Advertisement vai al contenuto principale
Tutto Quello Che C'è Da Sapere Per Installare I Pannelli Solari In Casa

A che punto è la tassazione delle emissioni? Report Ocse

 
Che cosa dice l’ultimo rapporto dell’Ocse “Effective Carbon Rates 2023”

“Il 2021 è stato un anno cruciale per le iniziative di determinazione dei prezzi del carbonio, con l’introduzione di sistemi di scambio di emissioni in diverse giurisdizioni e molti che hanno inserito nuove fasi. Inoltre, i sistemi di scambio di emissioni hanno registrato un forte aumento dei prezzi dei permessi, in particolare il sistema di scambio di quote di emissioni dell’Unione europea (EU ETS)”. A rilevarlo, il nuovo report dell’Ocse “Effective Carbon Rates 2023”. Tutti i dettagli.

IL CONTESTO

“La crisi energetica, esacerbata dalla guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina, ha cambiato il panorama politico, compreso l’uso di misure di sostegno fiscale e al reddito per attutire l’impatto dell’aumento dei prezzi dell’energia. Ciò ha influenzato i prezzi impliciti del carbonio derivanti dalle tasse sul carburante, con i prezzi dei permessi che si sono rivelati più resilienti.

Negli ultimi anni sono emerse diverse nuove realtà che potrebbero plasmare il futuro della tariffazione del carbonio, tra cui il meccanismo di adeguamento delle frontiere del carbonio dell’UE (CBAM) e l’eliminazione graduale della libera assegnazione dei permessi di emissione negoziabili. Diversi paesi stanno contemplando l’introduzione dei prezzi del carbonio e delle misure di frontiera, in parte in risposta al CBAM.

Gli Stati Uniti hanno massicciamente aumentato i loro sforzi di mitigazione con l’Inflazioni Reduction Act, facendo affidamento più sul sostegno per le opzioni a basse emissioni di carbonio che sull’aumento del prezzo delle emissioni di carbonio. Le proposte di integrazione del contenuto di carbonio nelle misure di frontiera o negli accordi commerciali sono in corso di adozione”.

LA TASSAZIONE DELLE EMISSIONI SECONDO L’OCSE

“Le aliquote fiscali nel settore del trasporto su strada sono diminuite nella grande maggioranza dei paesi dell’OCSE e del G20 tra il 2021 e il 2023 – spiega l’Ocse – in parte a causa del sostegno governativo e dell’elevata inflazione, erodendo i segnali di determinazione del prezzo del carbonio progettati per alterare il comportamento dei consumatori e aiutare i paesi a raggiungere gli obiettivi del cambiamento climatico”.

“I prezzi dei permessi di scambio di emissioni hanno mostrato una maggiore resilienza, tuttavia, aumentando o rimanendo stabili nella maggior parte dei paesi”, aggiunge il report presentato oggi al panel virtuale della Cop28 (che si apre il 30 novembre a Dubai). Che è stato realizzato tramite un’analisi su 72 Paesi rappresentanti dell’80% circa delle emissioni globali.

“Nonostante l’ambiente dei prezzi elevati dell’energia, sono stati osservati progressi negli sforzi per aumentare l’uso della tariffazione del carbonio. I sistemi di scambio di emissioni (ETS) si stanno progressivamente espandendo nei paesi in cui sono già stabiliti e vengono introdotti in nuovi paesi, con una serie di nuove iniziative che emergono in America Latina e in Asia. Secondo il rapporto, i prezzi dei permessi ETS sono stati resistenti agli shock dei prezzi dell’energia, con prezzi in aumento per la maggior parte dei sistemi tra il 2021 e l’inizio del 2023, per lo più applicandosi ai prezzi del carbonio nei settori dell’elettricità e dell’industria”. Tasse specifiche sui combustibili fossili, tasse sul carbonio e prezzi dei permessi di emissione negoziabili sono i tre criteri per la misurazione dei prezzi. 

“Quasi il 60% dei circa 40 miliardi di tonnellate di emissioni di gas serra non aveva un prezzo nei 72 paesi trattati in questo rapporto nel 2021 – ricorda l’Ocse – in calo rispetto a circa il 70% delle emissioni di gas serra senza prezzo nel 2018, con una significativa variazione di copertura, prezzi e strumenti di prezzo tra settori e paesi”. Quanto alle emissioni da uso non energetico, queste “possono rappresentare una quota significativa delle emissioni totali in alcuni paesi, ma sono le meno coperte dalle misure di tariffazione del carbonio”.

I RISULTATI PRINCIPALI

Di seguito, i risultati principali emersi dal report dell’Ocse.

Nel 2021, il 58% dei circa 40 miliardi di tonnellate di emissioni di gas serra non aveva un prezzo nei 72 paesi coperti in questo rapporto, con variazioni significative di copertura, prezzi e strumenti di prezzo tra settori e paesi.

