Energie del futuro

Berlino punta a chiudere le centrali nucleari entro il 2022

nucleare

Il reattore nucleare Philippsburg 2 della compagnia elettrica EnBW è stato chiuso il 31 dicembre. Una commissione speciale nominata dal governo ha proposto alla Germania di chiudere tutte le sue 84 centrali a carbone entro il 2038

La Germania sta andando avanti con il suo piano di dismissione graduale dei reattori nucleari entro il 2022 e ha già iniziato spegnendo lo scorso 31 dicembre il reattore Philippsburg 2 della compagnia elettrica EnBW.
Al momento la Germania dispone, dunque, di sei centrali nucleari che dovranno chiudere entro il 2022.

LA CHIUSURA SULLA SCIA DEL DISASTRO DI FUKUSHIMA

Sulla scia del disastro di Fukushima in Giappone nel 2011, la Germania ordinò l’arresto immediato di otto dei suoi 17 reattori, prevedendone l’eliminazione graduale entro il 2022. Il reattore Philippsburg 2 vicino alla città di Karlsruhe, nella Germania sud-occidentale, ha fornito energia per 35 anni. Il Philippsburg 1 era stato aperto nel 1979 e chiuso nel 2011.

GERMANIA ULTIMA A ELABORARE PIANO DI USCITA DAL CARBONE

Negli ultimi anni, la produzione di energia nucleare in Germania è risultata in calo con lo stop di diverse centrali nucleari, compensata da un aumento della produzione di elettricità da fonti rinnovabili. Nel gennaio di quest’anno, la Germania è diventata l’ultima grande economia europea a elaborare un piano per l’eliminazione graduale della produzione di energia elettrica tramite carbone.

ADDIO AL CARBONE NEL 2038

Una commissione speciale nominata dal governo ha proposto alla Germania di chiudere tutte le sue 84 centrali a carbone entro il 2038. La Germania, dove il carbone attualmente fornisce circa il il 35 per cento della produzione di energia, ha un calendario più lungo per l’eliminazione graduale del carbone rispetto al Regno Unito e all’Italia, ad esempio, che pianificano il phase out entro il 2025.

CON LO STOP AL NUCLEARE LA GERMANIA HA BISOGNO DI CARBONE ALMENO FINO AL 2030

La chiusura di tutti i reattori nucleari in Germania entro il 2022 significa che la Germania potrebbe aver bisogno di trattenere metà della sua produzione di energia a carbone fino al 2030 per compensare l’eliminazione graduale del nucleare, ha dichiarato il ministro tedesco dell’Economia e dell’Energia Peter Altmaier all’inizio di quest’anno.