Advertisement vai al contenuto principale
Economia Circolare

Ecco perché una forte economia circolare può essere un vantaggio per la biodiversità

Le pratiche dell’economia circolare possono aiutare a salvaguardare la biodiversità riducendo l’uso delle risorse primarie, prevenendo l’inquinamento e, in particolare, procurandosi materiali attraverso pratiche rispettose della biodiversità. Ecco cosa dice il briefing dell’AEA

Le azioni verso un’economia circolare sono della massima importanza per salvaguardare la natura, ridurre l’inquinamento e raggiungere la neutralità climatica in Europa entro il 2050. Il briefing, pubblicato oggi dall’Agenzia europea dell’ambiente (AEA), sottolinea che, oltre agli sforzi in corso per prevenire i rifiuti, specifiche pratiche di economia circolare nell’approvvigionamento di materie prime hanno un potenziale significativo anche per proteggere e migliorare la biodiversità.

IL BRIEFING AEA

Il briefing dell’AEA – l’Agenzia europea dell’ambiente – “I vantaggi per la biodiversità di una forte economia circolare” esplora come l’economia circolare può ridurre e, in alcuni casi, invertire gli impatti della produzione e del consumo sulla biodiversità.

Diverse valutazioni recenti hanno sollevato allarmi per la perdita di biodiversità e il declino degli ecosistemi in Europa e nel mondo a causa di modelli di produzione e consumo insostenibili. Il nuovo briefing dell’AEA sottolinea che le pratiche dell’economia circolare possono aiutare a salvaguardare la biodiversità riducendo l’uso delle risorse primarie, prevenendo l’inquinamento e, in particolare, procurandosi materiali attraverso pratiche rispettose della biodiversità.

ECONOMIA CIRCOLARE: I BENEFICI PER LA BIODIVERSITA’

Secondo il briefing dell’AEA, l’approvvigionamento rispettoso della biodiversità di, ad esempio, cibo, materiali da costruzione e tessuti merita maggiore attenzione in quanto può amplificare il potenziale dell’economia circolare per ridurre o addirittura invertire la perdita di biodiversità. Tali pratiche includono l’utilizzo di alghe per l’alimentazione degli animali o fertilizzanti per colture, il ricircolo dell’acqua dai tetti verdi e l’utilizzo di metodi di produzione agroforestale per i tessuti. Questo tipo di approvvigionamento rispettoso della biodiversità deve essere aggiunto alla tradizionale gerarchia di “riduzione, riutilizzo e riciclaggio” nelle azioni di economia circolare, afferma il briefing dell’AEA.

CHI PUO’ E DEVE AGIRE

I responsabili politici, le imprese e i cittadini – secondo l’AEA – possono tutti svolgere un ruolo nel rendere le azioni di economia circolare più vantaggiose per la natura. I responsabili politici devono progettare politiche che assicurino una forte integrazione tra le azioni dell’economia circolare e gli aspetti della biodiversità lungo l’intero ciclo di vita di beni e servizi . Le aziende devono sviluppare e potenziare le innovazioni, prestando attenzione alla durata dei prodotti, all’inquinamento e all’approvvigionamento dei materiali. I consumatori possono sostenere queste azioni riducendo il consumo complessivo e chiedendo scelte più rispettose della biodiversità. I cambiamenti dietetici da soli possono aiutare a liberare terra, ridurre il consumo di acqua e ridurre le emissioni di gas serra, osserva il briefing dell’AEA.

 

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Torna su