelle vendite complessive di auto, il numero di auto elettriche vendute tra gennaio e aprile 2020 è stato pressoché uguale a quello dello stesso periodo del 2019”.

ALCUNI MERCATI DI AUTO ELETTRICHE SONO CROLLATI MA ALTRI SONO CRESCIUTI

“Le auto elettriche avranno probabilmente un 2020 molto migliore rispetto al resto dell’industria automobilistica. Stanno gradualmente diventando competitive in alcuni paesi sulla base del costo totale di proprietà (che comprende le spese di carburante e i costi di acquisto), anche se il recente crollo dei prezzi del petrolio lo ha in qualche modo eroso. Ma gli elevati investimenti iniziali per i consumatori – i prezzi delle auto elettriche sono ancora più alti di quelli delle auto convenzionali – significano che il mercato delle auto elettriche si basa ancora sul sostegno del governo. Oggi, le auto elettriche in molti mercati sono soggette a numerosi incentivi e sforzi normativi. La maggior parte delle vendite globali di auto elettriche comporta un incentivo finanziario da parte dei governi che spesso assume la forma di sussidi all’acquisto diretto o riduzioni fiscali”, ammette Aie.

“La crisi di Covid-19 ha sollevato preoccupazioni sul fatto che la crisi economica potrebbe indurre i governi ad allentare gli standard di efficienza del carburante per ridurre la pressione sulle case automobilistiche in difficoltà o ridurre le misure di sostegno per le auto elettriche per liberare fondi da utilizzare altrove. Questo non è successo finora. La Cina ha annunciato che avrebbe prorogato i sussidi all’acquisto che inizialmente aveva programmato di interrompere quest’anno fino al 2022, sebbene a un ritmo leggermente ridotto. Inoltre, il tipico acquirente di auto elettriche in molti paesi tende ad essere più ricco del consumatore medio e potrebbe essere meno influenzato dalla recessione economica. E si prevede che circa 100 nuovi modelli di auto elettriche saranno disponibili nel corso del 2020, aumentando la scelta per i potenziali clienti”, precisa Aie.

“In questo contesto, è del tutto possibile che le vendite globali di auto elettriche nel 2020 continueranno la loro tendenza al rialzo, registrando un impatto sostanzialmente inferiore rispetto al mercato complessivo delle auto. La nostra stima principale oggi è che le vendite globali di auto elettriche superino leggermente il totale del 2019 per raggiungere oltre 2,3 milioni di unità e raggiungere una quota record del mercato complessivo delle auto di oltre il 3%. Ciò porta il numero totale di auto elettriche in circolazione in tutto il mondo a un nuovo record di circa 10 milioni, circa l’1% del parco automobilistico globale”, conclude Aie.