Sostenibilità

Fotovoltaico: Il settore chiede una strategia in Spagna

fotovoltaico

Secondo il piano UNEF, l’obiettivo è una crescita annuale stabile del fotovoltaico di 2,8 GW per raggiungere l’obiettivo nazionale del 2030 di 39,2 GW di capacità installata.

L’associazione spagnola del settore fotovoltaico Union Española Fotovoltaica (UNEF) chiede una strategia nazionale stabile e basata sul settore per il settore per gestire un investimento previsto di 20 miliardi di euro e creare un hub fotovoltaico in linea con le iniziative stabilite nel Green Deal europeo.

IL RAPPORTO UNEF

L’UNEF ha dichiarato in un rapporto inviato al governo, che il suo piano di reindustrializzazione include la produzione, l’esportazione e la digitalizzazione del settore in una strategia che punta agli obiettivi del paese per il 2030 prevista dal Piano Nazionale per l’Energia e il Clima.

EVITARE GLI ERRORI DEL PASSATO

“Gli errori del passato devono essere evitati, e lo sviluppo non deve assumere la forma di una bolla e poi di anni di inattività – ha detto l’UNEF -. Se lo sviluppo è stabile e accompagnato dalle misure giuste, creerà un complesso industriale tecnologicamente forte”.

“Il ruolo principale del settore energetico è quello di fornire una domanda costante per lo sviluppo stabile di nuove capacità – ha proseguito l’associazione -. Questo significherebbe sostenere un meccanismo di aste centralizzate per l’assegnazione di nuova capacità, nonché la riforma dell’attuale meccanismo di connessione alla rete e di altre procedure amministrative”.

LA SPAGNA UNO DEI PRIMI PAESI A MUOVERSI NEL FOTOVOLTAICO NEGLI ANNI ’90

La Spagna è stata uno dei primi paesi a muoversi nel mercato del fotovoltaico negli anni ’90, ma ha assistito a uno sviluppo estremamente sbilanciato, con il risultato che l’86% della sua attuale capacità installata di 8,9 GW è stato messo in atto durante due anni di boom, il 2008 e il 2019, entrambe per via di scadenze normative.

GLI OBIETTIVI DI UNEF

Secondo il piano UNEF, l’obiettivo è una crescita annuale stabile di 2,8 GW per raggiungere l’obiettivo nazionale del 2030 di 39,2 GW di capacità installata.

Ciò sarebbe sostenuto dallo sviluppo della capacità industriale del paese, dato che la Spagna è stata in precedenza leader di mercato con il 50% della produzione globale di pannelli solari nei primi anni ’90.

Questo si integrerebbe con le proposte del Green Deal europeo per un’economia circolare e senza emissioni che crei occupazione regionale, ha detto l’UNEF.

SPAGNA ATTRAE INVESTITORI ESTERI

La Spagna, ricca di sole, ha sempre rappresentato un’opportunità per gli investitori internazionali. Prima della pandemia di coronavirus, il settore fotovoltaico spagnolo era inondato da un boom di connessioni di rete, con oltre 90 GW, molte delle quali provenienti da operatori internazionali attratti dalla grid parity e da un boom di accordi per l’acquisto di energia elettrica.

La necessità per le aziende internazionali di andare senza emissioni di carbonio ha spinto sia il mercato dei PPA che l’interesse per i Certificati di Garanzia di Origine.

Il mercato degli accordi di acquisto di energia elettrica era fiorente prima della pandemia, con intese settimanali tra 40 Eur/MWh e 42 Eur/MWh a fronte di un prezzo medio all’ingrosso di 43,63 Eur/MWh per il secondo semestre 2019.

Tuttavia, la situazione si è attenuata negli ultimi due mesi dopo che i prezzi all’ingrosso sono scesi ad una media di 17,65 Eur/MWh nel corso del mese di aprile, con una ripresa limitata a maggio a 17,92/MWh, mentre l’industria e la politica del governo stanno lentamente riprendendosi con l’allentamento dal blocco nazionale.

IL MERCATO DEI CERTIFICATI DI GARANZIA DI ORIGINE È STATO UN FORTE MOTORE

Anche il mercato dei Certificati di Garanzia di Origine è stato un forte motore per il mercato del fotovoltaico.

Secondo un rapporto pubblicato la scorsa settimana dal regolatore spagnolo (CNMC), il mercato spagnolo dei certificati di garanzia di origine ha coperto 89,3 TWh di generazione rinnovabile nel 2019, supportato dall’interesse di nuovi operatori del settore come le compagnie petrolifere Repsol e Cepsa e gruppi internazionali che cercano di ottenere la neutralità del carbonio entro il 2050.

Da notare che circa un quarto dei Certificati di Garanzia di Origine generati in Spagna nel corso dell’anno sono stati esportati, con il dato del mercato fotovoltaico in ritardo rispetto alla quota complessiva, con l’11% rispetto ai 7,2 TWh emessi destinati all’esportazione, secondo CNMC.