Fact checking e fake news

Ecco com’è andata Equinor nel secondo trimestre 2020

Equinor

Equinor è sulla buona strada per realizzare il piano annunciato per la riduzione dei costi per il 2020 di circa 700 milioni di dollari

Equinor riporta utili rettificati di 0,35 miliardi di dollari Usa, 0,65 miliardi al netto delle imposte nel secondo trimestre del 2020. Il risultato operativo netto degli IFRS è stato negativo di 0,47 miliardi di dollari mentre l’utile netto IFRS è stato negativo di 0,25 miliardi di dollari. La compagnia norvegese, sottolinea una nota, ha dovuto affrontare un secondo trimestre caratterizzato da “risultati finanziari influenzati dalla pandemia di Covid-19 e prezzi delle materie prime molto bassi” in cui ha comunque ottenuto “buoni risultati commerciali, acquisendo un valore significativo in mercati volatili”.

SÆTRE (CEO EQUINOR): RISULTATI FINANZIARI NFLUENZATI DA PREZZI DEL PETROLIO E DEL GAS MOLTO BASSI A CAUSA DELLA PANDEMIA DI COVID-19

“I nostri risultati finanziari per il secondo trimestre sono stati influenzati da prezzi del petrolio e del gas molto bassi a causa della pandemia di Covid-19, ma anche da una forte performance commerciale in mercati volatili. Ora vediamo una riapertura graduale della società in alcune parti del mondo, mentre altre regioni sono ancora pesantemente colpite dalla pandemia. Equinor ha intrapreso azioni energiche per proteggere la sicurezza del personale e per contribuire positivamente nella società e mitigare la diffusione del virus. Siamo stati anche in grado di mantenere operazioni stabili e implementare diverse misure per salvaguardare la forza finanziaria”, ha affermato Eldar Sætre, Presidente e CEO di Equinor ASA.

“Abbiamo ridotto i costi, mantenuto solide prestazioni operative e continuato a privilegiare il valore rispetto al volume, rinviando la produzione significativa di gas flessibile a periodi con prezzi più elevati. Abbiamo anche continuato a far progredire il nostro portafoglio di progetti altamente competitivo, supportato da misure politiche attive in Norvegia che consentono all’industria di continuare a lavorare su progetti pianificati che stimoleranno nuovi investimenti e manterranno l’attività in un periodo difficile. Dall’inizio del trimestre, abbiamo firmato contratti e accordi quadro per oltre 10 miliardi di corone a fornitori competitivi in ​​Norvegia”, ha aggiunto Sætre.

“Prevediamo che la volatilità del mercato continuerà ad andare avanti. Le implicazioni a lungo termine del mercato di Covid-19, con possibili minori richieste e minori investimenti nel settore, rimangono incerte. Tuttavia, la direzione strategica di Equinor rimane ferma e ci impegniamo a sviluppare Equinor come un’azienda energetica in grado di creare valore in un futuro a basse emissioni di carbonio. Insieme ai nostri partner, abbiamo preso decisioni di investimento positive per il trasporto e lo stoccaggio di CO2 nel progetto Northern Lights e per il campo di Sleipner per essere parzialmente elettrificato con energia rinnovabile da terra”, afferma Sætre.

IL PIANO DI TAGLIO DEI COSTI PER 700 MLN NEL 2020 VA AVANTI

Equinor è sulla buona strada per realizzare il piano annunciato per la riduzione dei costi per il 2020 di circa 700 milioni di dollari rispetto alle stime originali. I costi operativi usptream e i costi unitari di produzione sono notevolmente ridotti dal secondo trimestre del 2019.

DIVIDENDO A QUOTA 0,09 DOLLARI PER AZIONE

Il consiglio di amministrazione ha deciso un dividendo in contanti di 0,09 dollari per azione per il secondo trimestre 2020.