skip to Main Content

Cina, nuovo accordo in America latina

Biden America Latina

State Grid, che distribuisce energia elettrica in Cina, acquisirà una società in Cile per 2,5 miliardi di euro ed è già presente in altri paesi dell’America latina

State Grid Corporation of China, la società statale cinese che si occupa della distribuzione dell’energia elettrica nel paese, acquisirà una compagnia energetica in Cile per 2,57 miliardi di euro. Si tratta del primo accordo all’estero per State Grid in quasi un anno.

I DETTAGLI DELL’ACCORDO

Il gruppo spagnolo Naturgy Energy ha detto di aver venduto a State Grid il 96 per cento della sua quota in Compañia General de Electricidad (CGE), società cilena che opera nei settori dell’elettricità e del gas naturale.

L’accordo – a darne la notizia è stata per prima Bloomberg – darà agli asset di CGE un enterprise value di 4,3 miliardi di euro.

Per Naturgy il guadagno sarà di 400 milioni. Non è la sola compagnia spagnola che si sta distaccando dall’America latina, temendo di subire perdite per via della volatilità dell’economia regionale. Mantiene comunque delle operazioni in Perù, in Argentina e in Brasile.

COSA FA LA CINA IN AMERICA LATINA

L’accordo in Cile permetterà a State Grid – l’utility più grande al mondo – di accedere ad un mercato inserito nella tradizionale sfera di influenza politica degli Stati Uniti. Non si tratta però di un caso isolato. Al contrario, negli ultimi anni le compagnie energetiche cinesi hanno rafforzato la loro presenza in America latina attraverso investimenti in società di logistica, di servizi e di telecomunicazioni.

Come spiega Bloomberg, le aziende cinesi di servizi pubblici stanno riproponendo lo stesso approccio adottato dalle compagnie petroliferi cinesi – come Sinopec, CNPC e CNOOC – all’inizio degli anni Duemila e fondato sull’acquisizione di asset in America latina.

Dagli anni 2010, invece, a fare ingresso nella regione sono state le società elettriche, focalizzandosi soprattutto nelle attività di generazione e trasmissione dell’energia elettrica in Brasile.

Per quanto riguarda State Grid, gli investimenti in Brasile – pari a 12,4 miliardi di dollari nel 2019 – rappresentano il 60 per cento degli investimenti dell’azienda al di fuori della Cina. Nel 2017, ad esempio, la compagnia ha rilevato CPFL Energia, una delle più grandi società private del settore elettrico in Brasile, e si occupa della costruzione della rete di trasmissione per la centrale idroelettrica di Belo Monte.

In Cile, invece, State Grid ha acquisito gli asset di Sempra Energy, società americana di infrastrutture energetiche.

Marco Dell'Aguzzo

Giornalista, si occupa di esteri, energia e geopolitica, con un’attenzione particolare per il Messico e il Canada.

Scrive su “Energia Oltre”, oltre a collaborare con “IL – Il maschile del Sole 24 ORE”, “Aspenia online”, “Start Magazine” ed “eastwest”. A volte è ospite a Radio3 Mondo (Rai Radio 3).

Su Twitter è @marcodellaguzzo.

Back To Top