skip to Main Content

Come l’Europa può proteggere i poveri dall’aumento dei prezzi dell’energia

Energia

Il Fondo monetario internazionale propone un sostegno ai più vulnerabili nel suo blog sulle questioni economiche e politiche urgenti del giorno.

Con i combustibili fossili che probabilmente rimarranno costosi per un po’ di tempo, i governi dovrebbero lasciare che i prezzi al dettaglio aumentino per promuovere il risparmio energetico proteggendo al contempo le famiglie più povere. È quanto sostiene il Fondo monetario internazionale nel suo blog.

AUMENTA IL COSTO DELLA VITA PER GLI EUROPEI

L’impennata dei prezzi dell’energia, ricorda il Fmi “ha notevolmente aumentato il costo della vita per gli europei. Dall’inizio dello scorso anno, i prezzi mondiali del petrolio sono raddoppiati, i prezzi del carbone sono quasi quadruplicati e i prezzi europei del gas naturale sono aumentati di quasi sette volte. Con i prezzi dell’energia destinati a rimanere al di sopra dei livelli pre-crisi per qualche tempo, l’Europa deve adattarsi a costi di importazione più elevati per i combustibili fossili”.

CONSENTIRE L’INTERO AUMENTO PER INCORAGGIARE IL RISPARMIO ENERGETICO

I governi, dal canto loro, aggiunge il Fmi “non possono impedire la perdita di reddito nazionale reale derivante dallo shock delle ragioni di scambio. Dovrebbero consentire che l’intero aumento dei costi dei combustibili passi agli utenti finali per incoraggiare il risparmio energetico e il passaggio dai combustibili fossili. La politica dovrebbe passare da un sostegno ad ampio raggio, come il controllo dei prezzi, a aiuti mirati come i trasferimenti alle famiglie a basso reddito che soffrono maggiormente di bollette energetiche più elevate”.

AUMENTO MEDIO DEL 7%

“In un nuovo documento di lavoro, stimiamo che la famiglia media europea vedrà un aumento di circa il 7% del costo della vita quest’anno rispetto a quanto previsto all’inizio del 2021. Ciò riflette l’effetto diretto dei prezzi più elevati dell’energia, nonché il loro passaggio ad altri beni e servizi. Le grandi differenze di impatto tra i paesi riflettono normative, risposte politiche, strutture di mercato e pratiche contrattuali diverse. Il picco del costo della vita potrebbe peggiorare in caso di interruzione delle forniture di gas dalla Russia – ha sottolineato ancora il Fondo monetario internazionale -. Nella maggior parte dei paesi europei, i prezzi più elevati dell’energia impongono un onere ancora più pesante alle famiglie a basso reddito perché spendono una quota maggiore del loro budget per elettricità e gas”.

Solo per fare qualche esempio, il Fmi cita Estonia e Regno Unito dove “il costo della vita del 20 per cento più povero delle famiglie è destinato a crescere di circa il doppio di quello dei più ricchi. Mettere in atto misure di soccorso a sostegno delle famiglie a basso reddito, che hanno meno mezzi per far fronte all’impennata dei prezzi dell’energia, è quindi una priorità”, ha esortato il Fondo monetario.

“Finora, i responsabili politici europei hanno reagito all’impennata dei costi energetici principalmente con misure di soppressione dei prezzi di ampia portata, inclusi sussidi, tagli alle tasse e controlli sui prezzi – ha precisato il Fmi -. Ma sopprimere il passaggio ai prezzi al dettaglio semplicemente ritarda il necessario adeguamento allo shock energetico riducendo gli incentivi per le famiglie e le imprese a risparmiare energia e migliorare l’efficienza. Mantiene la domanda globale di energia e i prezzi più alti di quanto sarebbero altrimenti”.

Inoltre, “il costo crescente di queste misure sta comprimendo il limitato spazio fiscale delle economie a causa del persistere di prezzi elevati. In molti paesi il costo quest’anno supererà l’1,5 per cento della produzione economica, principalmente a causa di ampie misure di soppressione dei prezzi”.

SOSTEGNO MIRATO AI PIU’ VULNERABILI

Per questi motivi, esorta ancora il Fmi “i responsabili politici dovrebbero passare con decisione da misure di ampia portata a politiche di soccorso mirate, compreso il sostegno al reddito per i più vulnerabili. Ad esempio, compensare completamente l’aumento del costo della vita per il 20% più povero delle famiglie costerebbe ai governi in media lo 0,4% del PIL per tutto il 2022. Compensare completamente il 40% più povero costerebbe lo 0,9% del PIL. La quota della popolazione che riceve un compenso varia da paese a paese a seconda delle preferenze della società e dello spazio fiscale. Ma idealmente dovrebbe essere progettato in modo da evitare ‘effetti scogliera’, con benefici che diminuiscono gradualmente a livelli di reddito più elevati – ha concluso il Fondo monetario internazionale -. Alcuni governi stanno anche sostenendo le imprese. Ciò è appropriato solo se un’impennata dei prezzi di breve durata provoca il fallimento di aziende altrimenti redditizie. Ci sarebbe, ad esempio, un valido motivo di sostegno se l’Europa dovesse affrontare un’interruzione completa dei flussi di gas e i paesi dovessero razionare temporaneamente il gas all’industria. Anche le aziende che svolgono un ruolo fondamentale nell’importazione e nella distribuzione di energia potrebbero aver bisogno di supporto quando i prezzi aumentano. Nella maggior parte dei casi, tuttavia, è difficile attuare un regime di sostegno ben mirato alle imprese senza introdurre distorsioni e smussare gli incentivi al risparmio energetico. Poiché si prevede che i prezzi rimarranno elevati per diversi anni, le ragioni per sostenere le imprese sono generalmente deboli”.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore