Energie del futuro

In Cile il primo progetto di solare termodinamico dell’America latina

cile

Il progetto Cerro Dominador in Cile permette di accumulare il calore solare per convertirlo in elettricità anche nelle ore notturne

La società di investimento statunitense EIG Global Energy Partners ha inaugurato questa settimana il primo impianto di solare termodinamico di tutta l’America latina: si trova in Cile, nel deserto di Atacama.

CONVERSIONE IN ELETTRICITÀ ANCHE DI NOTTE

Il progetto – chiamato Cerro Dominador – ha un valore di 1,4 miliardi di dollari ed era stato annunciato nel 2013. Utilizzerà una tecnologia che permette l’accumulo del calore solare per convertirla in elettricità anche nelle ore notturne. I pannelli fotovoltaici tradizionali, al contrario, producono energia solo in presenza di sole.

IL PHASE-OUT DEL CARBONE IN CILE

Il presidente del Cile, Sebastián Piñera, ha parlato del progetto come di un “contributo enorme allo sviluppo del nostro paese e alla qualità di vita della nostra gente”.

Il Cile dispone di sole e vento in abbondanza, e punta a sfruttare questo vantaggio per installare capacità rinnovabile per eliminare quella a carbone entro il 2040 e raggiungere la neutralità carbonica dieci anni dopo.

Il progetto Cerro Dominador sarà particolarmente utile al rapido phase-out del carbone, perché consente di fornire elettricità alla rete in maniera continuativa come una centrale alimentata con questo combustibile. Gli impianti eolici e solari tradizionali, al contrario, sono intermittenti e dipendono dalle condizioni meteorologiche.

RITARDI E PROBLEMI DEL PROGETTO

Il progetto ha subito alcuni contrattempi durante la fase di costruzione che hanno intaccato la competitività. Ma Fernando González, l’amministratore delegato della società che gestisce l’impianto, ha detto all’agenzia Reuters che Cerro Dominador raggiungerà lo stesso gli obiettivi previsti.

“Ovviamente, un impianto che uno spera di costruire in tre anni e poi ne richiede sei… ha una ricaduta finanziaria. Il ritorno [dell’investimento, ndr] è inferiore di quanto inizialmente previsto”, ha specificato, “ma stiamo lavorando per ripristinarlo, per firmare nuovi contratti, per vendere ulteriore energia che non abbiamo messo a contratto”.

210 MW DI PRODUZIONE

Il progetto Cerro Dominador produrrà un totale di 210 megawatt di energia pulita, una quantità sufficiente ad alimentare oltre 380mila case in Cile, stando alle stime del governo. L’impianto è stato costruito da un consorzio fra le società spagnole Abengoa e Accion, con il finanziamento del programma Laif dell’Unione europea e dell’agenzia di sviluppo cilena Corfo.