  • Circa il 16% delle emissioni di gas a effetto serra ha un prezzo di 30 EUR per tonnellata di CO2 o più, e del 7% superiore a 60 EUR per tonnellata di CO2.
  • La quota di emissioni di gas serra coperte dalla tariffazione del carbonio varia da un settore all’altro, che va da solo circa il 4% delle altre emissioni di gas a effetto serra a circa il 93% delle emissioni a prezzo nel settore del trasporto su strada.
  • I segnali dei prezzi del carbonio derivano principalmente dalle accise sui carburanti, che coprono più emissioni e hanno tassi più elevati rispetto ai due strumenti espliciti di determinazione del carbonio (tasse sul carbonio e sistemi di scambio di emissioni). Tuttavia, c’è eterogeneità tra paesi e settori. Nei settori dei trasporti su strada e fuoristrada e nel settore dell’agricoltura e della pesca, le accise sul carburante rappresentano oltre l’80 per cento della Raccolta. Le tasse sul carbonio tendono ad essere più significative come quota nell’ECR per il settore degli edifici che in altri settori. Le emissioni del settore dell’elettricità e dell’industria sono prevalentemente valutate attraverso gli ETS. I paesi con i più alti ECR hanno maggiori probabilità di avere almeno una copertura parziale delle loro emissioni da parte di un ETS e di avere le più alte tasse sul carbonio.

Lo scambio di emissioni rimane il principale strumento esplicito di determinazione del prezzo del carbonio nel 2021.

  • Nel 2021, i meccanismi espliciti di tariffazione del carbonio hanno coperto più emissioni di gas serra in tutto il mondo rispetto al 2018. Inoltre, c’è stato un maggiore aumento della copertura e dei prezzi marginali attraverso lo scambio di emissioni rispetto alle tasse sul carbonio: la copertura da parte dei sistemi di scambio di emissioni è più che raddoppiata tra il 2018 e il 2021 (da circa il 13% al 27% delle emissioni di CO2 derivanti dall’uso di energia nei 72 paesi inclusi in questa relazione) e i prezzi medi dei permessi in tutti gli ETS e le emissioni coperte sono aumentati di quasi il 40% (da circa 11,2 EUR per tonnellata di CO2 a 15,5 EUR per tonnellata di CO2). Al contrario, la copertura (circa il 7% delle emissioni) e le aliquote fiscali medie (circa 12 EUR per tonnellata di CO2) sono rimaste quasi le stesse per le imposte sul carbonio.
  • Tra il 2018 e il 2021, sono stati introdotti diversi ETS e altri sono entrati in nuove fasi. Nel 2021, Cina e Germania hanno implementato ETS settoriali a livello nazionale, mentre diverse province canadesi hanno adottato ETS in risposta all’introduzione del sistema di backstop federale dei prezzi dell’inquinamento da carbonio. Nel 2020, il Messico ha lanciato la fase pilota per un ETS nazionale, con la fase operativa che inizierà nel 2023. Le nuove fasi o i periodi di conformità degli ETS esistenti hanno avuto notevoli implicazioni per i livelli di cap, la riduzione annuale o i fattori di conformità, la copertura settoriale e i calcoli e le regole che disciplinano l’assegnazione gratuita delle quote, aumentando nel complesso il rigore dei sistemi.
  • Nel 2021, la copertura ETS delle emissioni di CO2 derivanti dall’uso di energia variava da circa il 99% in Nuova Zelanda a circa l’1,7% in Giappone.
  • Gli ETS coprono comunemente le emissioni generate dai settori dell’elettricità e dell’industria; tuttavia, un numero crescente di nuovi ETS si applica a monte (cioè ai fornitori di carburante) e coprono le emissioni degli edifici e dei settori dei trasporti.

Contrariamente alla maggior parte delle tasse sul carbonio e sui carburanti, i segnali di prezzo marginale e medio spesso divergono negli ETS. Questa disparità deriva dalla libera assegnazione delle quote, che può avere implicazioni per gli incentivi agli investimenti e le entrate generate.

  • La quota di assegnazione gratuita di quote nelle emissioni verificate varia dal 19% al 100% nei paesi coperti da questa relazione, con una media del 55%. La variazione delle quote può essere attribuita alle diverse composizioni industriali dei paesi, alla maturità dei loro ETS, ai vincoli politici, alle preferenze nazionali e ad altri fattori. Nell’EU ETS, i settori industriali ritenuti più a rischio di dispersione di carbonio ricevono le maggiori quote di assegnazione gratuita. Le iniziative regionali sui gas serra e sul Massachusetts, che coprono il settore elettrico, forniscono permessi gratuiti minimi o non consentiti.
  • Nei settori dell’elettricità e dell’industria, l’allocazione gratuita indebolisce il segnale di prezzo medio derivante dagli ETS, creando un divario tra i tassi di carbonio medi effettivi e marginali. Anche se i prezzi delle autorizzazioni nei settori dell’elettricità e dell’industria sono rispettivamente di 11,5 EUR per tonnellata di CO2 e 27,1 EUR per tonnellata di CO2 in media, questi settori sono assegnati rispettivamente l’88% e l’84% delle loro quote gratuitamente.

