skip to Main Content

Dalla Cina più impianti a carbone delle dismissioni nel resto del mondo nel 2020

Fossili

La Cina ha anche 88,1 GW di energia a carbone in costruzione. E altri 158,7 GW sono stati proposti per la costruzione.

Nonostante gli impegni di diventare un’economia net zero emission entro il 2060, la Cina, il più grande generatore a carbone ed emettitore di anidride carbonica del globo, lo scorso anno ha commissionato più impianti di questo tipo di quanti non se ne siano ‘pensionati’ nel resto del mondo. È quanto emerge dal nuovo report di Global Energy Monitor (GEM).

I NUMERI

La Cina ha commissionato 38,4 gigawatt (GW) di nuove centrali a carbone nel 2020, compensando il record di 37,8 GW di capacità dismessa l’anno scorso, secondo il rapporto.

Il boom del carbone in Cina ha rappresentato il 76% della nuova capacità globale di 50,3 GW. A livello globale, la messa in servizio di nuovi impianti è crollata del 34% nel 2020 a causa delle difficoltà nell’ottenere finanziamenti e dei ritardi dovuti alla pandemia.

IL RUOLO DELL’INDIA

L’India, che continua a fare affidamento sul carbone, ha visto aumentare la capacità energetica del combustibile di soli 0,7 GW nel 2020, con 2 GW commissionati e 1,3 GW dismessi, secondo il rapporto GEM.

LA CINA SPINGE ANCORA

La Cina ha anche 88,1 GW di energia a carbone in costruzione. E altri 158,7 GW sono stati proposti per essere realizzati nei prossimi anni.

USA PRIMI PER PENSIONAMENTI DI IMPIANTI A CARBONE, SECONDA L’UE

Nel frattempo, il resto del mondo sta dismettendo capacità a carbone e annunciando il ritiro completo dal settore. L’anno scorso, i ‘pensionamenti’ sono stati guidati dagli Stati Uniti con 11,3 GW e dall’Ue con 10,1 GW di capacità dismessa.

IL BOOM PROMESSO DA TRUMP UN FALLIMENTO

“Il boom del carbone promesso dal presidente Trump è stato un fallimento con i ritiri delle centrali a carbone statunitensi durante il mandato quadriennale di Trump saliti a 52,4 GW, superando i 48,9 GW dismessi durante il secondo mandato del presidente Obama”, ha ammesso Global Energy Monitor.

MYLLYVIRTA (CREA): CON ANNULLAMENTO NUOVE CENTRALI CINA SU BUONA STRADA PER SVILUPPO A BASSE EMISSIONI

Commentando il boom del carbone in Cina, Lauri Myllyvirta, capo analista presso il Center for Research on Energy and Clean Air (CREA), ha dichiarato: “Sono state annunciate dozzine di nuovi progetti, pari alla capacità totale di energia a carbone della Germania e della Polonia messe insieme l’anno scorso in Cina. Annullarli metterebbe il paese sulla buona strada per lo sviluppo a basse emissioni che la leadership afferma di voler perseguire”, ha osservato Myllyvirta.

RAGIONI AUMENTO IN CINA SONO DOVUTE A IMPENNATA DOMANDA ENERGIA

La produzione cinese di energia elettrica a carbone è aumentata lo scorso anno a causa della crescente domanda di elettricità che ha superato le installazioni di nuova capacità di energia pulita, rendendo la Cina l’unico paese del G-20 con una crescente produzione di combustibile, ha dichiarato Ember in un rapporto separato il mese scorso.

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore

live
Back To Top

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra mailing list per ricevere la nostra newsletter

Iscrizione avvenuta con successo, ti dovrebbe arrivare una email con la quale devi confermare la tua iscrizione. Grazie, il tuo Team Start Magazine

Errore