Sostenibilità

Enel sbarca nello Zambia

fotovoltaico enea

Enel Green Power ha avviato la costruzione del suo primo impianto solare fotovoltaico nel paese con un investimento di 40 milioni di dollari. Prevista la produzione di 34 MW e oltre 45.000 tonnellate di CO2 in meno in atmosfera

Enel Green Power (EGP), la divisione globale per le energie rinnovabili del Gruppo Enel, sbarca nello Zambia. L’azienda ha infatti avviato i lavori di costruzione di Ngonye, un impianto solare fotovoltaico da 34 MW.

SI TRATTA DEL PRIMO IMPIANTO DEL GRUPPO ENEL NELLO ZAMBIA

accordiL’impianto – il primo del Gruppo nello Zambia – si trova nella Lusaka South Multi-Facility Economic Zone, nella parte meridionale del paese. Ngonye fa parte del programma Scaling Solar del Gruppo della Banca Mondiale attuato dalla Industrial Development Corporation (IDC) dello Zambia, la società da cui nel giugno 2016 Enel si è aggiudicata il diritto alla proprietà, allo sviluppo, al finanziamento, alla costruzione e gestione dell’impianto.

CAMMISECRA: NUOVO TRAGUARDO PER IL RAFFORZAMENTO DELLA PRESENZA DEL GRUPPO NEL CONTINENTE AFRICANO

“L’avvio della costruzione dell’impianto solare di Ngonye rappresenta un nuovo traguardo per il rafforzamento della presenza del Gruppo Enel nel continente africano, dove siamo già il primo operatore privato per le rinnovabili in termini di capacità installata – ha commentato Antonio Cammisecra, responsabile di Enel Green Power, la divisione globale energie rinnovabili di Enel -. Grazie alla sua produzione di energia pulita, sostenibile e sicura, Ngonye rivestirà un ruolo significativo nel raggiungimento degli obiettivi di elettrificazione dello Zambia, dimostrando ancora una volta come gli impianti di generazione rinnovabile utility-scale siano la soluzione più efficace per assicurare l’accesso all’elettricità del continente”.

ENEL INVESTIRÀ CIRCA 40 MILIONI DI DOLLARI NELLA COSTRUZIONE DI NGONYE

Enel investirà circa 40 milioni di dollari Usa nella costruzione di Ngonye, il cui completamento è atteso nel primo trimestre del 2019. A giugno, il Gruppo Enel ha firmato con IDC un accordo di finanziamento di circa 34 milioni di dollari per la costruzione dell’impianto solare, che prevede prestiti senior fino a 10 milioni di dollari della International Financing Corporation (IFC) (Gruppo Banca Mondiale), fino a 12 milioni di dollari dal programma IFC-Canada Climate Change Program e fino a 11,75 milioni di dollari dalla Banca europea per gli investimenti (BEI).

A REGIME L’IMPIANTO DOVREBBE PRODURRE CIRCA 70 GWH ALL’ANNO

L’impianto solare Ngonye, che sarà di proprietà di una società veicolo controllata da EGP per l’80% e da IDC per il restante 20%, commercializzerà l’energia prodotta nel quadro di un accordo di fornitura energetica di 25 anni siglato con ZESCO, una utility di proprietà statale. A regime, l’impianto dovrebbe produrre circa 70 GWh all’anno, evitando l’emissione in atmosfera di oltre 45 mila tonnellate di CO2 l’anno.

LO ZAMBIA HA NECESSITÀ DI DIVERSIFICARE IL MIX DI GENERAZIONE ATTUALMENTE DOMINATO DALL’IDROELETTRICO

Lo Zambia, dove il consumo di elettricità registra una crescita media annua di circa il 5-6%, ha una significativa necessità di diversificare il mix di generazione, attualmente dominato dall’idroelettrico, e mira ad aumentare la sicurezza e la qualità dell’approvvigionamento, incoraggiando nel contempo l’elettrificazione delle aree rurali. Per questo, il governo dello Zambia ha lanciato una serie di iniziative per promuovere lo sviluppo delle energie rinnovabili, con particolare attenzione all’energia fotovoltaica, fissando l’obiettivo di installare fino a 600 MW di energia solare nei prossimi due o tre anni. In questo contesto, IDC ha lanciato una asta pubblica per lo sviluppo di due progetti fotovoltaici con una capacità totale fino a 100 MW strutturati secondo il programma Scaling Solar del Gruppo Banca Mondiale, con l’International Finance Corporation in qualità di advisor.