Contrariamente alle tasse, i prezzi dei permessi possono sperimentare una volatilità significativa anche nel corso di un solo anno. Questa volatilità può ostacolare gli investimenti sostenuti in tecnologie a basse emissioni di carbonio e zero.

  • I meccanismi di stabilità dei prezzi esistono in molti sistemi, sia attraverso approcci diretti (ad esempio attraverso piani di prezzo o massimali), approcci indiretti (ad esempio attraverso riserve di stabilità del mercato) o una combinazione di entrambi.

Dal 2021, la crisi energetica e la guerra di aggressione della Russia contro l’Ucraina hanno portato a risposte politiche, che hanno portato a cambiamenti nel panorama della tassazione dell’energia e dei prezzi del carbonio nel 2022 e nel 2023. I governi hanno cercato di fornire sostegno alle loro famiglie e imprese attraverso la riduzione delle tasse sull’energia, tra le altre misure di sostegno. Gli sviluppi chiave dal 2021 hanno incluso:

  • Nonostante un ambiente di prezzi elevati dell’energia nel periodo, sono emerse nuove iniziative ETS, per lo più in America Latina (ad es. Messico) e in Asia (ad es. Indonesia).
  • I prezzi dei permessi ETS sono aumentati per la maggior parte dei sistemi tra il 2021 e l’inizio del 2023, con l’aumento che si svolge principalmente tra il 2021 e il 2022.
  • Le aliquote fiscali nel settore del trasporto su strada sono diminuite in termini reali, a causa dei tagli delle aliquote in risposta agli aumenti dei prezzi al lordo delle imposte, ma anche a causa della mancanza di indicizzazione all’inflazione. I tassi sono diminuiti di più tra il 2021 e il 2022 che tra il 2022 e il 2023.
  • All’interno dei paesi dell’OCSE e del G20, il divario tra l’ECR affrontato dal settore del trasporto su strada e quello affrontato dai settori dell’elettricità e dell’industria si è ridotto tra il 2021 e il 2023, a causa di una diminuzione delle accise sul carburante e di un aumento dei prezzi dei permessi.

Altre emissioni di gas serra (metano, protossido di azoto, gas fluorurati ed emissioni di CO2 del processo industriale) possono rappresentare una quota significativa delle emissioni totali in alcuni paesi. Ciò sottolinea la necessità di incorporare queste emissioni nella progettazione di percorsi per le emissioni nette-zero. Tuttavia, sono i meno coperti da misure di prezzo.

  • Nei 72 paesi analizzati, altri gas serra costituiscono tra l’8% e il 92% delle emissioni totali di gas serra dei paesi.
  • Affrontare efficacemente queste emissioni attraverso meccanismi di determinazione dei prezzi richiederà probabilmente l’esame di politiche di mitigazione al di là delle tasse sul carbonio, che sono progettate principalmente per affrontare le emissioni di CO2.
  • Le incertezze nella misurazione di questi altri gas serra rappresentano anche una sfida per i metodi standard di monitoraggio, segnalazione e verifica (MRV) utilizzati per gli ETS. Misurare la base imponibile per le altre emissioni di gas serra è considerevolmente più difficile che per le emissioni di CO2.
  • Attualmente, gli strumenti di determinazione dei prezzi che coprono altre emissioni di gas a effetto serra si applicano generalmente solo alle emissioni generate dai processi industriali, che sono in parte coperti dagli ETS e da alcune tasse sul carbonio.
  • Nella maggior parte dei paesi, le emissioni agricole non legate all’energia costituiscono la quota più alta delle altre emissioni di gas serra. Trovare modi per valutare queste emissioni direttamente o indirettamente rappresenta una sfida per gli anni a venire.

Per l’Organizzazione, “ci sono notevoli disparità nella copertura dei prezzi del carbonio e nei livelli dei prezzi tra paesi e settori, con oltre la metà delle emissioni globali senza prezzo. Inoltre, la recente crisi energetica ha provocato un aumento senza precedenti dei prezzi dell’energia, costringendo i paesi a fornire sostegno attraverso misure non mirate. Queste misure, insieme a una stagnazione o a un taglio delle aliquote nominali sul carburante e sul carbonio in mezzo all’elevata inflazione, hanno indebolito i segnali dei prezzi del carbonio. Costruire la resilienza agli shock futuri e mantenere i segnali dei prezzi del carbonio può giustificare un approccio più mirato. Allo stesso tempo, le soluzioni a medio e lungo termine al cambiamento climatico e ai futuri shock energetici includono investimenti nell’efficienza energetica e nelle fonti e tecnologie energetiche a basse emissioni di carbonio. Inoltre, affrontare le emissioni di metano, protossido di azoto, gas fluorurati e CO2 correlata al processo rappresenta un’ulteriore sfida per gli anni a venire”.

 

Il rapporto completo Effective Carbon Rates 2023 è disponibile qui

ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Abilita JavaScript nel browser per completare questo modulo.

Rispettiamo la tua privacy, non ti invieremo SPAM e non passiamo la tua email a Terzi

Torna su